Politica

di Giuseppe Udinov

Sako: i cristiani iracheni sono veri patrioti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I cristiani iracheni rappresentano una comunità autoctona, presente nella terra della Mesopotamia ben prima dalla nascita dell’islam. Loro, con dedizione e creatività, hanno contribuito in maniera determinante alla originale civiltà sviluppatasi nella regione, e rappresenta un’offesa all’umanità e anche all’intelligenza la definizione che li bolla come “infedeli” e “politeisti”, definizione rintracciabile anche su testi e piattaforme digitali del Sistema educativo nazionale. Lo rimarca il Cardinale iracheno Louis Raphael Sako, in un’ampia analisi focalizzata su problemi e opportunità che connotano la vita quotidiana delle comunità cristiane irachene nell’attuale fase storica.

L’ampia analisi viene offerta dal Patriarca come contributo per avviare un confronto con esponenti e rappresentanti delle altre compagini ecclesiali locali, in vista di una eventuale conferenza dedicate alle emergenze che affaticano la vita delle comunità cristiane in Medio Oriente e mettono a rischio la loro millenaria presenza in quella regione del mondo.

Nel suo contributo, tra le altre cose, il Patriarca ribadisce che “dalla caduta del precedente regime, nell’aprile 2003, in Iraq non ha ancora visto la luce una vita politica normale, visti i continui fallimenti dei governi nel realizzare ciò di cui il popolo ha bisogno”. Il Primate della Chiesa caldea critica anche il fatto che la Costituzione citi solo l’islam come fonte della legislazione, offrendo la base giuridica per pratiche politiche e sociali che finiscono inevitabilmente per discriminare i cristiani e gli appartenenti a altre comunità di fede come “cittadini di serie B”.

La mentalità che mira a imporre una religione alle coscienze – rimarca il Cardinale Sako – non favorisce “il rispetto, la coesistenza e la tolleranza”. Il Patriarca riconosce che in epoche passate anche la cristianità ha pagato il suo pegno a tale mentalità, aggiungendo che adesso ogni discorso che istiga alla discriminazione, all’esclusione e all’odio tra cittadini per ragioni legate al settarismo religioso, “dovrebbe essere condannato legalmente”. A questo riguardo, il Patriarca critica anche la concezione che identifica le varie comunità di fede come ‘componenti’ separate della società irachena, concezione che “nutre le identità tribali e settarie, e non aiuta a stabilire uno Stato nazionale moderno”, fondato sui principi di cittadinanza e eguaglianza dei diritti. “I cristiani” insiste il Patriarca Sako “sono iracheni autoctoni e non sono una comunità proveniente da un altro Paese. Loro sono popolo di questa terra, quindi non è accettabile etichettarli come ‘minoranza’ ”.

Critiche radicali vengono riservate dal Patriarca ai cosiddetti ‘Partiti cristiani’, le piccole sigle politiche irachene create da singoli cristiani e da gruppi di battezzati che aspirano a presentarsi come proiezioni politiche delle comunità cristiane locali. “Questi Partiti” scrive il Cardinale Sako “servono solo a fomentare nazionalismi regionali. Di conseguenza, non sono riusciti nè al centro nè nelle diverse aree regionali a giocare un vero ruolo come strumenti per favorire la coesione tra I diversi gruppi cristiani e trovare un nome unitario su cui far convergere le loro forse, giocando come un’unica squadra al servizio del bene dei cristiani e di tutto il Paese”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/06/2022
2309/2023
San Lino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Tre giorni di Fede e sport in Vaticano

Si è aperta ieri la conferenza globale su fede e sport che vedrà, in Vaticano, per tre giorni (dal 5 al 7 Ottobre) riunirsi atleti e rappresentati di fede per parlare e testimoniare i principi su cui dovrebbe basarsi lo sport e su cui, in un modo profondo, può innestarsi l’esperienza di fede di ogni singolo sportivo, qualsiasi essa sia.

Leggi tutto

Società

Vita da neonato

Siamo sconvolti, raccapricciati da queste storie che ci assediano e che vedono come vittime innocenti bambini. Qualcuno (pochi a dire il vero) ha avuto l’ardire di andare sul profilo della povera Ilaria a scrivere cose assurde, tipo che si vede che non amava la figlia perché sui social non ha postato nemmeno una foto della piccola (magari questo vuol dire che l’amava così tanto da preoccuparsi seriamente della tutela della sua privacy ed ha seguito gli inviti della polizia postale di non pubblicare le foto dei figli), o che di andare dal parrucchiere non se lo sarebbe certo scordato, senza sapere niente di lei (per esempio io, ve lo confesso, non vado dal parrucchiere da ben 7 anni, quindi di me questa fesseria non potreste dirla, vi avverto già).

Leggi tutto

Società

La distrazione di fondo che ci porta all’eutanasia

Gli istituti demoscopici presano un servizio spesso utilissimo, ma non di rado influenzano scientemente i propri risultati (anche semplicemente col modo di formulare le domande). Sul fine-vita – ormai ci martellano da anni e anni per inculcarci l’idea che sia meglio per tutti liberarsi dei malati e dei disabili (fanno passare Eluana Englaro per “una ragazza in coma”…) – i responsi sono tutti accesi ma decisamente contraddittori: il 60% degli italiani si dice contrario al suicidio assistito, ma sono anche di più quelli che si dicono favorevoli a una legge che regolamenti l’eutanasia. Com’è possibile?

Leggi tutto

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

Politica

Verso un’epoca nuova

L’intellettualismo imperante privilegia una parte dell’umanità della persona finendo per astrattizzarla e dunque distorcerla: la sua ragione. Si viviseziona così l’uomo, spegnendolo, in ragione astratta; anima, moralità, disincarnata; e resto emozionale, pratico, del soggetto.

Leggi tutto

Politica

Inviato speciale per garantire la tutela della libertà religiosa

“Un passo particolarmente importante per confermare che il diritto di professare liberamente la fede religiosa - riconosciuto dall’articolo 19 della Costituzione italiana - non è valido solo a livello nazionale ma deve essere promosso in ogni sede internazionale, quale diritto fondamentale e inviolabile di ciascuno

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano