Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Food Safety. Allarme sulla sicurezza alimentare globale

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Biodiversità, sviluppo dei sistemi alimentari locali e cooperazione tra consumatori e imprenditori sono alcuni degli interventi proposti dagli esperti di SACRU per contrastare le disuguaglianze alimentari del mondo e promuovere un modo nuovo di sviluppo economico che tuteli l’ambiente e l’umanità. Le proposte sono state lanciate in occasione della Giornata Mondiale della sicurezza alimentare, martedì 7 giugno, proclamata dall’Onu per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della sicurezza alimentare.

La guerra tra Russia e Ucraina ha bloccato il granaio del mondo. I due Paesi sono i principali esportatori globali di grano, cereali ma anche di fertilizzanti per agricoltura. L’impennata dei prezzi e il calo dell’offerta rischiano di scatenare una crisi alimentare, peggiorando una situazione già non rosea che penalizzerebbe soprattutto il continente africano. I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sono chiari: ogni anno 600 milioni di persone si ammalano a seguito dell’assunzione di cibo contaminato e oltre 200 malattie sono provocate da cibi contaminati da batteri, virus, parassiti o sostanze chimiche. E la guerra in corso, secondo le prime stime, rischia di aumentare di 13 milioni il numero di persone denutrite.

In occasione della Giornata Mondiale per la Food Safety la Strategic Alliance of Catholic Research Universities (SACRU) ha fornito una panoramica della questione che incide sui temi della salute, dell’economia e della geopolitica. SACRU è un network composto da otto università cattoliche di ben quattro continenti diversi, coordinate dall’Università Cattolica del Sacro Cuore, che cooperano assieme con l’obiettivo di promuovere un’istruzione globale per il bene comune e una eccellente ricerca interdisciplinare ispirata dall’insegnamento sociale cattolico. Una delle aree principali su cui si sono concentrate le attività di SACRU riguarda la Food Safety, in particolare attraverso l’istituzione di un Gruppo di Lavoro dedicato all’analisi dei problemi associati allo sviluppo di prodotti alimentari e allo studio delle normative per la Food Safety vigenti in diversi Paesi.

La food safety è legata gli aspetti relativi alla sicurezza intesa come igiene e salubrità di un alimento. Si tratta, in sostanza, di quel complesso di norme poste a tutela della salute umana la cui base costituzionale va rintracciata nell’articolo 32 della Costituzione il quale tutela il diritto alla salute.

La food security, invece, è legata agli aspetti più etici (economici e sociali): trattasi, infatti, della possibilità universale di accesso ad una quantità di cibo sufficiente per condurre una vita dignitosa.

Come accennato sopra, i due concetti sono tra loro complementari e rappresentano due accezioni di sicurezza differenti: uno indica la sicurezza economico-sociale di disponibilità di approvvigionamenti alimentari (food security); l’altro invece indica la sicurezza igienico-sanitaria degli stessi (food safety).

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/06/2022
0812/2022
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Il Messaggio di libertà di don Emanuele Personeni

Don Emanuele Personeni, parroco di Mapello, scrive una lunga lettera annunciando che venerdì 11 febbraio intraprenderà un cammino per l’Italia per portare una riflessione su come vengono trattate le persone che hanno deciso di non vaccinarsi.

Leggi tutto

Media

David di Donatello 2022: Paolo Sorrentino vince miglior film e miglior regia

È stata la mano di Dio conquista anche il David per la migliore attrice non protagonista, la migliore fotografia e il David Giovani

Leggi tutto

Storie

Ancora un omicidio legato ad accuse di blasfemia in Pakistan

Ancora un omicidio legato ad accuse di blasfemia in Pakistan, in pieno giorno davanti a una folla che ha assistito al gesto impotente, senza riuscire a intervenire. Un uomo di 80 anni, conosciuto dai più con il soprannome di Chacha (zio) Sharif (nella foto), è stato ucciso in modo brutale, pugnalato allo stomaco e poi sgozzato con un machete, da un giovane che mentre colpiva urlava frasi di odio e slogan fra i quali: “Ho ammazzato un blasfemo”.

Leggi tutto

Media

Libro - “Zi’ Tore. Il “parroco” di Padre Pio”

Una immensa folla, il 16 giugno di venti anni fa, riempiva Piazza San Pietro e tutta via della Conciliazione, fino al lungotevere sotto Castel Sant’Angelo, per la canonizzazione di Padre Pio da Pietrelcina.

Leggi tutto

Storie

Si aggravano le tensioni in Burkina Faso

Si aggravano le tensioni in Burkina Faso, dove gruppi armati provocano giornalmente vittime

Leggi tutto

Chiesa

CANADA - “Non si può annunciare Dio in un modo contrario a Dio”

La fede in Cristo può essere annunciata solo «nella libertà e nella carità», come Cristo stesso desidera. Quando si rinuncia a questo tratto di gratuità, e si vuole «inculcare Dio nelle persone» imponendolo come un postulato del «proprio modello culturale», si tradisce la dinamica stessa con cui opera il Signore, che «non costringe, non soffoca e non opprime; sempre, invece, ama, libera e lascia liberi»

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano