Storie

di Roberto Signori

Ucraina, distrutto il monastero ortodosso della “Santa Dormizione”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Lo storico monastero ortodosso della “Santa Dormizione” della città di Svyatogorsk, nell’oblast di Donetsk, è stato distrutto da un bombardamento russo il 30 maggio scorso. La notizia è stata resa nota dal sito di informazione del Patriarcato di Mosca, che riporta una dichiarazione del metropolita Hilarion di Donetsk e Mariupol: “È con profondo dolore che vi informo che il 30 maggio, durante gli scontri, il 3° e il 4° edificio monastico della Lavra della Santa Dormizione di Svyatogorsk sono stati danneggiati”.

Nell’attacco, si legge, “sono stati uccisi il decano della Lavra, l’archimandrita Galaktion, il monaco Aristokliy e la suora Varvara. Gli ieromonaci Joasaph e Amphilochius, così come lo ierodiacono Alipiy, sono stati feriti. Il numero di laici morti e feriti è attualmente sconosciuto”. Il metropolita chiede “sante preghiere per il riposo dei morti e per la pronta guarigione dei feriti”.

La “Lavra della Santa Dormizione della Madre di Dio” di Sviatohirsk (alla lettera “montagna sacra”) è un importante e storico monastero e rientra nella giurisdizione della Chiesa ortodossa ucraina sotto il Patriarcato di Mosca. Le fonti storiche differiscono sulla data di fondazione del monastero. Secondo alcuni, le origini del monastero risalgono al XIII secolo, quando i monaci della Lavra delle Grotte di Kyiv in fuga a causa dell’invasione mongola, trovarono rifugio nella regione dove stabilirono le basi della vita monastica.

In questi quasi cento giorni di guerra - ricorda l’agenzia Sir - nel monastero hanno trovato rifugio sfollati civili nonostante il complesso fosse stato colpito più volte. Il 12 marzo 2022 è stato danneggiato da un attacco aereo russo sul vicino ponte sul Donet, momento in cui circa 520 rifugiati erano presenti nella struttura. L’esplosione ha danneggiato finestre e porte degli edifici del monastero e diverse persone sono rimaste ferite dai frammenti di vetro delle finestre in frantumi. Il 4 maggio, ripetuti bombardamenti hanno ferito altre sette persone.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

03/06/2022
3009/2022
S. Girolamo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Lettera di Monsignor Andrea Bellandi per il Natale

In vista del Santo Natale il nostro Arcivescovo ha rivolto il proprio messaggio di auguri ai fedeli dell’Arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno, nella lettera S.E. Mons. Andrea Bellandi scrive: Viviamo in un “cambiamento d’epoca”, come più volte ha detto papa Francesco, ma spesso molti tra noi non ne hanno piena coscienza e il rischio è che, pur continuando ad usare parole cristiane, compiere gesti cristiani, appellarsi a valori cristiani – nella logica del “si è sempre fatto così” – questa tradizione risulti a molti sempre più vuota di contenuto e di esperienza reale (…)

Leggi tutto

Chiesa

Colombia: appello della Chiesa contro le violenze

Nel Paese latino americano si registra, dall’accordo di pace del 2016, una recrudescenza della violenza, con vittime in particolare tra gli attivisti per i diritti umani.

Leggi tutto

Storie

Argentina - Sgomento per le immagini sacre profanate a Pehuajó

Nel comunicato della diocesi, firmato anche dal parroco, il Vescovo esprime shock e dolore, insieme alla vicinanza e alla solidarietà con l’intera comunità. “Mentre contempliamo le immagini spezzate del Signore Gesù e dei suoi Santi – prosegue il testo -, non possiamo fare a meno di pensare a tante persone le cui esistenze sono anch’esse spezzate e frantumate dalla disintegrazione familiare, dalle dipendenze, dalla violenza, dagli abusi e da tante altre forme di manipolazione e ingiustizia”.

Leggi tutto

Storie

Vescovi: preghiere e solidarietà per il Brasile

In Brasile è salito a quasi 100 morti, di cui 8 bambini, e 34 dispersi il bilancio delle vittime delle piogge torrenziali che hanno colpito Petropolis, località turistica sulle colline a Nord di Rio de Janeiro. I vescovi si uniscono in preghiera ed esprimono vicinanza alle popolazioni colpite

Leggi tutto

Chiesa

Ucraina - Orionini e Salesiani, impegnati nell’accoglienza dei profughi

I Salesiani sono presenti nelle grandi città del Paese: Kiev, Leopoli, Zhytomyr, Dnipro, Odessa, così come a Korostyshiv, Peremyshlany e Bibrka, e restano vicini alla popolazione cercando di dare speranza. Attualmente i Salesiani stanno già accogliendo un centinaio di minori nei loro rifugi, dando la priorità ai bambini degli orfanatrofi, e si prevede possano ospitarne altre centinaia a Leopoli con l’arrivo dei primi profughi dall’est del Paese. “Vi chiedo anzitutto di pregare per l’Ucraina e anche di essere accoglienti se arriveranno profughi nel vostro Paese. Vi ringrazio per ogni vostro aiuto e sostegno” conclude don Chaban.

Leggi tutto

Chiesa

Papa: In nome di Dio, vi chiedo: fermate questo massacro!

Dopo la preghiera dell’Angelus, nuovo accorato appello di Francesco per “la fine della guerra” nella martoriata Ucraina

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano