Media

di La redazione

Mario Adinolfi ed i “segni dei tempi”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Puntata d’esordio oggi per Segni dei Tempi, la rassegna stampa di Radio Byoblu condotta da Mario Adinolfi.

Le prime pagine dei quotidiani hanno al centro le anticipazioni del Consiglio europeo che si terrà oggi a Bruxelles. In una narrazione color pastello che prova a dipingere un Mario Draghi capace di unire i partner europei nel fissare un tetto di prezzo per il gas russo, emerge il codice fasullo dell’informazione mainstream: la verità è infatti una UE divisa su tutto, dal petrolio alle sanzioni al recovery di guerra, sull’orlo di una crisi economica pesante che sarà pagata con un’inflazione che attaccherà i salari in particolare dei ceti medio-bassi come denunciato anche dal Financial Times.

Il tutto mentre le armi americane fanno carneficina nel mercato interno come sulla frontiera russo-ucraina e l’Italia si trova a dover fronteggiare anche un possibile attacco hacker. Ed è il meno tra bar, alberghi, discoteche che chiudono per sempre i battenti, 50 miliardi di tasse arretrate che stanno per piovere a giugno sugli italiani e il nuovo “algoritmo anti-evasione” che porterà l’Agenzia dell Entrate a scrivere a più di due milioni di contribuenti.

Intanto all’estero si preoccupano della decrescita cinese e del settantesimo anniversario dell’incoronazione della regina Elisabetta che sarà celebrato nel fine settimana. Vien quasi da pensare: beati loro.
Segni dei Tempi è la rassegna stampa quotidiana nazionale e internazionale condotta da Mario Adinolfi. Non una semplice lettura dei giornali, ma una decrittazione dei loro codici al tempo della “informazione somministrata”, utilizzando la luce della ricerca anche spirituale della verità. Ogni mattina dalle 8 alle 9 su Byoblu Radio.

https://www.byoblu.com/2022/05/30/consiglio-europeo-tutti-guardano-a-draghi-ma-segni-dei-tempi-di-mario-adinolfi/

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/05/2022
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Istigazione all’odio omofobico

Negli ultimi dodici mesi l’Italia è stata attraversata da un’ondata di atti efferati compiuti da omosessuali. Ovviamente costruire un filo rosso che unisca tutta questa serie di eventi per provare a suggerire con lealtà alla comunità Lgbt di analizzare il problema verrà raccontato come “istigazione all’odio omofobico” passibile di ogni pena, ma i fatti sono fatti e proverò a metterli in fila per come sono avvenuti. Poi ognuno potrà compiere le sue riflessioni.

Leggi tutto

Politica

AGNESE E LO STERMINIO

Al Copenhagen Post non farà piacere sapere però che nella corsa nazista allo sterminio la Danimarca è stata surclassata dall’Islanda, dove l’aborto per i bambini con diagnosi prenatale che fa emergere la Trisomia 21 riguarda il 100% dei casi e “da cinque anni non nascono i Down”. Evviva. Inutile ricordare che la Danimarca è il primo paese europeo ad aver legalizzato le unioni civili gay (1989) e come in Islanda vengono consentite formazioni familiari derivanti da utero in affitto: il bambino, insomma, è per quegli ordinamenti giuridici una “cosa” acquistabile appartenente agli acquirenti. In una visione antropologica e giuridica di questo tipo ovviamente la “cosa” fallata va eliminata.

Leggi tutto

Società

Se un pediatra vendoliano un giorno

In un’importante sede istituzionale del capoluogo toscano avrà luogo, sabato 7 ottobre p.v., un convegno a senso unico e senza contraddittorio sulla nuova moda di una sinistra che ha dimenticato
il popolo, i lavoratori e i proletari, e che anzi si è rivolta alla demolizione della prole. Il pediatra vendoliano Paolo Sarti, consigliere in Regione, è l’artefice di questo spot LGBT già gravido di sciagure

Leggi tutto

Società

Postano foto dei figli online: multati

10mila euro di multa per la madre, che nei tira e molla concomitanti alla separazione ha utilizzato le vie social per rivendicare psicologici primati nei confronti dell’ex coniuge. Il figlio sedicenne ha
provato a esternare le sue rimostranze e, inascoltato, s’è rivolto al tribunale che ha sanzionato la genitrice. Un caso-limite che però ha il merito di evidenziare un limite quotidiano del mondo social.

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Jean-Claude Hollerich, arcivescovo di Lussemburgo, nuovo presidente della Comece

Monsignor Hollerich è un gesuita. Nel 1981 è entrato nella Compagnia di Gesù e ha seguito la formazione dei gesuiti della Provincia del Belgio meridionale e del Lussemburgo. Dopo il noviziato a Namur e due anni di tirocinio pastorale in Lussemburgo dal 1983 al 1985 come insegnante al liceo francese di Vauban, è partito per il Giappone dove ha fatto gli studi di lingua e cultura giapponese e ha ripreso lo studio della teologia all’Università Sophia di Tokyo dal 1985 al 1989. Ha terminato gli studi teologici a Francoforte sul Meno con la licenza. Il 21 aprile 1990 è stato ordinato presbitero per la Compagnia di Gesù. Ha passato lunghi anni in Giappone dove dal 1994 ha insegnato all’Università Sophia di Tokyo e dal 1999 è stato cappellano degli studenti della medesima Università. Il 18 ottobre 2002 ha emesso i voti perpetui nella chiesa di Sant’Ignazio a Tokyo. Inoltre, dal 2008 è stato rettore della comunità dei Gesuiti all’Università Sophia di Tokyo e vice-rettore del medesimo ateneo per gli affari generali e studenteschi.

Leggi tutto

Società

L’Irlanda s’incammina sulla scia del resto dell’Europa occidentale verso la “cultura della morte”

Iil 25 maggio 2018 rappresenta un passaggio destinato a segnare un’epoca: l’Irlanda, terra di secolari radici cristiane, s’incammina sulla scia del resto dell’Europa occidentale verso la “cultura della morte”. Crediamo, però, abbia gli anticorpi per scuotersi finalmente e risalire la china.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano