Storie

di Nathan Algren

PAKISTAN - Libertà su cauzione concessa a un cristiano

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Concedere la cauzione a Stephen Maish, un malato di mente accusato di blasfemia è una mossa positiva: non si può addebitare a una persona mentalmente instabile nessuna accusa, perché la persona non ha la piena coscienza di quello che sta facendo. Sono già tre anni che il caso è aperto, vorrei che fosse definitivamente archiviato. Mi dispiace dire che l’uso improprio della legge sulla blasfemia sta facendo ancora danni e le persone stanno usando la normativa per i loro rancori e vendette personali. E’ quanto accaduto nel caso di Stephen Masih, 40 anni, accusato di blasfemia per una lite con la famiglia e i vicini”: lo dice all’Agenzia Fides padre Mario Rodrigues, sacerdote dell’arcidiocesi di Karachi. P. Mario Rodrigues inoltre afferma: “Accogliamo con favore la decisione della Corte per la concessione della libertà su cauzione, ma allo stesso tempo siamo preoccupati per l’ incolumità dell’uomo. Una volta che una persona è accusata di blasfemia in Pakistan, la sua vita è sempre a rischio e in pericolo”.

Il presidente della Ong “Voice for Justice”, Joseph Jansen, che ha seguito il caso, nota a Fides: “La polizia ha fatto irruzione nella casa di Stephen e lo ha arrestato senza indagini, e ha perfino malmenato sua madre lasciandola con una frattura alla gamba e al braccio. Senza verificare l’autenticità dell’accusa, una folla ha attaccato e torturato innocenti. Questo caso è un chiaro esempio di abuso della legge di blasfemia per vendetta personale”. Joseph Jansen sottolinea: “Chiediamo che tutti coloro che incitano o commettono violenza in nome della religione sulla base di accuse di blasfemia, così come coloro che accusano falsamente altri di blasfemia, siano assicurati alla giustizia e debitamente puniti”.
L’avvocato Abdul Hameed Rana ha dichiarato: “Questa decisione della Corte è una vittoria della verità e della giustizia, poiché Stephen era in prigione per un reato che non ha mai commesso. Vi sono state testimonianze false. Dopo la libertà su cauzione, continueremo i nostri sforzi perchè sia riconosciuto innocente e assolto in via definitiva”.
Stephen Masih, cristiano con disabilità mentale, è stato arrestato l’11 marzo 2019 quando una folla inferocita ha attaccato la sua casa e ha malmenato lui e la sua famiglia. La polizia ha salvato Stephen dalla folla inferocita e lo ha accusato ai sensi dell’articolo 295 C del Codice penale pakistano, con l’accusa di aver profanato il nome del profeta Maometto, che prevede la pena di morte o l’ergastolo.
Secondo i membri della famiglia, Stephen Masih, che soffre di “disturbo affettivo bipolare”, ha litigato con la madre, la sorella, il cognato e con i vicini e ha usato linguaggio offensivo che non era affatto correlato a nessun argomento religioso o a personaggi religiosi. Ha usato parole offensive verso una vicina donna musulmana, il cui marito, il religioso musulmano Hafiz Muhammad Mudassar, per dare una lezione a Stephen, lo ha accusato di blasfemia e ha sparso la voce che Stephen avesse detto parole blasfeme sul profeta Maometto. Dopo l’udienza del 3 giugno 2019, Stephen è stato accusato di blasfemia ed è stato mandato in carcere.
Nel marzo 2020, un anno dopo, è stata convocata una commissione per le visite mediche per esaminare la sua salute mentale. Dopo diverse sedute, osservazioni e valutazioni, il 30 luglio 2021 il Punjab Institute of Mental Health ha concluso che Stephen Masih soffre di “disturbo affettivo bipolare” e lo ha dichiarato “non idoneo a sostenere un processo” per problemi di salute mentale. La Corte ora ne ha preso atto e ha concesso la libertà su cauzione.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/06/2022
0110/2022
S. Teresa di Gesù bambino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Due gesuiti uccisi in una chiesa in Messico

I due religiosi, Javier Campos e Joaquín Mora, sono stati assassinati da un uomo armato mentre cercavano di proteggere una persona

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco in Canada per abbracciare gli indigeni

Al termine dell’Angelus Francesco chiede di accompagnare con la preghiera il suo prossimo viaggio apostolico del 24-30 luglio, durante il quale incontrerà le comunità originarie

Leggi tutto

Storie

EGITTO - Professore di al Azhar processato per ingiuria al cristianesimo

Si chiama Mabrouk Attia, e insegna Legge islamica all’Università di Al Azhar, il professore-predicatore egiziano finito al centro di controversie e di cause penali per alcune espressioni irriverenti riservate a Gesù, in un intervento filmato diffuso attraverso i social media.

Leggi tutto

Storie

Corea del Nord - Decine di detenuti morti per fame nelle carceri

Registrate 35 vittime in una prigione a nord di Pyongyang. I familiari non hanno potuto consegnare razioni extra di cibo per le restrizioni imposte per contrastare il Covid-19

Leggi tutto

Storie

Una lettera d’amore del generale Gorostieta

Ricordate il generale messicano impersonato da Andy Garcia in “Cristiada”?
Oggi pubblichiamo, per la prima volta in italiano, il testo di una sua toccante lettera alla moglie, scritta esattamente 80 anni fa nel triduo del Natale: è la penna di un cavaliere, monaco e guerriero al contempo, a correre sulla carta.
Amore alla moglie, alla patria e a Dio si fondono in una lezione senza tempo.

Leggi tutto

Politica

Ministro Bonetti: 30 milioni per i campi estivi

Non si coglie come sia possibile immaginare l’apertura di centri estivi – e chi dovrebbe educare i bambini ai giusti comportamenti all’interno dei medesimi? – se non si riconoscono le condizioni adeguate per riaprire le scuole. Si tratterebbe comunque di luoghi di “assembramento sociale”, in che spazi? Gestiti da chi? Insomma, le risposte del ministro contengono sempre una parte di giudizio interessante, a tratti anche condivisibile («i nostri figli hanno diritto di giocare», «la priorità è sostenere le famiglie e investire nel valore sociale che continuano a mettere in campo»), purtroppo innestate – quasi innaturalmente – in una concezione talmente ideologica e statalista per cui gli “aiuti” vanno promessi – si spera prima o poi anche erogati – al fine di un «cambio di paradigma» della società, che deve diventare come il ministro desidera.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano