Storie

di Tommaso Ciccotti

FRANCIA - Il Rosario Vivente di Pauline Jaricot su un’App

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Voglio che recitiate il rosario ogni giorno in onore della Madonna del Rosario”: sono le parole della Vergine a Fatima, che appare a 3 bambini chiedendo al mondo intero di pregare il Rosario. La preghiera incessante del Rosario per la missione della Chiesa è stata un caposaldo nella spiritualità e nell’azione di Pauline Jaricot, la fondatrice dell’Opera per la Propagazione della Fede, beatificata a Lione il 22 maggio. Con questo spirito, nell’ottica di usare il potere di un canale universale come Internet per partecipare alla diffusione del Rosario nel mondo, Il social network e associazione cattolica di preghiera “Hozana”, con sede in Francia, ha lanciato l’Applicazione “Rosario” che può essere scaricata su smartphone e tablet, con l’idea di mettere in pratica, con mezzi moderni, il concetto del “Rosario Vivente”, immaginato da Pauline Jaricot nel 19° secolo

Spiegano gli organizzatori di Hozana: “Pauline Jaricot vive in una Francia segnata dall’anticlericalismo e dal declino del fervore religioso, dopo la Rivoluzione francese. Fiduciosa nell’efficacia del Rosario nel ravvivare la fede, immagina un modo molto semplice per avvicinare i suoi contemporanei a questa spiritualità: il Rosario Vivente che coinvolge gruppi di preghiera di 15 persone”.

Oggi ogni utente può costituire un gruppo di preghiera di 15 persone. Tutti si impegnano a meditare su uno dei misteri del Rosario recitandone un dieci al giorno, in comunione con il resto del gruppo. Così, ogni giorno, il gruppo medita insieme sui 15 misteri, cioè il Rosario completo.
“Perchè è un mezzo così potente?” ci si chiede. Ecco la risposta: perchè occorrono solo 5 minuti sono necessari per recitare una decina. È accessibile a tutti ed è il modo ideale per scoprire “dolcemente” la spiritualità del Rosario. Inoltre il metodo sottolinea “la forza del gruppo”: essere un anello di una catena di preghiera, essere consapevoli della comunione della preghiera porta sostegno e motivazione.

L’App “Rosario” permette di creare gruppi anche di 5 persone: “In un piccolo gruppo di preghiera di 5 persone che si conoscono - spiega la presentazione - ogni giorno ogni membro riceve un mistero del Rosario su cui meditare, con un breve testo per guidare la meditazione. Ogni giorno, ciascuno recita una decina meditando sul mistero che gli è stato dato. Alla fine della giornata, se tutti e 5 i membri hanno pregato, il Rosario Vivente è completo”. “Con questa App, e soprattutto grazie all’amore per la Vergine e al desiderio di trasmetterlo - conclude Hozana - ci sono centinaia, migliaia, di testimonianze di persone che hanno avuto la loro vita cambiata dal Rosario”.

Hozana (“Osanna”, acclamazione di lode a Dio) è una associazione di fedeli e un social network di preghiera che consente di creare o unirsi a comunità di preghiera online attorno a proposte spirituali, sul sito web www.Hozana.org e sull’App Hozana. La missione è riunire il mondo nella preghiera, attraverso Internet, nella certezza che “la preghiera salverà il mondo”, motto dell’associazione.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/05/2022
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La libertè cancellata in Francia

La riforma liberticida, che dovrà ora affrontare l’esame del Senato, parte da un’iniziativa del governo di Hollande. Lo scopo che si prefiggono i socialisti è molto chiaro: spegnere la voce dei siti Internet curati da vari organismi pro-life. Una offensiva che fa il paio con la legge – approvata giusto un anno fa dalla maggioranza – che sopprimeva la settimana obbligatoria di riflessione per le donne intenzionate ad abortire. L’idea che si è voluta imporre è questa: la donna è sola arbitra della propria decisione di abortire, che da facoltà depenalizzata e concessa ad alcune condizioni si trasforma in un diritto individuale. Va dunque eliminata qualsiasi figura intermedia, va tolto di mezzo qualsiasi confronto un’istanza esterna alla propria volontà.

Leggi tutto

Storie

Macron ha cambiato il blu della bandiera nazionale francese

Incredibile ma vero!  Il blu cobalto della bandiera francese che sventola sugli edifici della presidenza della Repubblica è stato sostituito da un blu marine: lo ha voluto il presidente Emmanuel Macron

Leggi tutto

Politica

Crisi Italia-Francia

Alta tensione Italia-Francia sul tema migranti. L’Eliseo ha deciso di sospendere l’accoglienza prevista di 3.500 rifugiati attualmente nel nostro Paese. Lo ha annunciato il ministro dell’Interno francese Ge’rald Darmanin, chiedendo a tutti gli altri Paesi partecipanti al Meccanismo europeo, in particolare alla Germania, di fare altrettanto. Una decisione che arriva dopo il caso Ocean Viking: la nave con a bordo 231 migranti, “respinta” da Roma, approderà venerdì mattina al porto di Tolone.

Leggi tutto

Storie

Prosegue il restauro di Notre Dame de Paris

Manca un anno alla riapertura al pubblico e alla liturgia della cattedrale della capitale francese, incendiata nel 2019, e proseguono i lavori di restauro

Leggi tutto

Politica

Francia: Brigitte Trogneux ha vinto.

Trogneux, negli ultimi mesi, è stata incoronata regina di Francia, già prima dell’ “intronizzazione” effettiva di questi giorni. I media francesi (ma anche quelli internazionali) hanno fatto da sponda alla coppia. Di lei – che pure non era sconosciuta – abbiamo saputo tutto. Delle sue origini (figlia di cioccolatai rinomati ad Amiens), della sua professione (insegnante), del primo matrimonio (dal quale sono nati tre figli), del suo incontro con Macron (che ha mandato a lumache la sua vita di prima). Trogneux ha vinto: lo stesso Macron ha detto, ringraziandola, che non sarebbe lo stesso senza sua moglie.

Leggi tutto

Politica

La legge Gaillot sull’aborto ad un passo dall’approvazione in Francia

L’estensione del termine legale a 14 settimane di gravidanza è la misura principale di questa proposta pro-aborto, ma prevede anche l’autorizzazione delle ostetriche ad eseguire aborti strumentali. Il teleconsulto, inoltre, diventa possibile per le procedure di aborto negli ospedali e periodo di riflessione di due giorni dopo il colloquio psicosociale è abolito.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano