Chiesa

di Nathan Algren

America Latina - Religiosi preoccupati “per il deterioramento della democrazia”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La Confederazione dei Religiosi dell’America Latina e dei Caraibi (CLAR) vede “con profonda preoccupazione il deterioramento della democrazia, il tessuto sociale e la crescente instabilità politica di molti dei nostri Paesi fratelli, dove le libertà fondamentali sono compromesse”. Il messaggio ricorda la recente XXI Assemblea Generale Ordinaria della CLAR, che ha riunito 22 Conferenze Nazionali dall’1 al 4 giugno, in Colombia. L’Assemblea è stata occasione di scrutare ancora una volta i segni dei tempi e di aprirsi alla voce dello Spirito.

I Religiosi lanciano un appello veemente ai leader politici, sociali ed economici, perché diano priorità alle risposte da dare alle crepe lasciate dalla pandemia di Covid 19 nel sistema sanitario, educativo e sociale. “È inaccettabile – proseguono - che la minaccia alla democrazia, i cambiamenti climatici e la mancanza di un accesso equo alle opportunità economiche, sociali e politiche, continuino a colpire in modo sproporzionato e grave la vita delle persone più vulnerabili e sistematicamente escluse in ciascuno dei nostri paesi”.

Nel messaggio ribadiscono la loro solidarietà ai poveri e alla terra, e manifestano vicinanza e affetto alle sorelle e ai fratelli religiosi, specialmente a Cuba, Haiti, in Nicaragua e in Venezuela, in questi momenti di estrema difficoltà e insicurezza. “La situazione delle loro comunità di fede e di vita, e soprattutto quella delle persone e delle comunità che accompagnano, ci interpella e ci invita a prenderci cura gli uni degli altri, con la certezza che portiamo un tesoro in vasi di argilla e in una condizione di fragilità”.
Infine chiedono alla vita religiosa di essere solidale con gli emarginati della storia e con la terra, dimostrando coraggio, serenità interiore e piena fiducia nell’azione di Dio. “Come vita religiosa vegliamo, vigiliamo e sosteniamo i più vulnerabili con la preghiera, la comunicazione e l’incidenza politica e sociale. La testimonianza impegnata e perseverante ci rafforza, e questa forza ci ispira solidarietà e speranza”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/06/2022
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

E’ PERICOLOSO SPORGERSI, L’EPOPEA DI UN RENITENTE (1)

Infuriava un’inutile carneficina fatta di filo spinato, trincee, fango e immani sofferenze umane mentre un uomo solo bivaccava nascosto sotto anfratti di sassi e rocce in una valle il cui nome è già tutto un programma di bellezza, val d’inferno. E’ una storia vera che mi ha sempre colpito interiormente e che oggi voglio rendere pubblica in questa prima parte.

Leggi tutto

Politica

Lavoro e governo

Nella crisi israele-palestinese temo si stia sviluppando un andamento preoccupante. ho cercato di esprimerlo con un linguaggio più politicamente corretto per non urtare le suscettiibilità mediatiche ma una riflessione sugli eventuali sviluppi tocca farla!

Leggi tutto

Storie

INDIA - In cammino per praticare “l’arte dell’ascolto”

Ricerca dell’unità nella variegata e vasta comunità cattolica indiana; unità e piena comunione con la Chiesa universale, come sperimentato nell’esperienza sinodale appena conclusa

Leggi tutto

Storie

I muri ‘gridano’ ai cristiani

I muri ‘gridano’ ai cristiani: rispondere a tono? Accogliere tutti? Scindersi? Non passare oltre: che avrebbe fatto Gesù?

Leggi tutto

Società

La questione cruciale identitaria

La questione cruciale del nostro tempo è la definizione dell’identità. Non so perché, ma è diventato difficilissimo rispondere. E questo è un guaio.

Leggi tutto

Società

Veneto: 12mila brasiliani chiedono la cittadinanza italiana

Comuni del Veneto presi d’assalto da istanze presentate da brasiliani che chiedono di ricevere la cittadinanza italiana. Un fenomeno che va avanti da un po’ di tempo e che preoccupa, perché gli uffici amministrativi sono letteralmente intasati. Si parla, infatti, di 12mila ricorsi in un anno, per una media di circa mille domande al mese. La maggior parte delle istanze, come abbiamo detto, arriva da parte di brasiliani, ma a presentare richiesta sono anche cittadini argentini e venezuelani. Per il presidente della Corte d’appello Carlo Citterio non è un fenomeno da ignorare, perché in futuro si potrebbero alterare i quorum elettorali.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano