Società

di Nathan Algren

KENYA - Obiettivo ridurre la povertà

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Ridurre la povertà e costruire la resilienza della comunità attraverso il miglioramento della sicurezza alimentare e la risposta ai cambiamenti climatici nella contea di Baringo: è l’obiettivo di un progetto post Covid-19, avviato nel maggio 2021, dal Camillian Disaster Service International (Cadis). “La popolazione locale è fortemente dipendente dall’allevamento e dall’agricoltura di sussistenza, sensibile alle variazioni climatiche – si legge nella nota dei Camilliani. La regione soffre di insicurezza alimentare cronica e scarsità d’acqua a causa di una combinazione di fattori quali i conflitti basati sulle risorse naturali, la povertà, lo scarso sviluppo umano e le condizioni climatiche e meteorologiche sfavorevoli, come siccità e inondazioni perenni”.

“E’ cruciale affrontare questi problemi per sradicare la povertà e costruire la resilienza delle popolazioni locali colpite dall’inondazione del lago Baringo che hanno causato lo sfollamento di oltre 3000 famiglie. Le scuole sono andate in gran parte distrutte e sono attualmente in costruzione. Inoltre, gli effetti del COVID-19 e gli scontri tribali nella contea hanno contribuito all’estrema povertà della zona. La comunità – proseguono fonti di Cadis - si è organizzata in un gruppo agricolo registrato dal governo come Salabani Farmers’ CBO che include ognuno 15 membri provenienti da 7 villaggi. I 105 membri sono composti da donne, uomini e giovani, tutti formati nell’ambito del progetto con l’obiettivo di migliorare la vita dei residenti di Salabani. E’ stato anche stipulato un memorandum d’intesa tra il governo della contea di Baringo e CADIS Kenya.”
Attualmente, grazie al progetto, gli abitanti del luogo hanno a disposizione acqua per il consumo domestico, per il bestiame e per l’irrigazione. Sono state portate avanti attività per lo sviluppo delle capacità degli agricoltori sull’adattamento e la mitigazione dei cambiamenti climatici e sulla gestione del suolo, dell’acqua, delle colture e del bestiame, per metterli in condizione di essere i motori del proprio sviluppo. Si tratta di un progetto modello che può essere replicato in altre aziende agricole comunitarie della contea.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

31/05/2022
0410/2022
S. Francesco d'Assisi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

ANGOLA - Mancano il lavoro e l’acqua potabile ma non Dio

La difficile situazione dell’Angola confortata dalla Fede in Dio

Leggi tutto

Storie

RWANDA - Acqua sicura per 50.000 persone

Come si può lavarsi le mani in un contesto di emergenza sanitaria senza acqua?”

Leggi tutto

Storie

Malawi aiuti ed istruzione per i bambini in difficoltà

Nel Paese i minori costituiscono quasi metà della popolazione e la maggior parte di loro è spesso privata dei diritti essenziali: cibo, acqua, salute, istruzione. “L’istruzione primaria dai 6 anni ai 14 anni è obbligatoria, ma solo la metà degli studenti conclude questo ciclo di studi

Leggi tutto

Chiesa

Rapporto Cesvi: cresce la malnutrizione nel mondo

In un documento la fondazione mette in evidenza come, nello scorso anno, conflitti, pandemia e cambiamenti climatici hanno aggravato il livello di malnutrizione.

Leggi tutto

Storie

‘Food security’: minaccia cibi contaminati

‘Food security’: minacciati da alimenti contaminati i Paesi a basso reddito

Leggi tutto

Storie

Libano: grave pericolo mancanza d’acqua

Nel Paese dei cedri evitato il collasso delle infrastrutture, ma i servizi di approvvigionamento rimangono precari.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano