Politica

di Mirko De Carli

La Coalizione civica popolare di Riolo Terme

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il risultato conquistato sul campo a Riolo Terme è nato per prima di ieri ed è nato in una giornata di aprile del 2021. Mentre continua l’impegno come consigliere comunale, in tempi difficili e complessi come quelli della pandemia, iniziammo a immaginare un percorso nuovo di rappresentanza politica che unisse i valori del Popolo della Famiglia a un “civismo” fortemente ancorato alle tradizioni romagnole e capace di offrire risposte pragmatiche e non demagogiche sulle grandi questioni che riguardano la nostra terra di Romagna.

Mettere in campo la prima alleanza tra Lista per Ravenna e Popolo della Famiglia, dando vita a quella che abbiamo chiamato “Coalizione civico popolare”, ha posto le basi per mettere insieme queste due sensibilità che sono alla base di un reale sentimento popolare di molti cittadini che da tempo, troppo tempo, attendono un’alternativa di reale buon governo alla sinistra.

Azzeramento del tasso ideologico, programmi elettorali densi di “cose da fare” capaci di essere un sentiero guida praticabile anche dai banchi dell’opposizione e costituzione di comunità politiche locali fortemente salde sui valori della famiglia e dell’impresa familiare (ossatura di questo nostro bellissimo territorio): questi ingredienti hanno permesso di raggiungere il 5,02% a Ravenna (nelle amministrative 2021) e di eleggere Alvaro Ancisi, insieme a tanti consiglieri circoscrizionali, al Comune di Ravenna e un anno dopo, crescendo di consensi ed arrivando al 5,72%, riconfermare il sottoscritto al Comune di Riolo Terme.

Prima da Ravenna e ora anche da Riolo Terme mette sempre più radici in Romagna il tentativo di consegnare ai cittadini romagnoli un’offerta politica civica, ma fortemente ancorata ala centralità della famiglia di cui è da sempre imbevuta la nostra terra, che potrà rappresentare nelle prossime tornare elettorale una risposta attesa per tanti altri comuni romagnoli dove l’alternativa di buon governo alle sinistra latita o si confonde con liste civiche improvvisate e figlie di partiti nazionali che continuano a essere schiavi della paura di presentarsi “mettendoci” veramente la faccia.

Noi la faccia, il cuore e l’anima ce li abbiamo messi senza risparmiarci in alcun modo e lo continueremo a fare dai banchi dell’opposizione, in sempre più comuni, con un solo obiettivo: costruire, dal basso e con la tenacia romagnola che ci contraddistingue, la casa politica di coloro che non riconoscono nei “non valori” di una sinistra preoccupata solamente alla gestione del potere e non alla reale rappresentanza delle collettività comunali.

Buon lavoro e buona estate a tutti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/06/2022
0912/2022
San Siro vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il nuovo governo Gentiloni

Ecce governo

Leggi tutto

Politica

Per un recupero radicale della nostra identità

I temi che il libro affronta sono tanti, e tutti rilevanti per chi ha ancora a cuore le sorti del mondo: aborto, eutanasia, ideologia gender, legalizzazione delle droghe leggere (ma anche pesanti), pedofilia, prostituzione e altro ancora. L’ultimo libro del direttore di questo giornale ha sorpreso gli osservatori

Leggi tutto

Chiesa

Un disperato bisogno di padri

La figura paterna è un pilastro educativo che va sempre accompagnato al suo naturale complemento – quella materna. Dalla rivoluzione industriale in qua si è verificata una inedita scollatura tra le due – da allora le madri hanno esortato i figli a essere “meglio” e “più” dei padri – nella quale le mogli “castravano” (simbolicamente) i mariti e questi si vendicavano nell’apatia e/o nella violenza. Ecco un equilibrio che deve essere ristabilito quanto prima

Leggi tutto

Storie

NEL NOME DI MINO

La summa del pensiero martinazzoliano è il discorso del febbraio 1989 a quello che nessuno avrebbe mai immaginato essere l’ultimo congresso della Democrazia Cristiana. Prendetevi mezz’ora di tempo e ascoltatelo tutto: è il discorso di uno sconfitto, parla da capo dell’area Zac (ex morotei) che ha appena perso la segreteria nazionale del partito, ceduta proprio a quel congresso da De Mita a Forlani. Eppure il catino del Palaeur acclama il suo nome, non lo fa cominciare a parlare, lui che è febbricitante e non ha davanti neanche un appunto. Seguiranno trenta minuti di analisi politica affilata come una lama, interamente a braccio e molto complessi, ma di una chiarezza che non ho mai più ascoltato. Sì perché c’ero, da giovanissimo dirigente del Mgdc, al Palaeur quel giorno. E capii la lezione fondamentale. Profetica allora, verissima oggi.

Leggi tutto

Società

PAKISTAN - Il governo riconosce i servizi delle scuole cattoliche

Rafiah Mallah, vicedirettore del ministero per l’ufficio che sovrintende delle scuole private nel Sindh, ha dichiarato: “Rendiamo omaggio alle scuole missionarie per aver impartito un’istruzione di eccellenza, contribuendo al futuro della nostra nazione con la massima sincerità e dedizione e per aver fornito pari opportunità opportunità di apprendimento per bambini di diversa estrazione etnica e religiosa con grande amore e cura”.

Leggi tutto

Politica

Modena: Il Popolo della Famiglia chiede più sicurezza

Il sindaco risponde a interrogazione di FdI-Il Popolo della Famiglia sottolineando impegno per videosorveglianza e Polizia locale e la collaborazione con Questura e Prefettura

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano