Politica

di Giuseppe Udinov

L’Unione Europea contro l’omofobica Georgia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Parlamento europeo ha rimandato la pratica dell’ingresso della Georgia nell’Unione europea, segnalando le “violazioni della libertà di stampa e i pericoli per la sicurezza dei giornalisti” nel Paese caucasico. Viene anche chiesta la liberazione del direttore della Tv Mtavari Nika Gvaramia, e di concedere all’ex presidente Mikhail Saakašvili di farsi curare all’estero. Il partito di maggioranza del Sogno Georgiano ritiene che tale pronunciamento “non abbia alcun valore”, mentre le opposizioni parlano di “fiasco diplomatico e politico” del governo di Tbilisi.

Gli europarlamentari hanno inoltre raccomandato di spiccare sanzioni personali contro l’oligarca filo-russo Bidziny Ivanišvili, fondatore del Sogno Georgiano. “Queste dichiarazioni non valgono un soldo”, ha detto il presidente del partito di governo Iraklij Kobakhidze (v. foto), che ha cercato di convincere i giornalisti che i deputati di Strasburgo sono vittime di “fake news” diffuse dalle opposizioni del Movimento Nazionale e di tutti i Paesi ostili alla Georgia, per bloccare la candidatura di Tbilisi alla Ue, proprio mentre si accelera per l’ingresso dell’Ucraina nell’Unione. Le contraddizioni della guerra russa, e le incertezze della posizione georgiana tra Mosca e Kiev, sembrano giocare un ruolo fondamentale nella questione.

Secondo Kobakhidze, le opposizioni europee vogliono punire il governo e il Sogno Georgiano perché difendono gli interessi del proprio popolo e non hanno applicato le sanzioni doppie (dirette e indirette) contro la Russia per l’invasione dell’Ucraina, decisione che permette oggi alla Georgia di registrare un +10% di crescita economica, mentre la maggior parte dei Paesi del mondo vive uno stato di crisi. L’apertura su entrambi i fronti sta favorendo l’economia georgiana, soprattutto grazie alla forte immigrazione e l’orientamento dei russi verso Tbilisi, il Paese più accessibile da Mosca.

Il leader del partito di maggioranza ritiene poi inopportuna la presa di posizione in favore di Gvaramia e Saakašvili, e l’ostilità nei confronti di Ivanišvili. Egli ricorda che nel 2007, sotto la presidenza di Saakašvili, proprio Gvaramia giustificò la devastazione degli studi di Tv-Imedi, un’emittente contraria all’allora sistema di potere, e quindi i due favoriti di Strasburgo sono in realtà dei “nemici della democrazia georgiana”. Invece l’accusato Ivanišvili, “che oggi è completamente estraneo alla politica, ma che nel 2012 ha restituito la democrazia e il pluralismo alla Georgia” sembra essere diventato oggi l’ostacolo principale all’integrazione europea, ma “questo non ha nulla a che vedere con i valori dell’Europa”.

Una delle accuse dei parlamentari europei sono gli assalti omofobici e le conseguenti azioni contro i giornalisti degli scorsi anni, ma Kobakhidze ricorda che “l’anno scorso per questi fatti sono stati istituiti 12 processi penali, e condannate 30 persone”. Il leader del Sogno Georgiano nega che Ivanišvili abbia ancora interessi economici in Russia, e che continui a guidare il Paese da dietro le quinte. Egli ammonisce sul fatto che se verrà concesso lo status di candidato all’Ucraina e alla Moldavia, ma non alla Georgia, ci saranno conseguenze preoccupanti, tenendo conto che Tbilisi è in realtà molto più avanti di Kiev e Chişinău su tutti i criteri richiesti dalla Ue.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/06/2022
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Kenya, Etiopia e Somalia allarme cibo

Aumento del prezzo dei prodotti alimentari, siccità, conflitti armati e conseguenze della pandemia di Covid-19 stanno trascinando alcuni Paesi più poveri dell’Africa orientale nella carestia.

Leggi tutto

Storie

Il soffocare della vita

Quali sono le cause profonde dello svuotamento e del crollo generale che sempre più la società sta sperimentando?

Leggi tutto

Storie

Platinette: L’Italia non è un paese omofobo

Sul ddl Zan, Mauro Coruzzi ha spiegato che a suscitare qualche dubbio è il fatto che “ci voglia una legge che punisca la discriminazione, ma quella l’avevo trovata malfatta e discriminatoria”. A differenza di quanto molti si aspettano che Mauro Coruzzi dica, l’opinionista va controcorrente: per lui l’Italia non è un Paese omofobo e “non lo è mai stato. Paolo Poli ha fatto la carriera che meritava, e tutti sapevano che era omosessuale”. E Coruzzi non accetta quando gli viene fatto notare che i ragazzini vengono aggrediti se si baciano per la strada, perché in Italia ci sono anche “le donne che vengono ammazzate”. Infatti, Coruzzi spiega: “I femminicidi aumentano, ci sono numeri orribili e la questione è scomparsa dalle agende della campagna elettorale. Io, come omosessuale, voglio combattere la violenza contro le donne”

Leggi tutto

Politica

Mascherine obbligatorie fino al 30 settembre: multe record

Fino al 30 settembre le mascherine Ffp2 sono ancora obbligatorie sui mezzi pubblici.

Leggi tutto

Politica

GLI OBIETTIVI POLITICI DEL POPOLO DELLA FAMIGLIA

Chi vota Popolo della Famiglia il 26 maggio, in una tornata elettorale caratterizzata dalla legge elettorale proporzionale pura con cui si vota alle Europee, vuole rafforzare la capacità di un soggetto politico autonomo cristianamente ispirato di essere determinante. La rappresentanza di quanti in Italia si oppongono alla deriva nichilista del “partito radicale di massa” non può essere appaltata ad altri

Leggi tutto

Storie

Marcia indietro dell’UE sul Natale

Natale - Dopo le polemiche sarà riscritto il documento della Commissione Europea che invita a non usare parole e nomi che non garantirebbero “il diritto di ogni persona ad essere trattata i maniera uguale”.  Abbandonata la strada che avrebbe portato all’ennesima follia. Una vera e propria follia che ha suscitato lo sdegno di migliaia di cittadini in tutta Europa

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano