Società

di la redazione

ASSEMBLEA ORDINE DEI FARMACISTI DI TORINO 24 MAGGIO 2022

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

OGGI NON PARLEREMO DI SITUAZIONI SURREALI DI SANITARI SOSPESI, NON PARLEREMO DI POSIZIONI PRO O CONTRO I VACCINI, NON DISCUTEREMO DI EFFICACIA E SICUREZZA DI SIERI GENICI SPERIMENTALI.

CON I DATI E LE EVIDENZE A DISPOSIZIONE OGGI SAREBBE PIU’ OPPORTUNO UTLIZZARE TERMINI COME INEFFICACIA E PERICOLOSITA’ PARLANDO DI VACCINI PER LA COVID-19 QUI OGGI DISCUTIAMO DELLA NOSTRA DIGNITA’ PROFESSIONALE E DELLA PECULIARITA’ CHE CI CONTRADDISTINGUE DA TUTTI GLI ALTRI PROFESSIONISTI SANITARI E CHE DOVEVA RAPPRESENTARE LA NOSTRA PIU’ GRANDE OCCASIONE E MISSIONE: L’APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA COLLEGATA ALLA NORMA LEGISLATIVA DEL FARMACO

BREVEMENTE RIPERCORRIAMO QUESTI DUE ANNI PER SPIEGARE COME IL NOSTRO IMBARAZZANTE SILENZIO, LA NOSTRA TOTALE ASSENZA ED IGNAVIA CI ABBIANO CONDOTTO OGGI VERSO UNA STRADA CHE CI HA PORTATI AD ESSERE NON SOLO SPETTATORI PASSIVI MA ANCHE, E SOPRATTUTTO, COMPLICI DI QUELLO CHE SERENAMENTE DEFINIAMO UN OMICIDIO E UN TENTATO OMICIDIO DI STATO

L’ARTICOLO 4 DEL DECRETO LEGGE 44/2021 HA IMPOSTO L’OBBLIGO DI VACCINO A TUTTI I SANITARI (POI ESTESO AD ALTRE CATEGORIE DI LAVORATORI) PER EVITARE CHE QUESTI POTESSERO CONTAGIARE ALTRE PERSONE, ATTRAVERSO L’IMPOSIZIONE DELLA SOMMINISTRAZIONE DI UN VACCINO ATTO ALLA PREVENZIONE DELLA TRASMISSIONE DEL VIRUS SARS-COV-2 (VIRUS CHE DETERMINA LA MALATTIA COVID-19)

IN ITALIA I FARMACI A CARICO DEL SSN POSSONO ESSERE SOMMINISTRATI SECONDO LE INDICAZIONI PER CUI SONO STATI REGISTRATI: QUINDI SECONDO LE INDICAZIONI PRESENTI IN SCHEDA TECNICA.

BENE: L’OBBLIGO VACCINALE IN ITALIA, AL DI LA’ DELLA COSTITUZIONALITA’ O MENO SU CUI SI FONDA, E’ PER LEGGE INOTTEMPERABILE

TUTTI I VACCINI COVID 19 SONO SOLO ED ESCLUSIVAMENTE INDICATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA COVID 19, NESSUN VACCINO E’ INDICATO PER LA PREVENZIONE DELLA TRASMISSIONE DEL VIRUS SARS COV-2

A GIUGNO 2021 DOPO LE PRIME MORTI ACCERTATE DA VACCINO, AIFA E MINISTERO DELLA SALUTE, CERTIFICANDO NEI FATTI LA LORO TOTALE INADEGUATEZZA NELL’AVER VALUTATO PRECEDENTEMENTE TOTALMENTE SICURI ALCUNI VACCINI TANTO DA RENDERLI OBBLIGATORI, HANNO VIETATO LA SOMMINISTRAZIONE DEI VACCINI ASTRAZENECA SOTTO I 60 ANNI DI ETA’ APRENDO LA STRADA ALLE SOMMINISTRAZIONI ETEROLOGHE

A GIUGNO 2021 IL MINISTRO SPERANZA IN TV DICE DI ESSERE A CONOSCENZA DI STUDI DOVE ADDIRITTURA LE SOMMINISTRAZIONI ETEROLOGHE SAREBBERO PIU’ EFFICACI DELLE ALTRE LA SOMMINISTRAZIONE ETEROLOGA E’ STATA PROMOSSA DAL MINISTERO DELLA SALUTE CON CIRCOLARE 26246 DEL 11/06/2021 IN FORZA DELLA LEGGE 648/96 CHE PERMETTE L’UTILIZZO FUORI INDICAZIONE DEI FARMACI A CARICO DEL SSN ALLORCHE’ VENGANO RISPETTATE ALCUNE CONDIZIONI FONDAMENTALI TRA CUI:

- LA PRESENZA DI STUDI DI FASE DUE PUBBLICATI A GARANZIA DI EFFICACIA E SICUREZZA DEI FARMACI UTILIZZATI PER L’INDICAZIONE PER CUI SE NE PROPONE L’UTILIZZO

DOVE SONO GLI STUDI DI FASE 2 A SUPPORTO DELLA 648/96 SULLA DOSE ETEROLOGA?

LO CHIEDIAMO PERCHE’ IL DOCUMENTO CITATO DAL MINISTERO DELLA SALUTE CHE AUTORIZZAVA LE DOSI ETEROLOGHE FACEVA RIFERIMENTO ALL’ESTRATTO DEL VERBALE N 27 DELL’11 GIUGNO 2021 (PROT 26245 DEL 11 GIUGNO 2021) DELLA CTS AIFA CHE NON CITA ALCUNO STUDIO RIGUARDANTE LA DOSE ETEROLOGA E, ANZI, SCRIVE INDIRETTAMENTE CHE NON CI SONO.

NELLE NOTE DELLO STESSO DOCUMENTO SI CITANO STUDI, FORSE PER DARE UNA PARVENZA DI LEGITTIMITA’, NESSUNO DI QUESTI STUDI HA PERO’ ESAMINATO EFFICACIA E SICUREZZA DI DOSI ETEROLOGHE SU PAZIENTI CHE HANNO RICEVUTO PRIMA UNA DOSE DI ASTRAZENECA E POI UN VACCINO A MRNA (TRANNE UNO CHE HA DATO MAGGIOR REATTOGENICITA’ NEL GRUPPO DELL’ETEROLOGA)

SCADENZA VACCINI

RICORDIAMO: ai sensi dell’articolo 443 codice penale “chiunque detiene per il commercio, pone in commercio o somministra medicinali guasti o imperfetti è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa non inferiore a euro 103″

OGNI FARMACO HA UNA SCADENZA DETERMINATA ED IMPOSTA DALLA DITTA PRODUTTICE SECONDO STUDI DI RICERCA SULLA STABILITA’ DEI PRODOTTI.

IN ITALIA IL DUBBIO CHE VIENE E’ CHE PER NON BUTTARE FARMACI CHE SAREBBERO ANDATI SCADUTI L’AIFA ED IL MINISTERO, SI BADI BENE NON SU RICHIESTA DELLE DITTE PRODUTTRICI, ABBIANO ALLUNGATO LA SCADENZA DEI VACCINI SENZA LE DOVUTE RASSICURAZIONI DETTATE DA STUDI DI STABILITA’.

SI CHIEDE CONTEZZA ED EVIDENZA DEGLI STUDI DI STABILITA’ CON CUI HANNO ALLUNGATO LA SCADENZA DIVERSAMENTE SI DENUNCI ALLE AUTORITA’ COMPETENTI CHE I NOSTRI MEDICI, FARMACISTI ED INFERMIERI VACCINATORI AVREBBERO SOMMINISTRATO AI CITTADINI ITALIANI FARMACI SCADUTI E QUINDI NON SICURI

ARRIVIAMO QUINDI AD OTTOBRE: AUTORIZZAZIONE DELLA TERZA DOSE

RICORDO IL DOTT. CRISANTI CHE A DICEMBRE 2021 SU RETI TELEVISIVE NAZIONALI RAPPRESENTAVA UNA SITUAZIONE PARTICOLARE IN CUI A CAUSA DI GUARIGIONI E SOMMINISTRAZIONI VARIE E DIVERSE DI VACCINI NELLA POPOLAZIONE SI SAREBBERO CREATI BEN 48 PERCORSI IMMUNOLOGICI.

14 DICEMBRE 2021 Andrea Crisanti (microbiologo): “Qual è la combinazione migliore di vaccini in questo momento non lo sa nessuno, perché nessuno ha fatto uno studio per capire quale combinazione dia la risposta più elevata e più duratura”.

CRISANTI DICE CHE NON CI SONO STUDI

IN ITALIA A POCHI LE PAROLE DEL DOTT. CRISANTI HANNO PRODOTTO TACHICARDIA E SUDORAZIONE FREDDA, MA A QUALSIASI FARMACISTA CHE DA ANNI PARLA DI APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA NON SARA’ SFUGGITA UNA PROFONDA E DOVEROSA RIFLESSIONE ESSENDO STATA ANCHE LA TERZA DOSE, AUTORIZZATA DAL MINISTERO CON NOTA 41416 DEL 14/09/2021, INSERITA NEL CONTESTO DELLA 648/96 CHE PREVEDE - LA PRESENZA DI STUDI DI FASE DUE PUBBLICATI A GARANZIA DI EFFICACIA E SICUREZZA PER GIUSTIFICARE I 48 PERCORSI IMMUNOLOGICI VENUTI A CREARSI CON LA 3° DOSE DOVE SONO QUESTI 48 STUDI A SUPPORTO DEI 48 PERCORSI IMMUNOLOGICI?

LA NOTA 041416 DEL 14/09/2021 DEL MINISTERO RECITA:

“Al momento, in base alle indicazioni del CTS, si considera prioritaria la somministrazione della dose addizionale nei soggetti trapiantati e immunocompromessi. Ferma restando la priorità del raggiungimento di un’elevata copertura vaccinale con il completamento dei cicli attualmente autorizzati, sarà definita la strategia di somministrazione di una dose booster di vaccino a mRNA (Pfizer o ModeRNA) in favore di ulteriori gruppi target, a cominciare da quelli sopra menzionati, tenendo conto delle evidenze scientifiche e dell’evoluzione dello scenario epidemiologico”

Quali evidenze scientifiche? La 648/96 prevede la possibilità di somministrare un farmaco fuori indicazione a seguito di valutazioni di carattere epidemiologico?

GRUPPI TARGET VUOL DIRE A TUTTI OPPURE A GRUPPI SELEZIONATI?

HANNO MAI SCRITTO QUINDI DI FARE LA TERZA DOSE A TUTTI E A PRESCINDERE DAL VACCINO FATTO IN PRECEDENZA USANDO QUALSIASI COSA A BASE DI mRNA DISPONIBILE PRESSO L’HUB VACCINALE??

NO

NELLA NOTA DEL MINISTERO SI FA RIFERIMENTO AL DOCUMENTO 660 DEL 9 SETTEMBRE DELLA CTS AIFA , CHIAMATA A RISPONDERE SU DUE QUESITI: IL PRIMO SULLA POSSIBILITA’ DI UNA DOSE ADDIZIONALE A PAZIENTI TRAPIANTATI E LA SECONDA SULLA POSSIBILITA’ DELLA SOMMINISTRAZIONE DI UNA DOSE BOOSTER SU CUI CI SI SOFFERMA CON APPRONDIMENTI SI RIPORTA FEDELMENTE:

“LA CTS RITIENE CHE AL MOMENTO NON CI SIANO SUFFICIENTI EVIDENZE PER RACCOMANDARE IN VIA PRIORITARIA LA SOMMINISTRAZIONE DI UNA TERZA DOSE DI VACCINO NELLA POPOLAZIONE GENERALE.

SEBBENE TALE CONSIDERAZIONE SI APPLICHI IN LINEA DI PRINCIPIO ANCHE AGLI OPERATORI SANITARI, L’INCLUSIONE DI TALE CATEGORIA NELLA POPOLAZIONE CUI SOMMINISTRARE IN VIA PRIORITARIA LA TERZA DOSE PUO’ ESSERE CONSIDERATA A SECONDA DEL LIVELLO DI ESPOSIZIONE ALL’INFEZIONE, DEL RISCHIO INDIVIDUALE DI SVILUPPARE FORME GRAVI DI COVID-19, E IN ACCORDO ALLA STRATEGIA GENERALE DELLA CAMPAGNA VACCINALE” LA CTS HA SCRITTO CHE NON CI SONO EVIDENZE E NON HA MAI DETTO DI CONSIDERARE PRIORITARIA LA SOMMINISTRAZIONE DELLE DOSI ADDIZIONALI A SOGGETTI TRAPIANTATI E IMMUNOCOMPROMESSI CON LA VOLONTA’ DI FARE INTENDERE CHE IN VIA SECONDARIA SI POTESSE FARE DOPO A TUTTI GLI ALTRI.

NELLA NOTA 660 DELLA CTS DEL 9 SETTEMBRE 2021, RELATIVAMENTE ALLA POSSIBILITA’ DI FARE SWITCH TRA VACCINI DIVERSI A Mrna, AVEVANO SCRITTO:

“COME DOSE AGGIUNTIVA DOVREBBE ESSERE SOMMINISTRATO UNO DEI DUE VACCINI A MRNA AUTORIZZATI IN ITALIA (PFIZER E MODERNA).

QUALORA FOSSE STATA ESEGUITA UNA PRIMA VACCINAZIONE CON VACCINO ADENOVIRALE O NEL CASO IN CUI NON FOSSE DISPONIBILE IL MEDESIMO VACCINO A MRNA UTILIZZATO PER LE PRIME DUE DOSI, SI POTRA’ RICORRERE ALLA SOMMINISTRAZIONE DI UNA DOSE AGGIUNTIVA “ETEROLOGA” CON IL TIPO DIVERSO DI VACCINO A mRNA”

“COME DOSE AGGIUNTIVA DOVREBBE ESSERE SOMMINISTRATO…” CONDIZIONALE, DOVREBBE SE?? SE CI FOSSERO STUDI A SUPPPORTO?

PRIMA CONSIDERAZIONE DA FARE E’ CAPIRE QUINDI I DUE VACCINI AD mRNA PER COSA SONO STATI AUTORIZZATI IN ITALIA SECONDO QUANTO RICHIAMATO DALLA CTS (OVVERO VERIFICARE LA LORO SCHEDA TECNICA E DI SICUREZZA PER CAPIRE COSA PERMETTONO).

COMIRNATY PFIZER

L’intercambiabilità di Comirnaty con vaccini anti-COVID-19 di altri produttori per completare il ciclo primario di vaccinazione o la dose di richiamo non è stata stabilita. I soggetti che hanno ricevuto 1 dose di Comirnaty devono ricevere una seconda dose di Comirnaty per completare il ciclo primario di vaccinazione e per eventuali dosi aggiuntive

COVID-19 VACCINE MODERNA

Non ci sono dati disponibili sull’intercambiabilità di COVID-19 Vaccine Moderna con altri vaccini anti-COVID-19 per completare il ciclo di vaccinazione. I soggetti che hanno ricevuto la prima dose di COVID-19 Vaccine Moderna devono ricevere la seconda dose di COVID-19 Vaccine Moderna per completare il ciclo di vaccinazione.

PER QUANTO RIGUARDA LA POSSIBILITA’ DELLO SWITCH “SI POTRA’” CONDIZIONALE E NON “SI PUO’”…SI POTRA’ NEL CASO IN CUI CI SARANNO GLI STUDI A SUPPORTO? A QUALE CONDIZIONE SI POTRA’ FARE?

“NEL CASO IN CUI NON FOSSE DISPONIBILE” ERA DA INTENDERSI, ANCHE ALLA LUCE DELLE SCHEDE TECNICHE DELLE SPECIALITA’ MEDICINALI, NEL CASO IN CUI UNO DEI DUE PRODOTTI NON FOSSE STATO DISPONIBILE IN COMMERCIO IN ITALIA IN UN DATO MOMENTO NON CHE FOSSE INDISPONIBILE PRESSO L’HUB VACCINALE PER QUESTIONI ORGANIZZATIVE LOGISTICHE SUPERABILI (PERCHE’ ANCHE SU QUESTO SWITH NON CI SONO STUDI DI EFFICACIA E SICUREZZA A SUPPORTO)

IL COMUNICATO 660 DELLA CTS SI RISERVA DI AGIORNARE E/O INTEGRARE IL SUO PARERE SULLA BASE DEI DATI CHE SI “RENDERANNO” DISPONIBILI (E CHE QUINDI AL TEMPO NON ERANO DISPONIBILI), DI EVENTUALI ULTERIORI QUESITI E DELLA VALUTAZIONE IN CORSO DI EMA.

IN ULTIMO SCRIVE:

“PER LE SUDDETTE MOTIVAZIONI LA CTS RITIENE APPROPRIATO, IN ATTESA DELL’AUTORIZZAZIONE DELL’EMA, RENDERE DISPONIBILI, MEDIANTE INSERIMENTO NELL’ELENCO DEI FARMACI DI CUI ALLA LEGGE 648/96 I VACCINI COMIRNATY E SPIEKEVAX PER LE SEGUENTI INDICAZIONI:

- COME DOSE ADDIZIONALE….

- COME DOSE BOOSTER, AL FINE DI MANTENERE UNA EFFICACE RISPOSTA IMMUNE AL VACCINO

DOPO IL COMPLETAMENTO DEL CICLO VACCINALE, DOPO ALMENO 6 MESI DALL’ULTIMA SOMMINISTRAZIONE, NEI GRANDI ANZIANI E NEI SOGGETTI NELLE RSA .

TALE OPZIONE PUO’ ESSERE RESA DISPONIBILE ANCHE AGLI OPERATORI SANITARI, A SECONDA DEL LIVELLO DI ESPOSIZIONE ALL’INFEZIONE, DEL RISCHIO INDIVIDUALE DI SVILUPPARE FORME GRAVI DI COVID-19 IN ACCORDO ALLA STRATEGIA GENERALE DELLA CAMPAGNA VACCINALE”

HANNO MAI SCRITTO DI FARE LA TERZA DOSE A TUTTI E A PRESCINDERE DAL VACCINO FATTO IN PRECEDENZA USANDO QUALSIASI COSA A BASE DI MRNA PRESENTE L’HUB VACCINALE??

NO

DOVE SONO I 48 STUDI CHE GIUSTIFICHEREBBERO SICUREZZA ED EFFICACIA DELLE TERZE DOSI NEI 48 PERCORSI IMMUNOLOGICI DESCRITTI DAL DOTT. CRISANTI?

RICORDANDO CHE LO SCUDO PENALE DEI MEDICI E DEI FARMACISTI VACCINATORI (COSI’ COME SANCITO DAL DL 44/2021 E S.M.I. NEL CASO SPECIFICO DEI VACCINI CONTRO LA COVID 19) NON E’ PREVISTO NEI CASI IN CUI NON VENGANO RISPETTATE LE CONDIZIONI PREVISTE IN SCHEDA TECNICA FACENDO PRESENTE CHE OGNI MEDICO VACCINATORE HA IL DOVERE DI INFORMARE IL PAZIENTE SUI RISCHI E BENEFICI DI UN TRATTAMENTO A CUI LO STA SOTTOPONENDO, CHE OGNI VALUTAZIONE RISCHIO BENEFICIO PUO’ ESSERE FATTA SOLO ED ESCLUSIVAMENTE BASANDOSI SU DATI DI SICUREZZA ED EFFICACIA INDICATI DA STUDI E CHE GLI STUDI DEVONO ESSERE SPIEGATI PER ESSERE CONSIDERATO VERAMENTE INFORMATO UN PAZIENTE AL DI LA’ DEL FATTO CHE ABBIA O MENO FIRMATO UN CONSENSO (DIVERSAMENTE NON POTRA’ ESSERE RITENUTO INFORMATO)

RICORDANDO CHE LA SCUDO PENALE NON INCLUDE LA RESPONSABILITA’ CIVILE DEI MEDICI E DEI FARMACISTI VACCINATORI RICHIAMATE LE LEGGI CHE REGOLAMENTANO L’USO DEI FARMACI OFF LABEL SENZA ALTERNATIVE TERAPEUTICHE IN ITALIA (LA LEGGE 648/96 E LA 84/1998) DOVE ENTRAMBE RIBADISCONO LA NECESSITA’ CHE VI SIA UNA EVIDENZA SCIENTIFICA ROBUSTA E TANGIBILE PERCHE’ UN MEDICINALE POSSA ESSERE PRESCRITTO AL DI FUORI DELLE SUE INDICAZIONI AUTORIZZATE IN SCHEDA TECNICA RICORDATO L’ARTICOLO 445 CP:

“Chiunque, esercitando, anche abusivamente, il commercio di sostanze medicinali(1) , le somministra in specie, qualità o quantità non corrispondente alle ordinazioni mediche (2) , o diversa da quella dichiarata o pattuita, è punito con la reclusione da sei mesi a due anni e con la multa da euro 103 a euro 1.032.” Richiamati i comma 1,2,3 articolo 10 del codice deontologico dei farmacisti a cui tutti devono attenersi

c.3. Il farmacista collabora con il medico e le strutture del SSN al fine di assicurare la migliore appropriatezza terapeutica

PER IL RUOLO E LE COMPETENZE CHE LA NOSTRA PROFESSIONE ED IL NOSTRO CODICE DEONTOLOGICO IMPONGONO SI DENUNCIA FORMALMENTE A QUESTO ORDINE CHE DA PARTE DELLA QUASI TOTALITA’ DEI MEDICI, FARMACISTI ED INFERMIERI VACCINATORI SI STAREBBERO PERPRETANDO DA MESI ILLECITI CHE POTREBBERO, SE CONFERMATI, ANCHE CONFIGURARE REATI DI OMICIDIO DOLOSO E/O TENTATO OMICIDIO DOLOSO NELLA MISURA IN CUI SI SOMMINISTREREBBERO VACCINI FUORI INDICAZIONE E/O SENZA STUDI A SUPPORTO, E QUINDI IN MANIERA NON SICURA, LA’ DOVE QUESTI ABBIANO O POSSANO PROVOCARE ANCHE LA MORTE (COME CERTIFICATO DA AIFA NEI REPORT DI FARMADOVIGILANZA)

RELATIVAMENTE ALLA FARMACOVIGILANZA, RICHIAMATE LE LEGGI SULLA FARMACO VIGILANZA E LA RACCOMANDAZIONE INDIRIZZATA A TUTTI I RESPONSABILI DI FARMACOVIGILANZA DELL’OTTOBRE 2018,

DA PAGINA 17 DEL DOCUEMENTO SI RIPORTA

“In alcune circostanze, come nel caso di vaccini o di contraccettivi o di medicinali usati in condizioni critiche o per il trattamento di patologie che possono mettere in pericolo di vita, è richiesta anche la raccolta e la registrazione in RNF di tutti i casi di mancanza di efficacia, a meno che il segnalatore non abbia espressamente dichiarato che essa era dovuta alla progressione di malattia e non correlata al medicinale.”

E’ pacifico che il vaccino contro la covid-19 venga somministrato a tutti a fronte di una patologia che mette in pericolo di vita chiunque ne possa venire in contatto, pare evidente che chiunque contragga la malattia covid-19 (in qualsiasi forma dalla più grave alla meno grave purchè sintomatica) dopo aver fatto il vaccino disattende completamente e totalmente quanto é previsto, in termini di efficacia, in scheda tecnica.

SI FA ALTRESI’ PRESENTE CHE NELLO STESO RAPPORTO PER I RESPONSABILI DI FARMACO VIGILANZA TRA GLI OBBLIGHI PREVISTI CI SIA IL DOVERE DI SENSIBILIZZARE GLI OPERATORI ALLA SEGNALAZIONE

“Oltre al riscontro su richieste specifiche, il RLFV deve sensibilizzare gli operatori sanitari alla segnalazione spontanea e rappresentare il punto di contatto per la farmacovigilanza a livello locale”.

A FRONTE DI UN NUMERO DI VACCINATI CONTAGIATI CON SINTOMI NON SI HA UNA CORRISPONDENZA DELLE SEGNALAZIONI DI INEFFICACIA NELLA RETE DI FARMACOVIGILANZA.

PARE QUINDI CHIARO CHE DA PARTE DI MOLTI RESPONSABILI DI FARMACOVIGILANZA CI SIA STATA UNA PROBABILE OMISSIONE NELLE SEGNALAZIONI (RICONDUCIBILI AL REATO DI OMISSIONE DI ATTI D’UFFICIO) ED UNA PRESSOCHE’ NULLA SENSIBILIZZAZIONE DEGLI OPERATORI.

E’ NOSTRO DOVERE SEGNALARE I COLLEGHI CHE AVREBBERO, SE CONFERMATE LE IPOTESI FATTE, FALSATO I DATI DI EFFICACIA CON LE OMESSE SEGNALAZIONI, INDIRIZZANDO DI CONSEGUENZA A SCELTE STRATEGICHE SBAGLIATE I MEMBRI DEL GOVERNO CHE DAI DATI DI INEFFICACIA AVREBBE DOVUTO E POTUTO TRARNE CONCLUSIONI CHE AVREBBERO PROBABILMENTE ALLONTANATO TUTTI DALL’OBBLIGATORIETA’ DEI VACCINI COVID-19 E DALLE CONSEGUENZE DRAMMATICHE, IN TERMINI DI EFFETTI COLLATERALI, SULLA VITA DI ALCUNI CITTADINI CHIEDIAMO AL NOSTRO PRESIDENTE E A TUTTI I MEMBRI DEL CONSIGLIO DELL’ORDINE, DI FRONTE AI FATTI DENUNCIATI DI PROCEDERE IMMEDIATAMENTE CON UNA FORMALE SEGNALAZIONE AGLI ORGANI COMPETENTI E DI COMPETENZA SUL TERRITORIO INDICANDO, ANCHE TRAMITE L’AVVOCATURA DELL’ORDINE, TUTTE LE DIFFORMITA’ EVIDENZIATE IN MATERIA DI APPROPRIATEZZA PRESCRITTTIVA E RISPETTO DELLA NORMA A TUTELA DELLA SALUTE DEI CITTADINI A TUTELA DELLA NOSTRA STESSA SALUTE, PERCHE’ OBBLIGATI QUALI SANITARI AL VACCINO, A DIFESA DELLA SALUTE DI TUTTI I CITTADINI SI CHIEDA ALLE AUTORITA’ L’IMMEDIATA SOSPENSIONE DELLE VACCINAZIONI PER TUTTI I CASI IN CUI NON CI SAREBBERO I PRESUPPOSTI A GARANTIRNE LA SICUREZZA NELL’UTILIZZO LIMITANDO, QUINDI, L’UTILIZZO DEI VACCINI AI SOLI CASI PREVISTI DALLE SCHEDE TECNICHE PER NON DOVERNE RISPONDERE IN SOLIDO IL PRESIDENTE DELL’ORDINE STESSO ED I COLLEGHI DEL CONSIGLIO, QUALI MANDATARI DELLE SOSPENSIONI CHE NON DOVREBBERO PERSEGUIRE ESSENDO LORO STESSI A CONOSCENZA DELLA MANCANZA DEI PRESUPPOSTI PER OTTEMPERARE ALL’OBBLIGO VACCINALE, A TUTELA DEI COLLEGHI SOSPESI, SI SPIEGHI AL MINISTRO SPERANZA E AGLI ORGANI DEL MINISTERO CHE NESSUN VACCINO OGGI PRESENTE IN ITALIA PUO’ SERVIRE AD OTTEMPERARE A QUANTO PREVISTO DALLA NORMA SULL’OBBLIGO VACCINALE PERCHE’ I VACCINI NON PREVENGONO LA TRASMISSIONE DEL VIRUS SARS COV 2, COME DICHIARATO IN SCHEDA TECNICA, COME COSTANTEMENTE DICHIARATO DALLA FAQ NUMERO 4 E 5 DI AIFA DELL’AGOSTO 2021, COME CONFERMATO DALLE EVIDENZE DEI CONTAGI TRA VACCINATI. RITENIAMO CHE SIA DOVEROSA UNA PRESA DI POSIZIONE NETTA, TRASPARENTE, CHIARA, SERIA DEI FARMACISTI, DI TUTTI I FARMACISTI ITALIANI, IN TEMA DI APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA, E’ LA NOSTRA MISSIONE ED è SANCITO DAL NOSTRO STATUTO PORCI A TUTELA DELLA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE PUBBLICA OTTENIBILE ATTRAVERSO LA NOSTRA FUNZIONE DI VIGILANZA SULL’APROPRIATEZZA PRESCRITTIVA DEI FARMACI.

E’ INACCETTABILE IL SILENZIO DEGLI ORDINI E DEI COLLEGHI NASCOSTO DIETRO ALLA SCUSA DI DETTAMI CALATI DALL’ALTO O UTILIZZANDO SCUSE SU QUELLI CHE SAREBBERO O NON SAREBBERO I NOSTRI COMPITI: QUI IN GIOCO C’E’ LA NOSTRA SALUTE, QUELLA DEI NOSTRI FIGLI E DEI NOSTRI CONCITTADINI E LA NOSTRA PROFESSIONE IMPONE IL DOVERE DI DIFENDERLA E TUTELARLA CON OGNI MEZZO E MANIERA NON POSSIAMO CONSIDERARE LE MORTI PER MALORE IMPROVVISO, I DANNI GRAVI E PERMANENTI DA VACCINI COME EVENTI NORMALI…PERCHE’ MORIRE SOTTO I 40 ANNI DI MALORE IMPROVVISO NON E’ ASSOLUTAMENTE NORMALE - NON E’ MAGARI ALL’OGGI CON LE CONOSCENZE ATTUALI SPIEGABILE CON METODO SCIENTIFICO MA RESTA CHIARO UN UNICO COMUNE DENOMINATORE: IL VACCINO SOMMINISTRATO PRECEDENTEMENTE A QUESTI EVENTI RICORDIAMO CHE LA LEGGE RITERRA’ RESPONSABILE CHIUNQUE, PRESIDENTE E MEMBRI DEL CONSIGLIO DI QUALSIASI ORDINE DEI FARMACISTI COMPRESI, NON ABBIA FATTO IL POSSIBILE PER EVITARE CHE UN FATTO TRAGICO ACCADESSE, IL CONCORSO DI COLPA RICADE ANCHE SU CHI POTEVA FARE…E CONSAPEVOLMENTE E VOLONTARIAMENTE NON HA FATTO. SI CHIEDE CHE QUESTO DOCUMENTO E QUESTE NOSTRE RICHIESTE VENGANO FORMALMENTE MESSE AGLI ATTI

RITENIAMO DI DOVER RICHIAMARE IL PRESIDENTE DEL’ORDINE ALLE SUE RESPONSABILITA’ PROFESSIONALI, ETICHE, MORALI ED UMANE RICORDANDO NUOVAMENTE LE CONSEGUENZE PENALI E CIVILI CHE DALLE SUE PRESE DI POSIZIONE, O MEGLIO DI NON PRESE DI POSIZIONE, POTREBBERO DERIVARNE ALLA SUA DIRETTA PERSONA E ALL’ORDINE DI CUI E’ PRESIDENTE.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/05/2022
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

La fede fa bene dice la scienza

Avere fede fa stare bene

Leggi tutto

Storie

Mi scordo perché mangio  

La salute metabolica richiede anche una buona memoria. Uno studio coordinato dall’Istituto di chimica biomolecolare del Cnr di Pozzuoli descrive un’alterazione funzionale del circuito neuronale che regola la memoria episodica in modello murino di soggetti obesi. Ovvero, una relazione tra neurogenesi e obesità che può influenzare i processi decisionali anche legati alle scelte alimentari sin dall’età giovanile. Lo studio è pubblicato su Nature Communications

Leggi tutto

Storie

Covid, stop alla sospensione per i poliziotti non vaccinati

Anche per i poliziotti non vaccinati resta l’obbligo vaccinale fino al 15 giugno ma cambiano le conseguenze in caso di inadempimento: stop alla sospensione dal lavoro, rimane la sanzione amministrativa.

Leggi tutto

Società

Presentata al Bambino Gesù la Carta dei Diritti del Bambino Inguaribile

Dopo i casi Alfie e Charlie, l’Ospedale pediatrico della Santa Sede ha messo a punto un documento per promuovere l’alleanza terapeutica e il sostegno ai bambini con malattie gravi e inguaribili. Qualcosa si può e si deve fare affinchè certi casi non si verifichino più!

Leggi tutto

Società

Confesercenti: italiani più poveri

L’assemblea annuale di Confesercenti si concentra sui temi economici di attualità, inflazione, consumi, taglio delle tasse e lavoro

Leggi tutto

Chiesa

La CEI e la pandemia

Il Consiglio Permanente della Conferenza episcopale italiana ha analizzato la realtà attuale, ha espresso particolare preoccupazione per la situazione in Ucraina e per la proposta referendaria italiana sull’eutanasia. Sui vaccini contro il Covid-19 ha ribadito che il principio di libertà e di autodeterminazione

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano