Società

di Nathan Algren

Ridurre il dolore cronico modificando le abitudini alimentari

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

È stato pubblicato sulla rivista “Pain and Therapy” un nuovo articolo sulle ricerche del gruppo coordinato dalla professoressa Anna Maria Aloisi, ordinaria di Fisiologia dell’Università di Siena, con il quale viene rilevato come sia possibile ridurre in maniera significativa i livelli di dolore cronico, modificando le abitudini alimentari.

Lo studio si basa sull’evidenza della correlazione fra il dolore cronico e le funzioni gastrointestinali, e di come alcuni alimenti influenzino l’infiammazione e il dolore attraverso la loro azione sul sistema immunitario o neurale gastrointestinale, mentre molti analgesici invece interagiscono con l’intestino per alterarne la struttura e la funzione.
Alti livelli di un particolare tipo di anticorpi, le IgG4, sono a stati associati con lo stato infiammatorio. Le IgG4 sono anticorpi specifici per alimenti derivanti dall’esposizione del sistema immunitario intestinale ai nutrienti.
Questi specifici tipi di anticorpi sono stati individuati in uomini e donne affetti da dolore cronico. Ai soggetti partecipanti alla ricerca è stato chiesto di escludere per quattro settimane tutti gli alimenti che provocavano alti livelli ematici di anticorpi IgG4. I questionari sul dolore e sulla qualità della vita sono stati somministrati prima e dopo il periodo di dieta, che per ciascun paziente è stata personalizzata escludendo gli alimenti che provocavano l’infiammazione.
In tutti i gruppi la dieta di esclusione di quattro settimane ha comportato una significativa riduzione del dolore e un miglioramento dei parametri della qualità della vita.
In particolare, alla seconda visita, il punteggio VAS, che indica l’intensità del dolore, è diminuito di oltre il 50 per cento.
Da molte parti si parla di diete capaci di aiutare questa o quella patologia, raramente le affermazioni sono basate su rigorosi studi scientifici. Con questo studio – evidenzia l’ateneo – è stato indagato come una dieta, dalla quale si è provveduto a eliminare gli alimenti che influivano sui livelli degli anticorpi responsabili dell’infiammazione, possa essere efficace nel ridurre il dolore e migliorare la qualità della vita nei pazienti con dolore cronico.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/06/2022
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Vaccini? Ecco il robot che ti fa la “punturina”

Una startup canadese, infatti, ha realizzato un robot capace di effettuare iniezioni di farmaci o vaccini senza l’utilizzo di aghi e in completa autonomia.

Leggi tutto

Società

Dottrina sociale: riflessione sull’evoluzione dei sistemi sanitari

Nel Dizionario della Dottrina sociale della Chiesa, Gilberto Turati offre una riflessione sull’evoluzione dei sistemi sanitari sottolineandone le disparità

Leggi tutto

Storie

La storia di Francesca testimone del bello e del bene del mondo

Oggi, sono un’insegnante da 26 anni e mai neanche un giorno ho pensato che avrei potuto scegliere un’altra strada. Perché insegnare è la mia vita, non è il mio lavoro. Lo dico a tutte le persone che, in assenza d’altro o come ripiego, cercano di entrare nel mondo della scuola, magari attratti scioccamente dalle vacanze estive. Insegnare non è un lavoro, è una vocazione, è una missione. Lo devi desiderare fin dal profondo delle tue viscere. Devi sentire che ti scorre nel sangue. Devi imparare ad attingere forza ed energie da un sorriso, da un abbraccio o da un disegno di te che occupa tutto il foglio per dirti quanto sei importante. Da un 《ti voglio bene maestra… 》. Devi imparare a ricaricarti nelle piccole cose perché per il resto del tempo è un darti, darti, darti e ancora darti. E allora quei mesi di vacanza sono come la prescrizione medica dei giorni che necessiti per ritornare a darti.

Leggi tutto

Storie

Elio e le Storie Tese cantano l’aderenza terapeutica

Sono ancora 4 milioni le persone che ogni anno in Europa perdono la vita a causa delle malattie cardiovascolari, nonostante negli ultimi due decenni si stia assistendo a un progressivo calo della mortalità.

Leggi tutto

Chiesa

Colombia - Vescovi: no all’aborto

“Perplessità e profondo dolore” sono stati espressi dalla Conferenza Episcopale della Colombia dopo la pubblicazione della nota della Corte Costituzionale secondo la quale “la condotta dell’aborto sarà punibile solo quando sarà eseguita dopo la ventiquattresima (24) settimana di gestazione e, in ogni caso, questo termine non sarà applicabile ai tre casi di cui alla sentenza C-355 del 2006”.

Leggi tutto

Società

Yemen è allarme carestia

Yemen, World Food Programme: milioni di persone a rischio carestia per mancanza di fondi

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano