Storie

di Nathan Algren

Bangladesh - Oltre 1,5 milioni di bambini a rischio inondazioni devastanti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Oltre 1,5 milioni di bambini sono esposti a un rischio maggiore di malattie legate all’acqua, annegamento e malnutrizione a causa delle estese inondazioni nel nord-est del Bangladesh. Questo l’allarme rilanciato oggi dall’Unicef che è sul campo coi partner governativi e non governativi per rispondere ai bisogni urgenti per quanto riguarda la sicurezza, la salute, la nutrizione, l’acqua pulita e l’istruzione dei bambini e delle loro famiglie.

Oltre 4 milioni di persone in 5 distretti nel nord-est del Bangladesh - Sylhet, Sunamganj, Habiganj, Netrokona and Maulvibazar – sono colpite da estese inondazioni. Sylhet e Sunamganj sono stati i distretti maggiormente colpiti, con l’acqua che ha superato i livelli di pericolo. I terreni agricoli e le infrastrutture fondamentali, fra cui centrali elettriche e scuole, sono stati sommersi.

Sono stati segnalati casi di diarrea, infezioni respiratorie e malattie alla pelle. Almeno 3 bambini sono morti dopo essere stati colpiti da un fulmine.

Centinaia di scuole sono state chiuse, compromettendo ulteriormente l’istruzione dei bambini. Dopo 18 mesi di chiusure scolastiche a causa della pandemia negli ultimi anni, i bambini stanno perdendo ancora una volta l’opportunità di imparare.

“I danni alle vite, alle case e alle scuole sono strazianti. In questo disastro, come in molti altri, i bambini sono i più vulnerabili”, ha dichiarato Sheldon Yett, Rappresentante Unicef in Bangladesh. L’agenzia, ha aggiunto, “sul campo per proteggere i bambini e rispondere ai loro bisogni urgenti, sostenendo il Governo e lavorando a stretto contatto con i nostri partner locali”.

Unicef sta sostenendo la risposta del Governo del Bangladesh alle inondazioni fornendo acqua potabile, kit igienici, latte terapeutico e kit didattici. L’UNICEF sta inoltre lavorando a stretto contatto con il Dipartimento dei Servizi Sociali per garantire che gli operatori sociali siano pronti a proteggere la sicurezza dei bambini. La sensibilizzazione delle comunità sulla prevenzione dell’annegamento è al centro della risposta

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/05/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Al Campus bio-medico di Roma non si insegna l’#aborto, e l’AMICA insorge

Chiedono la sospensione dell’istituto come “ente formativo” i membri dell’Associazione degli abortisti: la colpa sarebbe la fedeltà al giuramento di Ippocrate. Il sistema bio-politico che appiattisce le differenze (ovvero l’uniformità che diviene controllo), sono un modo per dettare legge sul pensiero delle masse: per il gender riguarda le differenze fisiche che non devono essere valorizzate, nel caso dell’economia si tratta dell’eliminazione del merito… non è però l’uguaglianza, quella della quale la cultura ha bisogno, perché il rispetto non nasce dall’equiparare le differenze. Si tratta solo di una forma di controllo: eliminare la libertà educativa, che in questo caso riguarda il presupposto col quale effettuare interventi chirurgici ginecologici ma in altri può significare molto di più (si pensi ai corsi scolastici su bullismo o erotismo) è una forma di controllo.

Leggi tutto

Storie

Utero in affitto in offerta speciale Black Friday

Maternità surrogata scontata in occasione del Black Friday. L’iniziativa parte dall’Ucraina.

Leggi tutto

Politica

USA: le scuole private per l’ideologia gender

E’ in corso una vera e propria tentazione ideologica di creare, sin dall’infanzia, un “uomo” nuovo, sradicato dal proprio cuore e dal proprio corpo

Leggi tutto

Società

Sentinelle in piedi e palloncini gonfiati

Successo a Cesena per la veglia delle Sentinelle in Piedi, solita contromanifestazione goffa degli Lgbt con i media che raccontano numeri che non ci sono

Leggi tutto

Media

Giulia Bovassi e la bioetica

“Bioetica è una disciplina per certi versi ancora sconosciuta nel nostro territorio nazionale. Alcuni addirittura ritengono che il suo oggetto sia evanescente o,al contrario, di nicchia e non spendibile al di fuori delle mura accademiche. A mio avviso una visione di questo genere è lacunosa e forzatamente riduttiva rispetto al suo potenziale: il carattere interdisciplinare le conferisce complessità, senza dubbio, ma anche versatilità, rendendola un potenziale spendibile su larga scala, dall’ospedale cittadino agli organi internazionali di politica e cultura”

Leggi tutto

Chiesa

La Madonna che viene dal mare

L’Osservatore Romano racconta la vicenda dell’antica immagine della Vergine esposta nella Basilica vaticana

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano