Storie

di Tommaso Ciccotti

FRANCIA - Il Rosario Vivente di Pauline Jaricot su un’App

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Voglio che recitiate il rosario ogni giorno in onore della Madonna del Rosario”: sono le parole della Vergine a Fatima, che appare a 3 bambini chiedendo al mondo intero di pregare il Rosario. La preghiera incessante del Rosario per la missione della Chiesa è stata un caposaldo nella spiritualità e nell’azione di Pauline Jaricot, la fondatrice dell’Opera per la Propagazione della Fede, beatificata a Lione il 22 maggio. Con questo spirito, nell’ottica di usare il potere di un canale universale come Internet per partecipare alla diffusione del Rosario nel mondo, Il social network e associazione cattolica di preghiera “Hozana”, con sede in Francia, ha lanciato l’Applicazione “Rosario” che può essere scaricata su smartphone e tablet, con l’idea di mettere in pratica, con mezzi moderni, il concetto del “Rosario Vivente”, immaginato da Pauline Jaricot nel 19° secolo

Spiegano gli organizzatori di Hozana: “Pauline Jaricot vive in una Francia segnata dall’anticlericalismo e dal declino del fervore religioso, dopo la Rivoluzione francese. Fiduciosa nell’efficacia del Rosario nel ravvivare la fede, immagina un modo molto semplice per avvicinare i suoi contemporanei a questa spiritualità: il Rosario Vivente che coinvolge gruppi di preghiera di 15 persone”.

Oggi ogni utente può costituire un gruppo di preghiera di 15 persone. Tutti si impegnano a meditare su uno dei misteri del Rosario recitandone un dieci al giorno, in comunione con il resto del gruppo. Così, ogni giorno, il gruppo medita insieme sui 15 misteri, cioè il Rosario completo.
“Perchè è un mezzo così potente?” ci si chiede. Ecco la risposta: perchè occorrono solo 5 minuti sono necessari per recitare una decina. È accessibile a tutti ed è il modo ideale per scoprire “dolcemente” la spiritualità del Rosario. Inoltre il metodo sottolinea “la forza del gruppo”: essere un anello di una catena di preghiera, essere consapevoli della comunione della preghiera porta sostegno e motivazione.

L’App “Rosario” permette di creare gruppi anche di 5 persone: “In un piccolo gruppo di preghiera di 5 persone che si conoscono - spiega la presentazione - ogni giorno ogni membro riceve un mistero del Rosario su cui meditare, con un breve testo per guidare la meditazione. Ogni giorno, ciascuno recita una decina meditando sul mistero che gli è stato dato. Alla fine della giornata, se tutti e 5 i membri hanno pregato, il Rosario Vivente è completo”. “Con questa App, e soprattutto grazie all’amore per la Vergine e al desiderio di trasmetterlo - conclude Hozana - ci sono centinaia, migliaia, di testimonianze di persone che hanno avuto la loro vita cambiata dal Rosario”.

Hozana (“Osanna”, acclamazione di lode a Dio) è una associazione di fedeli e un social network di preghiera che consente di creare o unirsi a comunità di preghiera online attorno a proposte spirituali, sul sito web www.Hozana.org e sull’App Hozana. La missione è riunire il mondo nella preghiera, attraverso Internet, nella certezza che “la preghiera salverà il mondo”, motto dell’associazione.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/05/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Edouard Philippe premier: Macron designa il delfino

Scelto il sindaco conservatore per placare il centrodestra francese. Non una sorpresa ma una scelta precisa con l’intento di accontentare i più. La Francia riparte e già si lega a doppio filo con la Germania. Chi sarà la vittima di tutto questo? Gli italiani… come sempre!

Leggi tutto

Storie

Putin lancia l’operazione militare in Ucraina

La tanto temuta guerra in Ucraina è scoppiata. La Russia è entrata con le sue armate alle prime luci del giorno ed ha iniziato quella che Putin definisce un’operazione di difesa dei confini russi ed una reazione alla terribile strage di Odessa.

Leggi tutto

Storie

Lambert, e la sentenza dei medici

Si è pronunciato il team di medici indipendenti convocati dal tribunale amministrativo di Chalons-en-Champagne: Vincent Lambert non è migliorato, negli ultimi quattro anni, e anzi è lievemente peggiorato; tuttavia ciò di cui ha bisogno non configura accanimento terapeutico. Un pronunciamento salomonico che rimanda la palla al giudice. L’udienza è aggiornata per il 19 dicembre.

Leggi tutto

Storie

Libano - Viaggio di solidarietà dei vescovi francesi a Beirut

Dall’8 al 12 maggio una delegazione di prelati è in visita ufficiale nel Paese dei cedri. Il messaggio di pace per l’Europa e il mondo.

Leggi tutto

Media

Saltare giù dal treno incorsa con il libro di THÉRÈSE HARGOT

Potrei dire tante cose sul contenuto del libro, ogni capitolo meriterebbe una riflessione specifica, ma credo sia più importante ed urgente puntare l’attenzione sul modo: la Hargot è una sessuologa francese atea e per questo, per il suo ateismo, sorprende incredibilmente la facile sovrapposizione tra le sue conclusioni e la visione antropologica cristiana. In questo mondo fortemente ideologizzato, è una novità assoluta imbattersi in tanta limpidezza di pensiero, tanta disarmante onestà intellettuale, mentre si passano in rassegna le conseguenze funeste di decenni di educazione sessuale nelle scuole sul modello sessantottino.
Mi domando se sia possibile, oggi, anche in Italia, portare avanti una riflessione su questo tema - l’educazione sessuale ed affettiva dei giovani - che sia scevra da condizionamenti ideologici e proclami superficiali, dall’una e dall’altra parte della barricata culturale. I cattolici spesso si sottraggono al dibattito per mancanza di argomenti, intimamente convinti di non avere una proposta accettabile, ma solo un mucchietto di moralismi anacronistici. Dall’altra parte, invece, assistiamo a proclami liberisti branditi con più nettezza e meno motivazioni di un dogma di fede. La capacità di dialogo latita

Leggi tutto

Politica

Fondi italiani per la Francia?

Che cosa ha deciso il Comint (Comitato interministeriale per le politiche relative allo spazio) sui fondi del Pnrr?. L’Agenzia spaziale europea (Esa) gestirà 1,3 miliardi di euro di fondi del Pnrr per lo spazio destinati all’Italia.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano