Storie

di Stefano Di Tomassi

Con il caldo puntuali gli incendi: allarme ad Ostia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il polmone verde romano è di nuovo sotto attacco: la pineta del litorale, riserva statale naturale è aggredita da eco terroristi. Ascoltando chi sul fronte le squadre attive di Protezione Civile c’è da qualche giorno è chiaro che dietro agli incendi domati soltanto con l’intervento dei Canadair ci sia qualcuno che va oltre alla descrizione del folle piromane.

“Non ci prendiamo in giro – dichiara un volontario della protezione civile – di fronte a un nemico di questo tipo la riserva pubblica va chiusa e l’ingresso, libero, gestito da cancellate. Non si capisce – conclude – perché le istituzioni non diano il via a questa operazione che a nostro avviso deve prevedere anche l’intervento dell’esercito.”

Parole davvero di fuoco quelle di chi è sul campo. Non si comprende ancora perché, dopo ormai molto tempo dal suo insediamento, questa Amministrazione di Centro Sinistra non abbia ancora attivato gli Osservatori Ambientali né tanto meno la Consulta Ambiente, dove le organizzazioni di volontariato si interfacciano con le istituzioni tecniche e politiche per operare sul campo organizzando “l’esercito di chi si oppone” all’aggressione criminale.

Il Centro Osservazione Territoriale posizionato sulla torre d’avvistamento di Castel Fusano e i Carabinieri Forestali, che hanno base presso il Casale Pantano (sede dell’Ufficio Ambiente Litorale) non possono in questo modo svolgere un lavoro di coordinamento ottimale.

E infine un ultimo mistero: perché le casette all’interno della riserva – che di fatto sono una per ogni zona – non siano operative in questo momento (ma le si dovrebbe vedere aperte tutto l’anno) con turnazioni di uomini delle protezioni civili e dei nuclei di volontariato con gli osservatori ambientali?

Pesanti sono quindi le responsabilità politiche di Stato, Comune e Municipio. Se il pubblico non agisce ci saranno forse interessi Privati? Si domanda la gente.

Si tratta di un’aggressione criminale organizzata, emerge dalle parole di chi ha affrontato in queste ore le fiamme, perché gli inneschi – almeno due, ndr – sono stati posizionati al centro della zona colpita dagli incendi in maniera scientifica affinché il forte vento seminasse a 360° le fiamme rendendo quasi impossibile la difesa del bene naturale di tutti i cittadini.

All’emergenza di queste ore l’appello degli operatori volontari è alla mobilitazione cittadina: percorrere le nostre pinete, con biciclette, a piedi, o ai podisti si richiede di vivere con particolare interesse e attenzione le stradine e i sentieri e segnalare qualsiasi comportamento sospetto: [email protected]forestale.carabinieri.it – Tel 06 46657673 Fax 06 98012176 .

Per collaborare attraverso un coordinamento sulle diverse zone della riserva rivolgersi anche ai TUTORS DELLA RISERVA: manda un whatsapp a 338.4104102

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/06/2022
0812/2022
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Tutto quello che non sapete sulla pillola dei 5 giorni dopo

Una donna che faccia uso prolungato della pillola estroprogestinica deve aspettarsi di abortire, statisticamente, almeno una volta ogni dieci anni. Il campione di utenti attualmente rilevato, quanto alla pillola “d’emergenza” dei 5 giorni dopo, è di sole 35 donne. Le donne che fanno ricorso alla contraccezione d’emergenza intesa come pillola del giorno dopo, assumono una dose ormonale pari a 400 vecchie pillole

Leggi tutto

Media

Notte di veglia con Alfie Evans, all’Alder Hey e in Italia

Non è ancora terminata la vicenda terrena, umana e giudiziaria del ragazzino disabile la cui vita era stata definita “futile” dal giudice che l’ha condannato a morte e che invece muove diplomazie e cuori al punto che anche noi siamo venuti nel Regno Unito per offrirvi un’informazione pulita. Ecco il racconto di quest’estenuante e gloriosa nottata.

Leggi tutto

Politica

Alabama “dolce casa” di tutti noi

Quello della vita è un tema che forse è anche riduttivo considerare tale: la gratuità dell’amore da una parte, l’economicismo dello scarto dall’altra. Un tema che accende gli animi, i “rumori di fondo” dei casi-limite e delle proiezioni egoistiche, spesso pilotati da lobbies potentissime. La nuova legge, assai restrittiva in fatto di aborto, segna in realtà un passo avanti per i diritti di tutti

Leggi tutto

Società

Ostia si inginocchia, ma per Simeone Nardacci

Quel Figlio di Ostia ucciso e sotterrato nel bosco simbolo di tutti i “bambini crocifissi”. E dopo oltre 10 anni gli “angeli” dei bambini speciali potranno essere assunti direttamente dal municipio.

Leggi tutto

Storie

Arrestati 34 pusher con il reddito di cittadinanza

Spacciatori ma con il reddito di cittadinanza. È quanto emerso dal blitz antidroga che ha portato all’arresto di 58 persone a seguito dell’operazione antidroga dei carabinieri della compagnia “San Lorenzo” nel quartiere Sperone di Palermo.

Leggi tutto

Storie

A Ravanusa “tutto è compiuto”

Un funerale amaro. Un funerale difficile. Un funerale partecipato. Un funerale per chi spera nonostante tutto perché la morte improvvisa di dieci persone colpisce tutta la comunità:

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano