Politica

di Roberto Signori

Hong Kong, dopo arresto arriva l’incriminazione per il card. Zen

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Corte di West Kowloon ha accusato oggi il card. Joseph Zen Ze-kiun, e cinque noti esponenti del fronte democratico di non aver registrato correttamente un fondo umanitario di cui erano amministratori fiduciari. La polizia aveva arrestato il vescovo emerito della città e gli altri accusati con la ben più grave imputazione di “collusione” con forze straniere, in violazione della draconiana legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino nell’estate 2020.

Fino alla sua chiusura nell’ottobre scorso, il Fondo 612 ha assistito migliaia di manifestanti pro-democrazia coinvolti nelle proteste del 2019. Tutti gli imputati si sono dichiarati non colpevoli: i loro difensori hanno messo in questione che l’organizzazione benefica avesse l’obbligo di registrarsi in base alla Societies Ordinance.

Il processo vero e proprio inizierà il 19 settembre. Senza l’incriminazione per minacce alla sicurezza nazionale, gli imputati rischiano al massimo una pena pecuniaria di 1.750 dollari. Uno di loro, l’attivista Cyd Ho, si trova però già in prigione per aver partecipato a una manifestazione non autorizzata, un’accusa che ha colpito diverse personalità democratiche, tra cui il magnate cattolico Jimmy Lai.

All’udienza odierna erano presenti diplomatici italiani, tedeschi, francesi e svedesi. Molti Paesi occidentali denunciano da tempo le azioni repressive condotte dalle autorità di Hong Kong, che nei fatti hanno cancellato le tradizionali libertà garantite alla popolazione dopo il ritorno sotto sovranità cinese nel 1997.

A dimostrazione del clima di paura vissuto nell’ex colonia britannica, la diocesi cittadina ha annunciato oggi che quest’anno non saranno celebrate le tradizionali messe in ricordo del massacro di Tiananmen del 4 giugno del 1989, quando migliaia di studenti e cittadini cinesi sono stati massacrati a Pechino per aver chiesto libertà e democrazia nel Paese. Lo stop alle celebrazioni è motivato con la preoccupazione di poter violare la legge sulla sicurezza nazionale.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/05/2022
0207/2022
Visitazione di Maria Santissima

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Iraq: il ritorno dei cristiani

Circa il 50 per cento delle famiglie che avevano lasciato l’Iraq con l’invasione da parte dell’ISIS del sedicente Stato Islamico hanno fatto ritorno nel Paese, giustificando così un cauto ottimismo delle organizzazioni internazionali per il ritorno dei cristiani nel Paese del Golfo.

Leggi tutto

Chiesa

Consiglio dei cardinali sulla nuova Costituzione Apostolica

Collegato da Casa Santa Marta il Papa ha partecipato alla riunione on line, la seconda dalla pubblicazione della Praedicate Evangelium

Leggi tutto

Storie

Pakistan: ancora attacchi ai cristiani

Sattar Masih e il figlio Azhar lavoravano nella villa di un proprietario terriero musulmano. Quando si sono licenziati hanno cominciato a ricevere minacce.

Leggi tutto

Politica

Il manifesto politico del presepe di Gesù Cristo

Con un tono stentoreo che desta meraviglia, gli ignoti rappresentanti di un ben noto gruppo politico si stanno presentando giorno dopo giorno come i difensori e i custodi dell’arte presepiale: questo va bene, questo va male, qui va fatto, lì non va tolto. Alle volte sembra però che auspichino una rappresentazione della Natività che “non dia fastidio” alle comodità della loro società ideale. Viene allora fuori qual è il panorama sociopolitico che Cristo venne ad aprire

Leggi tutto

Chiesa

Don Giovanni Fornasini è beato

Ha in mano una palma, simbolo del suo martirio. Don Giovanni Fornasini viene raffigurato così nel drappo svelato nella Messa di beatificazione presieduta a Bologna, nella Basilica di San Petronio, dal cardinale Marcello Semeraro, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi.

Leggi tutto

Chiesa

Canonizzata la religiosa Maria Rivier

La fondatrice della Congregazione delle Suore della Presentazione di Maria diventerà santa: nell’udienza concessa al cardinale Semeraro, il Papa ha autorizzato la promulgazione del relativo decreto

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano