Storie

di Roberto Signori

Pakistan - Falso caso di blasfemia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

In Pakistan un cristiano adulto, Rehmat Masih, si trova da cinque mesi in carcere in un nuovo caso inventato di blasfemia. L’accusa è di aver profanato e dissacrato le pagine del Corano, ma in realtà avrebbe semplicemente rifiutato l’offerta di cambiare religione. La polizia ha anche minacciato la famiglia intimandole di non perseguire legalmente il caso. Per questo ha dovuto trasferirsi in un luogo più sicuro.

Rehmat (44 anni), padre di due figli adolescenti, ha lavorato per 20 anni come addetto alle pulizie presso la casa editrice Zam Zam, che si occupa della stampa e della rilegatura del testo sacro musulmano. I proprietari e i dipendenti gli avevano proposto di convertirsi all’Islam, ma lui si era ripetutamente rifiutato di cambiare religione.

Il 28 dicembre scorso, Rehmat si è recato presso la Zam Zam Publishers per il consueto lavoro; qui gli hanno chiesto informazioni sulla deturpazione di alcune pagine del Corano trovate nello scarico fognario. Rehmat ha risposto di essere all’oscuro delle pagine sacre scomparse dalla casa editrice.

Il 3 gennaio 2022, la polizia ha arrestato Rehmat Masih accusandolo di aver commesso blasfemia e lo ha torturato duramente per fargli ammettere di aver profanato e dissacrato il Corano, reato previsto dalla sezione 295-B del Codice penale pakistano, punibile con la reclusione a vita.

Il 19 gennaio 2022 è stata presentata una richiesta di libertà su cauzione per l’imputato, ma il giudice l’ha respinta. In un’udienza tenutasi il 31 maggio 2022, Rehmat Masih ha fatto mettere agli atti una sua dichiarazione davanti al giudice onorario, nella quale afferma che “non si dichiara colpevole dell’accusa di blasfemia mossa contro di lui”.

Il presidente di Voice for Justice, Joseph Jansen, ha affermato che le leggi sulla blasfemia hanno creato un ambiente in cui le persone, compresi i denuncianti e i loro sostenitori influenti, si ritengono autorizzati a farsi giustizia da soli. Ha chiesto che gli agenti di polizia svolgano i loro compiti in modo imparziale e che la loro condotta non sia influenzata da convinzioni religiose.

Ilyas Samuel, un attivista sociale, ha affermato che le indagini della polizia si sono rivelate particolarmente lacunose in questo caso di blasfemia. Ma è ancora più inquietante che gli agenti di polizia sostengano pratiche illegali per trasformare il finto crimine in realtà e presentino falsi testimoni con dichiarazioni contrastanti davanti al tribunale d’onore per provare un reato che non è mai stato commesso dall’accusato.

Malook Samuel ha definito impensabile che - senza alcun testimone oculare del presunto evento e senza prove - l’accusato sia dietro le sbarre, mentre i denuncianti e i testimoni coinvolti nel lanciare false accuse contro l’accusato godano dell’impunità, e non siano invece perseguiti per le accuse di falsa testimonianza ai sensi della Sezione 182 del Codice penale, che prevede pene dai 5 ai 7 anni.

Il pastore Tariq George ha aggiunto che è deplorevole che persone innocenti siano prese di mira per regolare conti personali, e che questa storia sia stata creata per punire le minoranze religiose che non vogliono cambiare la propria fede.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/06/2022
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Se Gesù diventa un guru new age

Massimo Gramellini per contestare le parole del cardinale Parolin sul referendum irlandese (“una sconfitta per l’umanità”) si inventa un Gesù “maestro di tolleranza”. Gesù è amore e verità, nel suo vocabolario non c’è la “tolleranza”

Leggi tutto

Storie

“il Giornalismo non è un crimine”

Assange rischia l’estradizione e 175 anni di carcere, anche se “il Giornalismo non è un crimine”

Leggi tutto

Società

Metamorfosi moderne del #Salafismo contemporaneo

Dopo l’epoca d’oro della Medina del Profeta, il califfato si è trasformato in uno stato islamico condizionato da una gestione autoritaria del potere

Leggi tutto

Storie

Lahore, cristiano condannato a morte per blasfemia

Nel 2017 un cliente aveva denunciato Ashfaq Masih, gestore di un’attività di riparazione di bici e moto, per aver diffamato il profeta Maometto. I familiari dell’uomo parlano di accuse pretestuose per non pagare il lavoro effettuato

Leggi tutto

Politica

Referendum eutanasia e cannabis , Draghi: “Il Governo non si opporrà

Il Governo dei “migliori” si mostra ancora una volta lontano dal rispetto di libertà, vita e famiglie. Infatti Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha fatto sapere che il Governo non si costituirà contro l’ammissibilità dei referendum sulla legalizzazione della cannabis e sull’eutanasia.

Leggi tutto

Storie

PAKISTAN - Cauzione negata, resta in carcere un cristiano accusato di blasfemia

Anwar Masih, cristiano di 57 anni in carcere dal giugno 2020 con l’accusa di blasfemia, “è un innocente, vittima di false accuse. Siamo sorpresi dalla decisione della Corte di respingere la richiesta di libertà su cauzione”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano