Società

di Roberto Signori

MYANMAR - Amnesty International: gravi violenze sui civili

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La violenza negli Stati birmani di Kayah e Kayin si è riaccesa dopo il golpe del febbraio 2021 ma si è intensificata dal dicembre scorso al marzo 2022: il risultato è l’uccisione di centinaia di civili e la presenza di 150.000 sfollati. Sono i civili a pagare il prezzo più elevato con continui omicidi, saccheggi e incendi che hanno tutte le caratteristiche della tattica di “punizione collettiva”. E’ quanto afferma il rapporto di Amnesty International “Pallottole piovute dal cielo: Crimini di guerra e sfollamento nell’Est del Myanmar” (“Bullets rained from the sky”: War crimes and displacement in eastern Myanmar), inchiesta condotta da Amnesty nei due Stati Kayin e Kayah, nell’area orientale birmana, al confine con la Thailandia.

“Tatmadaw”, l’esercito che risponde alla giunta militare, ha sottoposto i civili Karen e Karenni (presenti in quegli stati) a “punizioni collettive attraverso diffusi attacchi aerei e terrestri, detenzioni arbitrarie che spesso sfociano in torture o esecuzioni extragiudiziali e il sistematico saccheggio e incendio di villaggi”.

Oltre cento testimoni nella zona del confine hanno raccontato agli inviati di Amnesty storie terribili che hanno portato l’organizzazione a sostenere che Tatmadaw “ha commesso sistematicamente atrocità diffuse, come l’uccisione illegale, la detenzione arbitraria e lo sfollamento forzato di civili”. Tal operato è passibile dell’accusa di “crimini di guerra e probabili crimini contro l’umanità” per via di continui omicidi, saccheggi e incendi “che hanno tutte le caratteristiche della tattica di punizione collettiva tipica dell’esercito”, rileva il Rapporto.

Alcuni attacchi – si spiega - sembrano aver preso di mira direttamente i civili in quanto presunti sostenitori di gruppi armati o della rivolta post-golpe. In altri casi, l’esercito ha sparato indiscriminatamente in aree civili dove si trovavano anche obiettivi militari. Tali attacchi, secondo Amnesty, violano il diritto umanitario internazionale e costituiscono “crimini di guerra”. Se gli attacchi contro la popolazione civile devono essere “diffusi o sistematici” per costituire “crimini contro l’umanità” – prosegue il documento visionato da Fides - negli Stati di Kayin e Kayah, lo sono entrambi per crimini quali omicidio, tortura, trasferimento forzato e persecuzione su base etnica.

Nelle operazioni in corso, l’esercito del Myanmar ha ripetutamente sparato armi esplosive con effetti ad ampio raggio su aree civili popolate. Decine di testimoni hanno raccontato ad Amnesty International di bombardamenti durati giorni interi. L’organizzazione ha documentato 24 attacchi di artiglieria o mortai tra dicembre 2021 e marzo 2022 che hanno ucciso o ferito civili o che hanno causato la distruzione di case, scuole, strutture sanitarie, chiese e monasteri,

Secondo il Rapporto, i militari del Myanmar hanno effettuato detenzioni arbitrarie di civili sulla base della loro comunità o perché sospettati di sostenere le rivolte. Spesso i detenuti sono stati torturati, fatti sparire con la forza o giustiziati. Secondo i testimoni, i militari birmani hanno sparato ai civili, compresi quelli che cercavano di fuggire attraverso un fiume lungo il confine con la Thailandia. Inoltre, i soldati hanno sistematicamente saccheggiato e bruciato ampie sezioni di villaggi negli Stati di Kayin e Kayah

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/06/2022
2711/2022
San Virgilio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

India e jihadisti

La Corte Suprema indiana discuterà sullo swami che chiama alle armi contro i musulmani. In due occasioni il religioso estremista indù Prabodhanand Giri aveva invitato i fedeli a dotarsi di un’arma per “ripulire” l’india dai jihadisti

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Uccisione di due sikh a Peshawar

Il 15 maggio, due uomini non identificati hanno ucciso due sikh al Bata Tal Bazaar di Peshawar, mentre i due sikh erano impegnati ad allestire i loro negozi. Saljeet Singh, 42 anni, e Ranjeet Singh, 38 anni, sono morti sul colpo.

Leggi tutto

Storie

Bangladesh - Cristiano rapito e ucciso

Sabuj Bernard Gosal era scomparso il 28 settembre. Nonostante le denunce alla polizia, pochi giorni dopo il corpo è stato trovato a pezzi. Arrestato un musulmano che lavorava nella stessa fabbrica

Leggi tutto

Storie

Vietnam - Funzionari statali interrompono la messa

Ad Hanoi alcuni funzionari del governo sono entrati in una chiesa nella provincia di Hoa Binh e hanno interrotto la messa che veniva celebrata da Mons. Joseph Vu Van Thien, Arcivescovo di Hanoi.

Leggi tutto

Società

India - La Corte Suprema discuterà sulle violenze contro i cristiani

Nel solo mese di maggio sono stati registrati 57 casi di attacchi a luoghi di culto e altre strutture legate alle chiese

Leggi tutto

Società

Il “matrimonio” di Antonio Matano

Il conduttore de La vita in diretta, dopo il coming out in diretta tv e le nozze, non si nasconde più e vive la sua fantastica storia d’amore alla luce del sole. Intervistato da Repubblica, ha dichiarato: “Le persone hanno capito chi sono prima che raccontassi della mia vita e mi vogliono bene”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano