Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa Francesco la famiglia è fondata sul matrimonio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

” Portate la loro voce presso le istituzioni europee e lavorate per formare reti di famiglie in tutta Europa”. Così Papa Francesco ha riassunto la missione della Federazione delle Associazioni Familiari Cattoliche in Europa, i cui associati sono a Roma in occasione dei 25 anni dalla fondazione.

Una missione in “piena consonanza con il percorso sinodale che stiamo vivendo” ha detto il Papa, e “favorire la nascita e il consolidamento di reti di famiglie. È un servizio prezioso, perché c’è bisogno di luoghi, di incontri, di comunità in cui le coppie e le famiglie si sentano accolte, accompagnate, mai sole”. A proposito delle sfide il Papa ha sottolineato che l’invecchiamento dell’Europa porta alla necessaria solidarietà tra generazioni e “gli Stati hanno il compito di eliminare gli ostacoli alla generatività delle famiglie e di riconoscere che la famiglia costituisce un bene comune da premiare, con delle naturali conseguenze positive per tutti”.

Avere figli non mette certo in difficoltà la tutela del creato, dice il Papa, “vanno invece affrontati il consumismo e l’individualismo”.

La sfida più grave è la lotta alla pornografia: “Si tratta non soltanto di proteggere i bambini, compito urgente delle autorità e di noi tutti , ma anche di dichiarare la pornografia come una minaccia per la salute pubblica”. E in questo senso le reti di famiglie sono fondamentali. Inoltre: “la dignità dell’uomo e della donna è minacciata anche dalla pratica inumana e sempre più diffusa dell’“utero in affitto”, in cui le donne, quasi sempre povere, sono sfruttate, e i bambini sono trattati come merce”.

Povertà, guerra, pandemia, solitudine si combattono grazie alle reti di famiglie secondo Papa Francesco. E per il Papa si parla sempre di “famiglia fondata sul matrimonio” tra uomo e donna come centro e ” prima cellula delle nostre comunità e dev’essere riconosciuta come tale, nella sua funzione generativa, unica e irrinunciabile. Non perché sia un’entità ideale e perfetta, non perché sia un modello ideologico, ma perché rappresenta il luogo naturale delle prime relazioni e della generazione”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/06/2022
0912/2022
San Siro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Scalfari e Papa Francesco

Abbiamo letto con interesse le due pagine di intervista di Eugenio Scalfari a Papa Francesco, e abbiamo capito che ancora una volta il fondatore di Repubblica si è recato al colloquio con il Santo Padre sprovvisto di registratore e persino di taccuino per gli appunti, come dichiarò essere sua abitudine fare per interviste del passato. Alcune frasi del Papa risultano, in effetti, semplicemente incomprensibili: «Cristo ha parlato di una società dove i poveri, i deboli, gli esclusi, siano loro a decidere. Non i demagoghi, non i Barabba, ma il popolo».

Leggi tutto

Chiesa

Una parrocchia ad Ostia e cinque nuovi cardinali per Papa Francesco

Fine settimana intenso per il Santo Padre, impegnato in attività comprese tra il governo della Chiesa particolare di Roma e quello della Chiesa universale. Da una parte la benedizione delle famiglie in una parrocchia di Ostia, in compagnia del parroco; dall’altra l’annuncio di un nuovo concistoro

Leggi tutto

Chiesa

Cosa accade veramente nella curia di Modena

Sembra che certe testate cattoliche vogliano a tutti i costi fomentare avversioni ai Vescovi. Anche a costo di forzature.

Leggi tutto

Politica

DEF: provare a leggere i numeri

Nel 2050 l’Italia avrà perduto il 17% della popolazione. In un trentennio accadrà quanto non è accaduto nel trentennio che andò dal 1915 al 1945, quando l’Italia fu squassata da due violentissime guerre mondiali e perse meno del 10% della sua popolazione. L’emergenza demografica, che si annuncia sicurissima all’orizzonte, non è un tema di nicchia: è la questione centrale italiana oggi.

Leggi tutto

Media

Frate Emiliano Antenucci Non sparlare degli altri

Il silenzio è importante perché siamo “malati” dal rumore dei media, delle parole, del chiasso e della confusione. Il silenzio è ordine, bellezza, armonia, pace. Dal silenzio nasce tutto: la scrittura, la musica, il cinema, il teatro etc. Dal Silenzio nasce la Parola e le parole. 2)Nella società del “frastuono” anche delle opinioni è fondamentale la “sospensione del giudizio”. Il saggio è colui che sà quello che dice, non dice quello che sa. Ogni parola deve essere ponderata dal silenzio, dall’ascolto e dalla prudenza. Sparlare degli altri è lo sport più praticato al mondo, ma è un peccato di lingua che ferisce più della spada.

Leggi tutto

Media

Giulia Bovassi e la bioetica

“Bioetica è una disciplina per certi versi ancora sconosciuta nel nostro territorio nazionale. Alcuni addirittura ritengono che il suo oggetto sia evanescente o,al contrario, di nicchia e non spendibile al di fuori delle mura accademiche. A mio avviso una visione di questo genere è lacunosa e forzatamente riduttiva rispetto al suo potenziale: il carattere interdisciplinare le conferisce complessità, senza dubbio, ma anche versatilità, rendendola un potenziale spendibile su larga scala, dall’ospedale cittadino agli organi internazionali di politica e cultura”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano