Politica

di la redazione

Palermo al voto - Ciro Lomonte, candidato del PDF

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Quando cominciò a frequentare il liceo scientifico Stanislao Cannizzaro erano tempi di rivolta, tempi di violenza. «Capitava che la polizia in strada sparasse», rievoca. E in occasione di una delle ripetute proteste anche lui venne sospeso per 15 giorni di fila da un preside impaurito. A 18 anni ha trovato le risposte che cercava. Ed è diventato un numerario dell’Opus Dei. Impegno e dedizione per il Signore, celibato, castità, sostegno per chi è più debole. La facoltà di Architettura la frequenta due anni in città e due anni a Milano. Nella città meneghina, però, l’aria è pesante. L’università è una pentola a pressione. «Il professore di analisi matematica un giorno arrivò e ci disse, “bene, ora vi insegneremo la dialettica marxista attraverso i numeri”. Qua sono tutti matti, mi sono detto, e tornai a Palermo».

Piccolo ritratto di Ciro Lomonte, uno dei sei candidati a sindaco, uno che anche cinque anni fa ci aveva provato e che questa volta lo fa con maggiore consapevolezza, portando la bandiera del movimento «Popolo della famiglia».
Architetto, figlio di un dirigente delle Poste e di una madre casalinga, lui non si definisce un single. «Io sono un uomo felice, un uomo innamorato di Dio. È un errore pensare a uno come me come a uno che passa le giornate da solo, tristemente. Ho fatto una scelta di fedeltà e la perseguo. Anche io devo fare attenzione perché anche io sono attratto dalle donne».


Ha riccioli e barba bianca, sembra un profeta di quella identità siciliana che difende a spada tratta. Parla dell’Isola come di una colonia: «Purtroppo è così - spiega -. Dei 25 miliardi di gettito siamo costretti a stornarne 10 a Roma. Lo statuto dell’autonomia è tradito, osteggiato, negletto».

Ritiene la letteratura siciliana degli ultimi duecento anni «pericolosa» perché «intrisa di un pessimismo senza speranza». Anche se riconosce la «stupefacente intelligenza di Sciascia e la sua capacità di analisi» come un punto di riferimento. Ama leggere Dostoevskj e ascoltare Sting nel tempo che gli rimane dopo gli impegni che si è assunto.


È senza dubbio un personaggio controcorrente. Sulla storia dell’arte, la sua materia, è netto: «Quante bugie sullo stile arabo normanno che non esiste, esiste l’arte siciliana. Le architetture di Palermo non si trovano in altri luoghi proprio perché realizzate da artisti locali». Ce l’ha con una certa idea che si trasmette della Sicilia, triste e senza futuro. Se la prende anche con l’ultimo video di Jovanotti: «È girato a Palermo fra rovine, vie sporche, straccioni…un modo falso di rappresentarci. Perché il messaggio deve essere sempre lo stesso: i siciliani non valgono nulla».


Era, negli anni della fatica sui libri, un secchione. Prende 60 alla maturità, 110 alla laurea. Comincia l’attività libero professionale e accanto prosegue con la dedizione alla causa della Compagnia. Quella che spesso sin chiama la «massoneria bianca». Ride, Lomonte. «Macché, non c’è l’Opus dietro la mia candidatura e nessuno mi sta aiutando - spiega -. E questo perché siamo liberi di pensare, di agire, di scegliere. La Dc ha creato molti guasti perché ha inventato le truppe cammellate».


La politica per lui è un fatto recente. Sino ai miei 56 anni non ne ho mai voluto sapere nulla, i partiti mi hanno sempre dato l’idea che trasmettessero qualcosa di falso». Poi ha acquisito il bisogno espresso da molti amici «che serve una ribellione con facce non compromesse». Spiega lo stato di subalternità dei siciliani con alcuni esempi: «Sui nostri mercati ci sono i limoni provenienti dall’Argentina. Ci rendiamo conto? Questo è esattamente la maniera in cui ci vedono: un mercato da sfruttare». Il nemico più grande? «Lo Stato centrale che non garantisce a questa terra i suoi diritti».

Lomonte ha un sogno nel cassetto: «Che i siciliano siano felici». E se gli si chiede se la sua battaglia al giorno d’oggi rischia di assumere un tratto velleitario lui risponde: «No, assolutamente no. Le nostre idee pian piano si vanno radicando».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/06/2022
1408/2022
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Crediamo solo in Dio

La corruzione diffusa nell’intreccio tra politica, burocrazia e impresa; la guerra continua tra magistrature e altre istituzioni; il decadimento etico complessivo diffuso. A chi si può credere in Italia?

Leggi tutto

Politica

Miseria e ragioni del populismo

Il cosiddetto “populismo” è un fenomeno ambiguo. Se da una parte esprime la rivolta del senso comune contro la nuova oligarchia che ha omologato destra e sinistra, dall’altra pare condividere lo stesso patrimonio genetico (fatto di materialismo e individualismo) di questa élite altezzosa. Perciò non rappresenta una reale alternativa ma piuttosto un prodotto della “postdemocrazia”. Nelle parole di papa Francesco sta la vera alternativa

Leggi tutto

Media

Vogliono tornare all’EIAR

Ho lavorato per molti anni in Rai e ne conosco bene il terribile sport che accomuna l’ipertrofica pianta organica dei dipendenti e dirigenti dell’azienda: fiutare il vento e piazzare la vela in conformità. Per chi ama la libertà delle idee è qualcosa che ti fa mancare l’aria, io mi dimisi addirittura da un contratto a termine, comprendo perfettamente la decisione di Milena Gabanelli di autosospendersi davanti all’umiliazione, come quella di Giletti e Floris (altro sgradito, molto sgradito a Renzi) di andarsene a La7.

Leggi tutto

Società

Partendo da un fumetto di Zerocalcare

Abbandonare l’inconsistenza. Ecco l’obiettivo che dovremmo porci, noi tutti, ogni giorno. E dopo averlo posto, sforzarci di vederlo proposto agli altri, in particolare ai giovani che altrimenti vivranno sempre in condizione sradicata, da canne esposte ad ogni vento.

Leggi tutto

Politica

PERCHE’ IL PDF RIPARTE DA CAMALDOLI

Tre quarti di secolo fa, in un tempo davvero davvero difficile e se leggete le date seriamente coraggioso, cioè dal 18 al 24 luglio 1943, un gruppo di intellettuali (laici e religiosi) cattolici si riunì, presso il monastero benedettino di Camaldoli, sotto la guida di mons. Adriano Bernareggi, assistente ecclesiastico dei laureati dell’Azione Cattolica, con l’intento di confrontarsi e riflettere sulla dottrina sociale della Chiesa e sui problemi della società, sui rapporti tra individuo e stato, tra bene comune e libertà individuale.

Leggi tutto

Società

La distrazione di fondo che ci porta all’eutanasia

Gli istituti demoscopici presano un servizio spesso utilissimo, ma non di rado influenzano scientemente i propri risultati (anche semplicemente col modo di formulare le domande). Sul fine-vita – ormai ci martellano da anni e anni per inculcarci l’idea che sia meglio per tutti liberarsi dei malati e dei disabili (fanno passare Eluana Englaro per “una ragazza in coma”…) – i responsi sono tutti accesi ma decisamente contraddittori: il 60% degli italiani si dice contrario al suicidio assistito, ma sono anche di più quelli che si dicono favorevoli a una legge che regolamenti l’eutanasia. Com’è possibile?

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano