Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Il Papa e la sinodalità della Chiesa

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In occasione della sessione plenaria della Pontificia Commissione per l’America Latina, Papa Francesco in un video messaggio torna a parlare di “comunione” e “partecipazione”, categorie chiave per la comprensione e l’attuazione di quella che fu già la III Conferenza generale dell’episcopato latinoamericano, a Puebla, così come il concetto di “conversione pastorale” fu centro della IV Conferenza generale di Santo Domingo e della V Conferenza generale di Aparecida. Il cuore del suo discorso è il percorso sinodale che - precisa Bergoglio - non è nuovo, in realtà: si tratta tuttavia di dare nuovo impulso dando ascolto e spazio allo Spirito Santo.

Il Papa riconosce che il percorso sinodale della Chiesa delle origini è venuto meno nella Chiesa latina mentre è stato conservato dalle Chiese orientali. È stato San Paolo VI a rimetterlo in moto alla fine del Concilio con la creazione del Segretariato per il Sinodo dei Vescovi. Ora, il Papa usa l’immagine del bambino che compie piccoli, timidi e talvolta anche maldestri passi pur di imparare a camminare. È la facoltà che è necessario acquisire nuovamente - dice - scoprendo da un lato la nostra piccolezza, dall’altro che l’occasione è il tempo opportuno (il grande Kairos) da sfruttare per una piena “conversione personale e pastorale”, aspetto questo che rimane uno dei leitmotiv. L’importante - precisa il pontefice - è lasciare spazio al soffio dello Spirito, senza avere la presunzione di sapere tutto prima: è infatti per il pontefice il più grande pericolo.

Papa Francesco dichiara a chiare lettere di essere “allergico al pensiero completo e chiuso”. Lo fa citando un episodio che rimanda all’inizio della Teologia della Liberazione quando - dice - l’analisi marxista, alla quale il Papa e il Generale dei Gesuiti reagirono molto duramente all’epoca, subì una ideologizzazione di quello che è “un percorso tellurico latinoamericano. E dico tellurico - aggiunge - perché la spiritualità latinoamericana è legata alla terra e non può essere separata da essa”. Francesco si dice convinto che la Chiesa in America Latina e nei Caraibi “ha fatto strada”, quella strada che lo Spirito costruisce quando “il nostro pensiero è incompleto, quando è completo non funziona”.

Senza questa apertura allo Spirito, “il dono non ci educa perché non può entrare nel cuore”. Perché esso non si impone ma vuole entrare con dolcezza. L’invito del Papa è a far agire questo dono che è imprevedibile e ci sorprende sempre, gratuito e immeritato. Guardando alla Pentecoste, il Papa avverte che non si tratta di un evento confinato al passato, poiché lo Spirito (il “Grande Sconosciuto”) è sempre contemporaneo. Quando per ‘conoscenza chiusa’ o per ambizione pensiamo di dominare tutto - sottolinea ancora - cadiamo facilmente nella tentazione del controllo totale, di occupare spazi, di raggiungere la rilevanza superficiale di chi vuole essere il protagonista centrale come in un telefilm. Invece bisogna aprire processi. Francesco ammette che all’inizio lo Spirito crea “un certo disordine” e, a questo proposito, suggerisce di immaginare ciò che accadde la mattina di Pentecoste quando i testimoni arrivarono a pensare di trovarsi tra ubriachi. Ma poi, qui cita San Basilio, “è armonia”.

Quindi il papa mette in luce anche la dimensione eucaristica alla base di una autentica sinodalità. Senza questa matrice, la nostra partecipazione sarebbe quella di “un mero parlamentarismo”, mentre si tratta di “un gesto di comunione ecclesiale che cerca di mettersi in moto. Tutti i battezzati sono synodoi, amici che accompagnano il Signore nel suo viaggio”. La sinodalità “non è una moda organizzativa o un progetto di reinvenzione umana del popolo di Dio - afferma ancora il Papa - è la dimensione dinamica e storica della comunione ecclesiale fondata sulla comunione trinitaria che, apprezzando contemporaneamente il sensus fidei di tutto il popolo santo di Dio, la collegialità apostolica e l’unità con il Successore di Pietro, deve animare la conversione e la riforma della Chiesa ad ogni livello”.

Da queste premesse e puntualizzazioni, emerge l’invito affiché la Commissione per l’America Latina - continente a cui il Papa argentino guarda con particolare affetto e attenzione - sia una diaconia che aiuta i vari dicasteri ad agire in modo sinergico e a comprendere meglio la realtà sociale ed ecclesiale della regione. Non va intesa come una “dogana che controlla. Cose dell’America Latina o della dimensione ispanica di Canada e Stati Uniti, no”. Deve invece favorire la peculiare identità e fraternità che le nazioni dell’America Latina vivono.

ornando allo Spirito Santo, è lui che deve essere il protagonista non noi. Nel quadro della riforma della Curia, il Papa auspica che l’organismo della CAL generi “nuove dinamiche e a disinstallare alcuni dei nostri usi e costumi clericali”. Ricorda che il clericalismo è una perversione “quietista”. “La comunione senza sinodalità - insiste - può facilmente prestarsi a una certa fissità e centralismo indesiderati”. E arriva a dire: “La sinodalità senza comunione può diventare populismo ecclesiastico”. Invita, infine, a vivere con più intensità la comunione ecclesiale nella diversità di carismi, vocazioni e ministeri, guardandosi dai protagonismi individualistici, per impegnarsi a “favorire processi che permettano al popolo di Dio, che cammina nella storia, di partecipare di più e meglio alla responsabilità comune che tutti abbiamo di essere Chiesa”. Perché - conclude - “siamo tutti popolo di Dio. Siamo tutti discepoli chiamati a imparare e a seguire il Signore. Siamo tutti corresponsabili del bene comune e della santità della Chiesa”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/05/2022
0407/2022
Santa Elisabetta di Portogallo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Da un lettore che non vuole leggerci più

Dalla rubrica delle lettere tutti i giorni presente sul giornale, la missiva di un lettore critico e la risposta puntuta del direttore Mario Adinolfi

Leggi tutto

Media

Le parole di Melloni

Sul Corriere della Sera abbiamo appreso, ieri, dall’illustre professore della “scuola di Bologna”, che in realtà la Relatio dei padri sinodali è un testo deliberativo, non consultivo, e che dice l’opposto di quello che vi si legge. Un breve lessico ci aiuta a scoprire come e perché

Leggi tutto

Chiesa

Il santo dell’apologetica francese dell’800

Uomo di pensiero e di azione, Federico Ozanam è per gli universitari del nostro tempo, professori e studenti, un modello di impegno coraggioso capace di far udire una parola libera ed esigente nella ricerca della verità e nella difesa della dignità di ogni persona umana». Così Giovanni Paolo II, beatificandolo a Notre Dame, nel 1997, definiva il santo cui è stato assegnato uno dei posti più in ombra del calendario cattolico, la casella odierna, riempita dalla Vergine.

Leggi tutto

Politica

La Costituzione USA non tutela l’aborto

In West Virginia ed Alabama le votazioni collaterali alle Midterm Elections approvano emendamenti alle costituzioni statali per disconoscere il diritto all’aborto e impedire il finanziamento dalla fiscalità pubblica. Nel Senato cresce la presenza pro-life.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco in Slovacchia: l’importanza dell’integrazione

Papa Francesco è tornato a parlare di uno degli argomenti che gli stanno più a cuore con un richiamo all’integrazione, alla coesione e all’ospitalità. Tutto questo è avvenuto durante l’incontro, a Bratislava, con le Autorità, la Società Civile e il Corpo diplomatico

Leggi tutto

Media

Cardinale Comastri: non cancellate mamma e papà

Dieci comandamenti per dieci cardinali è il titolo del libro del vaticanista Fabio Marchese Ragona. Anticipiamo un breve stralcio tratto dalla riflessione dell’ arciprete emerito della Basilica di San Pietro, su “Onora il padre e la madre”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano