Politica

di Mirko De Carli

La Coalizione civica popolare di Riolo Terme

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il risultato conquistato sul campo a Riolo Terme è nato per prima di ieri ed è nato in una giornata di aprile del 2021. Mentre continua l’impegno come consigliere comunale, in tempi difficili e complessi come quelli della pandemia, iniziammo a immaginare un percorso nuovo di rappresentanza politica che unisse i valori del Popolo della Famiglia a un “civismo” fortemente ancorato alle tradizioni romagnole e capace di offrire risposte pragmatiche e non demagogiche sulle grandi questioni che riguardano la nostra terra di Romagna.

Mettere in campo la prima alleanza tra Lista per Ravenna e Popolo della Famiglia, dando vita a quella che abbiamo chiamato “Coalizione civico popolare”, ha posto le basi per mettere insieme queste due sensibilità che sono alla base di un reale sentimento popolare di molti cittadini che da tempo, troppo tempo, attendono un’alternativa di reale buon governo alla sinistra.

Azzeramento del tasso ideologico, programmi elettorali densi di “cose da fare” capaci di essere un sentiero guida praticabile anche dai banchi dell’opposizione e costituzione di comunità politiche locali fortemente salde sui valori della famiglia e dell’impresa familiare (ossatura di questo nostro bellissimo territorio): questi ingredienti hanno permesso di raggiungere il 5,02% a Ravenna (nelle amministrative 2021) e di eleggere Alvaro Ancisi, insieme a tanti consiglieri circoscrizionali, al Comune di Ravenna e un anno dopo, crescendo di consensi ed arrivando al 5,72%, riconfermare il sottoscritto al Comune di Riolo Terme.

Prima da Ravenna e ora anche da Riolo Terme mette sempre più radici in Romagna il tentativo di consegnare ai cittadini romagnoli un’offerta politica civica, ma fortemente ancorata ala centralità della famiglia di cui è da sempre imbevuta la nostra terra, che potrà rappresentare nelle prossime tornare elettorale una risposta attesa per tanti altri comuni romagnoli dove l’alternativa di buon governo alle sinistra latita o si confonde con liste civiche improvvisate e figlie di partiti nazionali che continuano a essere schiavi della paura di presentarsi “mettendoci” veramente la faccia.

Noi la faccia, il cuore e l’anima ce li abbiamo messi senza risparmiarci in alcun modo e lo continueremo a fare dai banchi dell’opposizione, in sempre più comuni, con un solo obiettivo: costruire, dal basso e con la tenacia romagnola che ci contraddistingue, la casa politica di coloro che non riconoscono nei “non valori” di una sinistra preoccupata solamente alla gestione del potere e non alla reale rappresentanza delle collettività comunali.

Buon lavoro e buona estate a tutti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/06/2022
0708/2022
San Gaetano da Thiene

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Marco Tarquinio parliamone….

Caro Marco, ci conosciamo da un quarto di secolo e i miei primi anni di vita professionale li ho condotti apprezzando le tue doti di collega accorto e ligio, aiutando credo in maniera decisiva la tua scalata alla direzione di Avvenire. Mi permetterò dunque la franchezza per una volta spoglia dalle ipocrisie del cattolichese, a cui il tuo giornale quotidianamente ci abitua. Il riferimento è alla lettera di Valeria Fedeli e alla tua risposta pubblicate il 20 dicembre 2016 sotto il titolo “Fedeli: il mio impegno per educare alla parità tra uomo e donna”. Il Popolo della Famiglia, movimento che presiedo, non chiama la signora ministro o ministra o che dir si voglia, è indegnamente seduta a viale Trastevere avendo mentito sui suoi titoli di studio, millantato una laurea mai posseduta, addirittura non ha mai sostenuto neanche l’esame di maturità. Abbiamo dimostrato questi fatti con evidenza, colei che noi chiamiamo “pinocchia” li ha candidamente ammessi, con arroganza non ha presentato le dimissioni che sarebbero state considerate naturali e ovvie in qualsiasi paese del mondo. Anzi, cerca legittimazione venendo a scrivere una lettera densa di bugie proprio al direttore di Avvenire, che non ritiene di menzionare l’incidente del titolo di studio inventato (per non dover menzionare il Popolo della Famiglia), mentre nello scritto della signora riscontra “lineare chiarezza

Leggi tutto

Media

Franco Di Mare offende i cattolici polacchi a spese pubbliche

Tra i tanti denigratori degli innumerevoli polacchi che hanno voluto pacificamente circondare la loro nazione con la loro preghiera abbiamo dovuto
annoverare anche il popolare conduttore di UnoMattina, che si è prodotto in lunghissimi minuti di propaganda di regime laicista e radical chic

Leggi tutto

Politica

Sette buone ragioni per andare a firmare la proposta del PdF

Il conservatore guarda indietro per andare avanti» (Prezzolini). Ecco perché tornare alla famiglia

Leggi tutto

Politica

La terza via sulla quale deve puntare il popolarismo sturziano dopo le Europee

Impossibile pensare di indulgere – come fanno i movimenti populisti – sull’opzione di vellicare “la pancia del Paese” (cioè le sue voglie e le sue paure)

Leggi tutto

Chiesa

Il crocifisso a scuola si può esporre regolarmente

La Cassazione ei è pronunciata nell’ambito del ricorso presentato da un docente che era stato sanzionato in via disciplinare perché invocando la libertà di insegnamento e di coscienza in materia religiosa si era opposto alla circolare di un dirigente scolastico di Terni che ordinava di esporre il crocifisso in aula.

Leggi tutto

Politica

Marko Rus e la ricetta del Popolo della Famiglia: “Più figli, meno tasse”

Alcune riflessioni sul primo dei cinque punti prioritari del programma della lista guidata da Valter Boero in vista delle amministrative del 3 e 4 ottobre 2021

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano