Società

di Nathan Algren

Thailandia - un freno alla maternità surrogata illegale

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Dipartimento per il Servizio di sostegno alla salute e il Dipartimento per le Investigazioni speciali della Thailandia hanno deciso di collaborare per mettere un freno alla maternità surrogata illegale firmando il 31 maggio un memorandum congiunto.

L’obiettivo principale è quello di cancellare la dubbia reputazione del Paese, visto come un hub per questa pratica che continua a coinvolgere donne anche dai Paesi limitrofi grazie ad agguerriti racket transfrontalieri e con richieste da diverse parti del mondo.

“La Thailandia è nota per essere il centro della surrogata illegale per coppie asiatiche che costituiscono la maggior parte della ‘clientela’. Dobbiamo lavorare insieme per regolare il problema senza nasconderlo sotto il tappeto”, ha specificato Triyarith Temahivong, direttore del Dipartimento per il Servizio di sostegno alla salute.

Attualmente la materia è regolata dalla “Legge per la protezione dei bambini surrogati nati da medicina riproduttiva tecnologicamente assistita” in vigore dal 19 febbraio 2015 che, oltre a porre limiti alla pratica in generale, relegandola quasi esclusivamente all’ambito altruistico e parentale, proibisce anche l’acquisto, la vendita, l’importazione o l’esportazione di sperma umano, ovuli o embrioni stabilendo sanzioni di almeno un anno di carcere per i donatori e fino a 10 anni di prigione per gli altri reati.

Proprio dal ministero, però, è arrivata l’ennesima conferma della possibilità di emendare la legge per consentire a coppie straniere di poter accedere in maniera sicura alla maternità surrogata. Emblematici i dati ufficiali sulla difficoltà a far rispettare la normativa: a fronte di 20mila pazienti che avrebbero chiesto la fertilizzazione in vitro dall’approvazione della legge, sono solo 584 le maternità surrogate legali registrate dal governo, mentre sarebbero decine i bambini nati per via surrogata in Thailandia durante il periodo pandemico, con almeno 19 neonati ancora in custodia del ministero per lo Sviluppo sociale e la Sicurezza umana.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/06/2022
0502/2023
Sant'Agata

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

L’aborto non è un diritto

Monica Cirinnà ha istericamente attaccato il manifesto prolife dell’associazione di Antonio Brandi. Tracotanza infinita. Ma noi non ci fermiamo perchè le battaglie siamo abituati a vincerle!

Leggi tutto

Politica

IL PDF TRA NUOVI ELETTI E NUOVE GRANDI SFIDE

La nostra sfida per un progetto politico autonomo di ispirazione cristiana che cresce e va al governo delle comunità si sposta da qui a otto mesi alle elezioni nelle grandi città  del maggio 2021. Siamo un popolo, non ci faremo trovare impreparati. Dovremo affrontare due settimane dei ballottaggi importanti in cui saremo protagonisti grazie ai risultati ottenuti a Chieti (0,6%) ma soprattutto a Matera (3,5%) e Castrovillari (11,1%). Non solo, tra due settimane il Popolo della Famiglia torna in campo anche per il primo turno delle amministrative siciliane ad Agrigento, a Tremestieri ed a Mislimeri

Leggi tutto

Storie

In Uganda riaprono le scuole

L’UNICEF sta distribuendo 457 tende ad alte prestazioni per sostenere la riapertura delle scuole nei distretti colpiti dalle inondazioni in Uganda. È la prima volta che queste nuove tende innovative vengono utilizzate in un’emergenza.

Leggi tutto

Storie

Texas - Bar gay con spettacolo per bambini

Un bar gay del Texas ha ospitato l’evento “Drag the Kids to Pride” in cui dei ballerini travestiti da drag queen giravano e ballavano provocatoriamente davanti a bambini anche molto piccoli.

Leggi tutto

Storie

SUDAN - Morti per fame nei campi per sfollati

La crisi alimentare sta peggiorando in tutto il Sudan con un conseguente aumento dei tassi di malnutrizione tra i profughi causato dalla mancanza di cibo.

Leggi tutto

Politica

I temi etici non sono politici?

Cosa ha provato a spiegare il Popolo della Famiglia? Che spendere decine di milioni di euro delle casse pubbliche per avviare una pratica generalizzata di selezione eugenetica finalizzata alla soppressione dei nascituri down era una scelta di stampo nazista. Il Nipt senza ombra di dubbio ha quella finalità: è stato reso gratuito in Islanda e in Danimarca a seguito del programma governativo “Down Syndrome free” ottenendo nell’ultimo quinquennio la soppressione del 100% in Islanda e del 98% in Danimarca dei nascituri down individuati dal test. Non sto a dire che per un cattolico tale comportamento e anche tale scelte politica di impiego delle risorse pubbliche dovrebbe implicare una immediata presa di distanza. Ma anche per chiunque abbia un minimo a cuore la sorte dei bambini down, al di là di qualsiasi orientamento religioso, un governatore che avvia questo tipo di “sperimentazioni” dovrebbe risultare immediatamente invotabile.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano