Politica

di la redazione

Palermo al voto - Ciro Lomonte, candidato del PDF

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Quando cominciò a frequentare il liceo scientifico Stanislao Cannizzaro erano tempi di rivolta, tempi di violenza. «Capitava che la polizia in strada sparasse», rievoca. E in occasione di una delle ripetute proteste anche lui venne sospeso per 15 giorni di fila da un preside impaurito. A 18 anni ha trovato le risposte che cercava. Ed è diventato un numerario dell’Opus Dei. Impegno e dedizione per il Signore, celibato, castità, sostegno per chi è più debole. La facoltà di Architettura la frequenta due anni in città e due anni a Milano. Nella città meneghina, però, l’aria è pesante. L’università è una pentola a pressione. «Il professore di analisi matematica un giorno arrivò e ci disse, “bene, ora vi insegneremo la dialettica marxista attraverso i numeri”. Qua sono tutti matti, mi sono detto, e tornai a Palermo».

Piccolo ritratto di Ciro Lomonte, uno dei sei candidati a sindaco, uno che anche cinque anni fa ci aveva provato e che questa volta lo fa con maggiore consapevolezza, portando la bandiera del movimento «Popolo della famiglia».
Architetto, figlio di un dirigente delle Poste e di una madre casalinga, lui non si definisce un single. «Io sono un uomo felice, un uomo innamorato di Dio. È un errore pensare a uno come me come a uno che passa le giornate da solo, tristemente. Ho fatto una scelta di fedeltà e la perseguo. Anche io devo fare attenzione perché anche io sono attratto dalle donne».


Ha riccioli e barba bianca, sembra un profeta di quella identità siciliana che difende a spada tratta. Parla dell’Isola come di una colonia: «Purtroppo è così - spiega -. Dei 25 miliardi di gettito siamo costretti a stornarne 10 a Roma. Lo statuto dell’autonomia è tradito, osteggiato, negletto».

Ritiene la letteratura siciliana degli ultimi duecento anni «pericolosa» perché «intrisa di un pessimismo senza speranza». Anche se riconosce la «stupefacente intelligenza di Sciascia e la sua capacità di analisi» come un punto di riferimento. Ama leggere Dostoevskj e ascoltare Sting nel tempo che gli rimane dopo gli impegni che si è assunto.


È senza dubbio un personaggio controcorrente. Sulla storia dell’arte, la sua materia, è netto: «Quante bugie sullo stile arabo normanno che non esiste, esiste l’arte siciliana. Le architetture di Palermo non si trovano in altri luoghi proprio perché realizzate da artisti locali». Ce l’ha con una certa idea che si trasmette della Sicilia, triste e senza futuro. Se la prende anche con l’ultimo video di Jovanotti: «È girato a Palermo fra rovine, vie sporche, straccioni…un modo falso di rappresentarci. Perché il messaggio deve essere sempre lo stesso: i siciliani non valgono nulla».


Era, negli anni della fatica sui libri, un secchione. Prende 60 alla maturità, 110 alla laurea. Comincia l’attività libero professionale e accanto prosegue con la dedizione alla causa della Compagnia. Quella che spesso sin chiama la «massoneria bianca». Ride, Lomonte. «Macché, non c’è l’Opus dietro la mia candidatura e nessuno mi sta aiutando - spiega -. E questo perché siamo liberi di pensare, di agire, di scegliere. La Dc ha creato molti guasti perché ha inventato le truppe cammellate».


La politica per lui è un fatto recente. Sino ai miei 56 anni non ne ho mai voluto sapere nulla, i partiti mi hanno sempre dato l’idea che trasmettessero qualcosa di falso». Poi ha acquisito il bisogno espresso da molti amici «che serve una ribellione con facce non compromesse». Spiega lo stato di subalternità dei siciliani con alcuni esempi: «Sui nostri mercati ci sono i limoni provenienti dall’Argentina. Ci rendiamo conto? Questo è esattamente la maniera in cui ci vedono: un mercato da sfruttare». Il nemico più grande? «Lo Stato centrale che non garantisce a questa terra i suoi diritti».

Lomonte ha un sogno nel cassetto: «Che i siciliano siano felici». E se gli si chiede se la sua battaglia al giorno d’oggi rischia di assumere un tratto velleitario lui risponde: «No, assolutamente no. Le nostre idee pian piano si vanno radicando».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/06/2022
0512/2023
San Giulio martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Hadjadj: non scegliete il male minore

L’Italia è chiamata al referendum su una riforma costituzionale molto pervasiva; la Francia
vede prepararsi le elezioni con i cattolici che propendono (come avviene anche nel Belpaese) per il
centrodestra, diviso oggi tra liberalconservatori e nazionalisti duri e puri. Il filosofo Fabrice Hadjadj,
intervistato da Famille Chrétienne, invita a «tracciare un sentiero nel mezzo di Mordor»

Leggi tutto

Politica

Don Giussani e la politica

Ogni comunità cristiana, per il fatto di essere storicamente collocata in un determinato ambito civile – nel nostro caso, un Comune −, non può non avere uno sguardo sui bisogni e le urgenze più grandi che emergono in quel luogo. Per questo implicarsi con le prossime elezioni amministrative è una possibilità a portata di mano di tutti, nessuno può sentirsi escluso. Chi avrà accettato la sfida potrà giudicare se l’essersi implicato in questa circostanza, che non abbiamo deciso noi, gli è servito per verificare quello che dicevamo all’inizio, cioè se quello che abbiamo incontrato serve per affrontare tutto, perfino nel clima di sfiducia dal quale ci sentiamo circondati. Noi non possiamo essere definiti da questo clima, né possiamo lasciare che altri riempiano gli spazi di presenza che noi, per pigrizia, non riempiamo. Allora ciascuno nel proprio ambito potrà vedere se quello che ci diciamo è un fatto vivo – come è stato per quei nostri amici − o se è semplicemente un modo di dire che non c’entra con le urgenze della vita. Mi sembra che abbiamo davanti una bellissima opportunità per verificare tutti, ma proprio tutti, non solo coloro che s’impegnano direttamente in politica o che hanno deciso di candidarsi, se siamo veramente impegnati per realizzare quel ‘bene comune’ di cui parliamo sempre”.

Leggi tutto

Chiesa

L’ordinario militare ci parla di Fatima

Monsignor da Silva Rodrigues Linda, prelato personale dell’ordinariato militare lusitano, oltre che presidente della commissione ecumenica della Conferenza episcopale del Portogallo, che è stato domenica in visita a Roma, ha rilasciato una intervista esclusiva per “La Croce”, in occasione delle celebrazioni del centenario della Regina del Santo Rosario

Leggi tutto

Società

NICOLA DI MATTEO: GIUSTE LE AGGRAVANTI PER CHI ATTACCA LE FORZE DELL’ORDINE

In questi giorni abbiamo dovuto assistere (nostro malgrado) a fatti di violenza privi di qualsiasi giustificazione. La gravità di quanto accaduto è stata enfatizzata dall’essere stata rivolta verso i tutori dell’ordine, uomini e donne che quotidianamente rischiano la vita per la sicurezza dei cittadini. Necessarie leggi severe per assicurare alla giustizia chi si rende reo di fatti gravi come quelli avvenuti a Piacenza.

Leggi tutto

Società

GENDER X, FOLLIE DA SUICIDIO

La decisione del consiglio comunale di New York di consentire ai genitori per motivi evidentemente ideologici di inventarsi figli di “gender X” equivale ad aver deciso per quello sfortunato bambino la consegna al tentativo di suicidio entro i vent’anni, con probabilità superiore a uno su due. Frattanto in Italia è morto il primo ragazzo per Fentanyl, per i giochi perversi degli adulti sulla pelle dei figli.

Leggi tutto

Politica

VALUTAZIONI POLITICHE SU VERONA

Finalmente si può parlare del Congresso di Verona potendo commentare le parole effettivamente pronunciate, lasciando da parte i sentito dire, ed è un bel sollievo: basta dietrologie e spazio alla valutazioni su quanto si è affermato.  Il Popolo della Famiglia come si sa non partecipa al Congresso di Verona proprio per il legame evidente e troppo stretto che si è voluto creare con un governo la cui azione è giudicata molto negativamente

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano