Storie

di Stefano Di Tomassi

Con il caldo puntuali gli incendi: allarme ad Ostia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il polmone verde romano è di nuovo sotto attacco: la pineta del litorale, riserva statale naturale è aggredita da eco terroristi. Ascoltando chi sul fronte le squadre attive di Protezione Civile c’è da qualche giorno è chiaro che dietro agli incendi domati soltanto con l’intervento dei Canadair ci sia qualcuno che va oltre alla descrizione del folle piromane.

“Non ci prendiamo in giro – dichiara un volontario della protezione civile – di fronte a un nemico di questo tipo la riserva pubblica va chiusa e l’ingresso, libero, gestito da cancellate. Non si capisce – conclude – perché le istituzioni non diano il via a questa operazione che a nostro avviso deve prevedere anche l’intervento dell’esercito.”

Parole davvero di fuoco quelle di chi è sul campo. Non si comprende ancora perché, dopo ormai molto tempo dal suo insediamento, questa Amministrazione di Centro Sinistra non abbia ancora attivato gli Osservatori Ambientali né tanto meno la Consulta Ambiente, dove le organizzazioni di volontariato si interfacciano con le istituzioni tecniche e politiche per operare sul campo organizzando “l’esercito di chi si oppone” all’aggressione criminale.

Il Centro Osservazione Territoriale posizionato sulla torre d’avvistamento di Castel Fusano e i Carabinieri Forestali, che hanno base presso il Casale Pantano (sede dell’Ufficio Ambiente Litorale) non possono in questo modo svolgere un lavoro di coordinamento ottimale.

E infine un ultimo mistero: perché le casette all’interno della riserva – che di fatto sono una per ogni zona – non siano operative in questo momento (ma le si dovrebbe vedere aperte tutto l’anno) con turnazioni di uomini delle protezioni civili e dei nuclei di volontariato con gli osservatori ambientali?

Pesanti sono quindi le responsabilità politiche di Stato, Comune e Municipio. Se il pubblico non agisce ci saranno forse interessi Privati? Si domanda la gente.

Si tratta di un’aggressione criminale organizzata, emerge dalle parole di chi ha affrontato in queste ore le fiamme, perché gli inneschi – almeno due, ndr – sono stati posizionati al centro della zona colpita dagli incendi in maniera scientifica affinché il forte vento seminasse a 360° le fiamme rendendo quasi impossibile la difesa del bene naturale di tutti i cittadini.

All’emergenza di queste ore l’appello degli operatori volontari è alla mobilitazione cittadina: percorrere le nostre pinete, con biciclette, a piedi, o ai podisti si richiede di vivere con particolare interesse e attenzione le stradine e i sentieri e segnalare qualsiasi comportamento sospetto: [email protected]forestale.carabinieri.it – Tel 06 46657673 Fax 06 98012176 .

Per collaborare attraverso un coordinamento sulle diverse zone della riserva rivolgersi anche ai TUTORS DELLA RISERVA: manda un whatsapp a 338.4104102

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/06/2022
1408/2022
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Jacques Attali e la legalizzazione dell’eutanasia in Occidente

Attali è un «enarca», fa parte cioè di quella élite dalla mentalità ingegneristico-sociale uscita dall’École nationale d’administration (Ena), la scuola dove la République francese plasma la propria classe dirigente (e i cui membri sono soprannominati «enarques»). Nel 1981 viene nominato consigliere speciale della presidenza Mitterrand, diventando una specie di eminenza grigia del leader socialista. Terminato il suo incarico all’Eliseo nei primi anni Novanta viene messo a capo della European Bank for Reconstruction and Development (Banca Europea per la ricostruzione e lo sviluppo), l’organismo finanziario internazionale nato dopo la fine dell’Urss dalla volontà dei governi occidentali di accompagnare i paesi orientali nella transizione verso un sistema di libero mercato.

Leggi tutto

Società

Presentata al Bambino Gesù la Carta dei Diritti del Bambino Inguaribile

Dopo i casi Alfie e Charlie, l’Ospedale pediatrico della Santa Sede ha messo a punto un documento per promuovere l’alleanza terapeutica e il sostegno ai bambini con malattie gravi e inguaribili. Qualcosa si può e si deve fare affinchè certi casi non si verifichino più!

Leggi tutto

Politica

Anche solo il nostro esistere

Il Popolo della Famiglia va avanti: 355 cittadini hanno sottoscritto la mia candidatura a deputato del collegio Roma 1, abbiamo avuto la forza organizzativa per fare la raccolta in una settimana, siamo l’unica organizzazione cristianamente ispirata in grado di fare questo nel campo politico. Non ci è piaciuto il governo gialloverde, ancora meno ci è piaciuto il governo giallorosso che candida nel collegio addirittura il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, quello che ha irriso la famiglia con uno stanziamento di venti volte inferiore a quello necessario e promesso. Se i cattolici hanno un minimo di spina dorsale e coerenza, non possono votare per lui. A chi, come noi, non ha gradito neanche le inesistenti politiche di bilancio a favore della famiglia del governo precedente, noi offriamo un’alternativa.

Leggi tutto

Società

LA VESTE DEI FANTASMI DEL PASSATO CADENDO HA LASCIATO IL QUADRO IMMACOLATO?

Dobbiamo essere il sale del mondo, che sulle ferite brucia, non lo zucchero filato, non dei pappamolli per paura di ritorsioni. Mi spaventa terribilmente vedere che la raccolta firme di Cappato viaggi verso il milione di aderenti e quella sul reddito di maternità abbia superato di poco le 50.000 unità. Inutile negare che ci hanno stracciato alla grande. Morte batte vita venti a zero per ora, palla al centro.

Leggi tutto

Storie

Asteroide in rotta verso la Terra

Un asteroide delle dimensioni della Torre Eiffel si sta dirigendo verso la Terra a dicembre ma senza creare apprensioni (almeno secondo la NASA)

Leggi tutto

Società

Natale: 1 su 5 senza doni

Nessun regalo sotto l’albero per oltre un italiano su 5 (21%) per scelta ma anche a causa delle preoccupazioni e delle difficoltà causate dalla pandemia che hanno ridotto la disponibilità di spesa delle famiglie

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano