Storie

di Nathan Algren

Pakistan - Ragazza cristiana di 15 anni rapita

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ancora una volta una ragazza cristiana di nome Saba, 15 anni, è stata vittima di un rapimento a sfondo sessuale in Pakistan da parte di persone note. È avvenuto il 20 maggio nel quartiere di Madina Town a Faisalabad, nello Stato del Punjab: Muqaddas, la sorella di Saba, ha raccontato che entrambe si stavano recando nelle case dove lavorano come domestiche. Intorno alle 9 della mattina due persone ultraquarantenni riconosciute come Muhammad Yasir and Muhammad Riaz, insieme ai loro amici, hanno spinto Muqaddas e caricato Saba nell’auto-rickshaw, portandola con loro.

Secondo la madre, Rubina Nadeem, Saba è stata rapita “per adulterio” e viene tenuta prigioniera in un luogo sconosciuto. Il rapimento è confermato da due testimoni - Tariq Iqbal e Amir Daniel - che stavano attraversando la strada per recarsi al lavoro quando la ragazza è stata sequestrata. La donna ha sporto denuncia presso la stazione di polizia di Madina Town citando il reato 365-B del codice penale pachistano che recita: “Chiunque rapisca o sequestri una donna con l’intento di costringerla, o sapendo che è probabile che venga costretta, a sposare una persona contro la sua volontà, o al fine di costringerla o indurla a rapporti illeciti, o sapendo che è probabile che sarà costretta o indotta a rapporti illeciti, sarà punito con l’ergastolo e sarà anche passibile di ammenda”.

La polizia sta cercando i colpevoli ma non è ancora riuscita a rintracciare la ragazza dal giorno del suo rapimento. Secondo Simon Aleem, un attivista per i diritti umani, Saba è una ragazza innocente e vittima di un’ingiustizia che purtroppo continua a ripetersi. Molte ragazze cristiane sono state prese di mira e rapite; pochi giorni dopo il sequestratore produce il certificato di conversione della ragazza e sostiene che abbia accettato l’islam volontariamente e si sia sposata con chi l’ha rapita. ”Il governo – commenta Aleem – deve prendere provvedimenti immediati contro i rapitori di Saba Nadeem. Come è possibile che una ragazza minorenne, rapita davanti alla gente, accetti l’Islam di sua spontanea volontà e si sposi con la stessa persona che l’ha rapita? Nel caso di Saba, entrambi i rapitori hanno più di 45 anni e la stessa cosa sta accadendo in altri casi di rapimento di ragazze cristiane: come fanno le nostre ragazze minorenni a innamorarsi di uomini anziani?”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/05/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Haiti: fuggiti i missionari rapiti

Il racconto della fuga dei missionari dalle mani dei rapitori

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Cristiani ricercati per svolgere i lavori più umili

In Pakistan circa il 95% degli operai addetti alla pulizia e alla sanificazione di strade, ospedali, scuole e istituti pubblici, fogne, appartiene alle minoranze religiose. Il fatto che questi operatori appartengano alle minoranze religiose si lega all’antica concezione castale ancora presente nelle società del subcontinente indiano, che riserva alle caste più basse i lavori più umili. Sono lavori che i musulmani rifiutano. “Si tratta di un doppio standard”, ha scritto in passato la Commissione “Giustizia e Pace” dei Vescovi cattolici del Pakistan, lamentando “il trattamento discriminatorio riservato alle minoranze religiose”.

Leggi tutto

Storie

Mali: nessuna notizia di padre Hans-Joachim Lohre

Non abbiamo al momento ulteriori notizie né contatti con i rapitori di p. Hans-Joachim Lohre” dicono all’Agenzia Fides fonti della Conferenza Episcopale del Mali in relazione al rapimento di p. Hans-Joachim Lohre, il “padre bianco” di nazionalità tedesca scomparso domenica 20 novembre

Leggi tutto

Storie

Pakistan - La comunità cattolica non dimentica i disabili

Nelle ultime settimane, la Caritas ha fornito 37 sedie a rotelle a 26 cristiani e 11 musulmani con disabilità, distribuendo anche aiuti alimentari. Inoltre le persone con disabilità vengono istruite sulle azioni precauzionali da adottare in circostanze come disastri naturali e salvaguardare la loro vita in caso di qualsiasi situazione di emergenza.

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Un cristiano condannato a morte con false accuse di blasfemia

Il tribunale di Lahore ha condannato alla pena capitale un cristiano accusato di blasfemia nel 2017. Ashfaq Masih, che ora ha 34 anni, è stato condannato a morte per impiccagione da una Tribunale di primo grado di Lahore, nella provincia del Punjab, con sentenza emessa il 4 luglio. Ashfaq Masih, meccanico di professione, è in prigione dal giugno 2017 dopo una denuncia (First Information Report) è stato registrata contro di lui il 15 giugno, ai sensi dell’art. 295 “c” del Codice penale pakistano, che punisce il vilipendio nei confronti del Profeta Maometto.

Leggi tutto

Storie

Per Asia Bibi un futuro tutto da scoprire

L’ordine di rilascio dalla prigione di Multan - nel centro del Pakistan, dove era detenuta – viene vincolato dal governo: il portavoce del ministero degli Esteri, Muhammad Faisal, ha dichiarato che Asia Bibi “si trova in un luogo sicuro e che è ancora in Pakistan”, smentendo le notizie di una partenza della donna per l’estero. Come di concluderà questa interminabile vicenda?

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano