Società

di Giuseppe Udinov

La metà delle famiglie usa i risparmi per arrivare alla fine del mese

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Tra pandemia e guerra russo-ucraina, il numero delle famiglie povere in Italia è salito a oltre due milioni. Secondo l’Eurispes, il 45,3% delle famiglie sono costrette a usare i risparmi per arrivare a fine mese. E il 34,4% affronta con fatica il pagamento delle utenze di gas, luce. “Dati drammatici. Si tratta, purtroppo, di un film che abbiamo già visto durante la precedente crisi iniziata nel 2007. Con le famiglie che non ce la fanno più ad arrivare a fine mese. Che non riescono a pagare le bollette di luce e gas. Costrette a ridurre i consumi. E a indebitarsi per fronteggiare le spese obbligate“, afferma Massimiliano Dona. Aggiunge il presidente dell’Unione Nazionale Consumatori: “Se non si interviene subito si arriverà a una recessione come in passato. Il bonus di 200 euro deciso dal governo per affrontare il caro vita va nella giusta direzione. Ma è solo una goccia nel mare. Un aiutino che non basta nemmeno a far fronte ai rincari della spesa alimentare. Una coppia con 2 figli spende 479 euro solo per questa voce. 431 per una coppia con un figlio. In media 357 euro in più. Figurarsi per chi non ce la fa a pagare le bollette. O la rata del mutuo”.

A confermare l’allarme è Confcommercio: “Caro energia peggio della pandemia. Terziario a rischio“. Anche se il Pil quest’anno crescerà più del previsto, i consumi arrancano. E mettono in pericolo la ripresa del settore terziario. Misure urgenti per limitare la carenza di gas e petrolio causata da pandemia e guerra. Aiuti alle imprese per l’approvvigionamento energetico e bonus sociali per le famiglie contro il caro-bollette. Sono i tre fronti principali su cui agisce il decreto per arginare la crisi economica. Il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli mette in guardia da una crisi più dura di quella sanitaria. Sono molto rilevanti i danni della pandemia ai servizi e al commercio. Ad essi si sommano gli insopportabili costi energetici. E nel messaggio all’organizzazione dei commercianti, Sergio Mattarella sottolinea lo stesso pericolo. L’aggressione russa all’ Ucraina, secondo il Capo dello Stato, “sta generando un nuovo momento di arresto e involuzione”. Dopo i segnali di ripresa in tutti i settori. Un quadro allarmante, quindi. Con la rottura degli equilibri. E “l’interruzione delle normali catene di valore”. Ne derivano “forti tensioni”. Destinate a provocare “aumenti dei costi“. A partire dall’energia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/06/2022
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Preoccupazioni prive di azioni

Le conclusioni dell’assemblea generale della Cei indicano una serie di problemi, osservano l’avanzata di un’offensiva legislativa contro la famiglia, ma non offrono risposte operative

Leggi tutto

Storie

I figli sono figli

Lui si arrabbia quando sente castronerie e luoghi comuni sulle adozioni. Ne ha passate troppe per starsene quieto, e poi e toscano. Lei è toscana quanto lui, e tra figli naturali e adottivi ne ha passate almeno altrettante, ma spesso
lo calma e lo riporta a miti consigli. Insieme offrono una bella testimonianza – informata, formativa e performante – sulla sfida di avere bimbi oggi

Leggi tutto

Politica

Dieci faq per i militanti del Popolo della Famiglia

Ora che le liste sono state consegnate e accolte in tutti i 97 collegi del Paese, comincia la parte più faticosa in vista del 4 marzo: la vera e propria campagna elettorale, con i dibattiti televisivi in par condicio e le discussioni in ogni angolo della nazione, fin dal fruttivendolo e dal barbiere. Per essere incisivo un piccolo movimento politico deve anzitutto uscire dall’anonimato in cui perlopiù vaga il suo simbolo. Oltre a questo, c’è tutta una ridda di questioni più o meno ricorsive che per comodità vengono qui compendiate in un decalogo. Evitare di dissipare tempo ed energie è il motto.

Leggi tutto

Società

Yann Moix: “non potrei mai amare una cinquantenne”

Yann Moix: “Potrebbe mai amare una donna di 50 anni?“, “Ah no, non esageriamo, è impossibile“. “Ma si rende conto che è orribile?”, domanda allora la giornalista. E lui risponde: “Dico la verità, a 50 anni non potrei mai amare una donna di 50”. “Ma perché?”, continua l’intervistatrice. “Le trovo troppo vecchie, forse quando avrò 60 anni ne sarò capace, allora una donna di 50 mi sembrerà giovane”. A dire queste frasi in un’intervista a Marie Claire è lo scrittore francese Yann Moix, che di anni ne ha proprio 50 e non è certo Brad Pitt. Non contento, poi ha rincarato la dose:  “Le 50enni per me sono invisibili, preferisco i corpi della donne giovani, tutto qua. Punto. Il corpo di una donna di 25 anni è straordinario, quello di una donna di 50 anni non lo è affatto”.

Leggi tutto

Politica

Fondo per gli indigenti, scontro al vertice comunitario

Il Presidente Sassoli si è schierato apertamente contro i tagli, dichiarando guerra al Consiglio ma l’Europa evidenzia, ancora una volta, il “poco” interesse per chi si trova in difficoltà!

Leggi tutto

Società

Una famiglia-Chiesa

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano