Storie

di Roberto Signori

NIGERIA -  I veri motivi della strage nella chiesa di Owo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Suggerire o fare una connessione tra le vittime del terrore e le conseguenze del cambiamento climatico non solo è fuorviante ma significa gettare sale sulle ferite delle vittime del terrorismo in Nigeria” afferma Sua Ecc. Mons. Jude Ayodeji Arogundade, Vescovo di Ondo, la diocesi alla quale appartiene la chiesa di San Francesco Saverio di Owo, dove, nei giorni scorsi, è stata commessa una strage di fedeli

Mons. Arogundade risponde al Presidente della Repubblica di Irlanda, Michael D Higgins, che nel suo messaggio di condoglianze per il massacro, aveva messo in guardia da “ogni tentativo di fare dei pastori (Fulani) un capro espiatorio, perché questi sono tra le prime vittime delle conseguenze del cambiamento climatico”. Alle bande di pastori Fulani, alla ricerca di pascoli e acqua per i loro greggi, sono attribuiti diversi assalti in Nigeria, soprattutto contro comunità di agricoltori stanziali. In un primo momento anche il massacro nella chiesa di Owo è stato attribuito a un commando di Fulani ma le autorità ora accusano l’affiliazione in Nigeria dello Stato Islamico, Islamic State West Africa Province (ISWAP, nato da una scissione di Boko Haram) di essere responsabile della strage della domenica di Pentecoste.

Nella sua dichiarazione, Mons. Arogundade ha descritto come “scorretto e inverosimile” attribuire al cambiamento climatico un ruolo nel massacro di Owo e che “alludere a qualche forma di politica del cambiamento climatico nella nostra situazione è del tutto inappropriato”.
In tutta la Nigeria c’è “una forte paura in ogni parte del Paese, e una situazione del genere non ha nulla a che fare con l’ideologia”, prosegue il Vescovo di Ondo che rivolge un appello a “coloro che cercano di approfittare di questo evento orribile per far avanzare qualsiasi forma di agenda ideologica, di desistere da tale opportunismo”

Ricordando il legame storico tra la Repubblica d’Irlanda e la diocesi di Ondo, Mons. Arogundade considera importanti i commenti del Presidente dell’Irlanda. “I primi due Vescovi della diocesi di Ondo erano irlandesi, l’edificio della chiesa in cui è avvenuto l’attacco è stato costruito da missionari irlandesi” e alcune delle persone uccise avevano ricevuto i sacramenti da “venerati missionari irlandesi. Uomini e donne irlandesi hanno posto le basi della fede per noi in questa parte del mondo” dice il Vescovo.
“I commenti che associano banditismo, rapimenti e attacchi raccapriccianti a cittadini innocenti con questioni riguardanti il cambiamento climatico sono deviazioni dalla verità” conclude il Vescovo attribuendo alla politica il degrado delle condizioni di sicurezza nel Paese.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/06/2022
0702/2023
San Riccardo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Le ragioni del voto di Domenica

PERCHE’ UN “RENZIANO DELLA PRIMA ORA” DEVE VOTARE NO

Leggi tutto

Politica

Confutando Spadaro e Figueroa

Il gesuita siciliano che si accredita come frontman dei consiglieri di Papa Francesco (e che con questi crediti intasca colonne di editoriale sui giornaloni) si è lasciato andare, insieme col direttore dell’edizione argentina de L’Osservatore Romano, a un’analisi sociopolitica dell’attuale quadro Usa. Stupisce l’approssimazione del testo, evasivo sui dati e apodittico sui teoremi: si può fare meglio

Leggi tutto

Politica

Lo stato non ci pensa e lo farà la Chiesa

La diocesi di Brescia finanzia bandi diocesani per borse di studio in favore di famiglie a basso reddito che optano con i loro figli per le paritarie. Giusto ma, alla lunga, pericoloso… Il Rapporto 2017 sulla
scuola cattolica, infatti, certifica la deresponsabilizzazione dello Stato nei confronti dell’esercizio di un diritto-dovere dei genitori costituzionalmente (e internazionalmente) sancito

Leggi tutto

Società

Utero in affitto? No grazie!

Il bambino, che durante la propria gestazione viene cullato dal ventre materno e che impara a riconoscere i rumori che lo circondano (la voce della mamma sicuramente, ma anche la voce del papà e dei fratelli), i sapori che lo nutriranno (e che vengono filtrati grazie al liquido amniotico che ingerisce) e le emozioni che vive chi lo sta ospitando (il ruolo dei neurormoni è ritenuto fondamentale per lo sviluppo fetale), si lega moltissimo alla madre. Grazie agli studi che sono stati compiuti e che oramai danno per scontato tutto un mondo fatto di relazione tra madre e nascituro, è stata messa a punto tutta una serie di accorgimenti clinici che si basano sul “dialogo” e sulle interazioni fisiche che sono vitali per il nascituro.

Leggi tutto

Società

Giuseppe Noia ginecologo contro l’aborto

Giuseppe Noia nasce a Terranova da Sibari il 14 Gennaio 1951.
Nel 1975 si laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
Nel 1980 consegue la specializzazione in Ginecologia e Ostetricia e nel 1988 quella in Urologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
E’ docente di Medicina dell’Età Prenatale presso la facoltà di Medicina e Chirurgia, Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia, Scuola di Specializzazione in Genetica e diploma di laurea di Ostetricia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. E’ docente dei corsi di Perfezionamento e dei Master in Bioetica presso il Pontificio Consiglio per gli studi sulla famiglia Istituto Giovanni Paolo II.
E’ Presidente dell’Associazione Italiana Ginecologi Ostetrici Cattolici (AIGOC).

Leggi tutto

Storie

Sangue italiano sparso sulle strade del Congo

Attanasio, 44 anni da compiere a maggio, era a Kinshasa dal 2017. Quattro mesi fa aveva vinto il Premio Nassiriya per la pace “per aver contribuito alla realizzazione di progetti umanitari distinguendosi per l’altruismo a sostegno delle persone in difficoltà.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano