Storie

di Roberto Signori

Belgio, in tre anni vandalizzate a Bruxelles 53 chiese

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Tra il 2019 e il 2022, 53 chiese sono state vandalizzate a Bruxelles. Nello stesso periodo è stata attaccata una sola moschea. Una disparità di numeri che rende evidente che, nella capitale del Paese dalla secolarizzazione galoppante, sono i cristiani il gruppo che viene più messo sotto attacco.

La questione è stata portata all’attenzione del Primo Ministro belga Rudi Vervoort da Dominiek Loottens, leader del gruppo Vlaams Belang nel Parlamento di Bruxelles.

Secondo Lootens,”queste cifre rivelano qualcosa che purtroppo si preferisce tacere, ovvero che una parte della popolazione di Bruxelles odia il nostro patrimonio culturale e spirituale, probabilmente per motivi religiosi, e mette addirittura in atto questo odio”.

La richiesta al governo è stata quella di comunicare l’entità dei danni agli edifici religiosi. Nel triennio 2019 – 2022, oltre alle 53 chiese, sono statti attaccati anche dodici cimiteri, due abbazie e un monastero.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/06/2022
1408/2022
S.Massimiliano M. Kolbe

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Parigi-Bruxelles: solo i cristiani possono far superare lo scontro di inciviltà

Gli attentati di Bruxelles, in stretta connessione con quelli di Parigi, mettono a nudo l’impotenza dell’Europa davanti ai nemici della sua cultura. Si potrebbe tuttavia aggiungere, che essi comprovano pure come l’Occidente stesso sia il primo dei suoi stessi nemici. In questo scenario solo i cristiani possono, se lo vogliono, accompagnare il processo di una vera integrazione

Leggi tutto

Storie

La Turchia in Siria ed Iraq danneggia chiese

Ankara ha lanciato l’operazione di primavera “Claw Lock” contro obiettivi curdi oltre-confine. Morto un 26enne cristiano a Khabour, i jihadisti attaccano col sostegno turco.

Leggi tutto

Politica

La scritta in piccolo

Mentre è in corso una campagna elettorale nelle parrocchie i sacerdoti e anche i fedeli più timorati ci dicono sempre che “la politica non si fa in chiesa” e me l’hanno ripetuto così tante volte che quasi mi convincevano. Io in realtà penso che se su alcuni temi non si vuole soccombere le parrocchie dovrebbero assolutamente unirsi e organizzarsi politicamente, il Popolo della Famiglia in fondo è un’avanguardia di questa idea, ma accetto la regola: fuori dalle chiese, facciamo iniziative per strada (domani a Tor sapienza), in un salone affittato (lunedì a San Giovanni), nei ristoranti (mercoledì a Ostia

Leggi tutto

Società

Belgio: le drammatiche cifre dell’eutanasia

Quasi 2.700 persone sono state soppresse in Belgio nel 2021, secondo i dati ufficiali della commissione per l’eutanasia, con un aumento del 10% rispetto all’anno precedente.

Leggi tutto

Storie

India: record di violenze contro comunità cristiane

India -  In un solo giorno, almeno 13 episodi di violenza e minacce sono stati compiuti da membri di gruppi radicali induisti a danno di comunità cristiane negli stati di Uttarakhand, Haryana, Uttar Pradesh, Chhattisgarh e Madhya Pradesh e a Nuova Delhi, capitale del paese.

Leggi tutto

Storie

Novara: a scuola crocifissi distrutti e scritte blasfeme sui muri

Scuola vandalizzata a Novara, raid di una baby gang: crocifissi distrutti e scritte blasfeme sui muri

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano