Politica

di Nicola Di Matteo

IL PDF VERSO LA NUOVA SFIDA DELLE ELEZIONI POLITICHE 2023

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La grande competizione amministrativa che ha visto al voto 978 città, con 4 capoluoghi di regione e 22 di provincia, ha prodotto una novità importante: il partito del Popolo della Famiglia ha un consenso superiore all’1% a livello nazionale. E’ l’inizio di una grande rivoluzione nel Paese, che vede protagonisti valori e tradizioni non negoziabili, oltre che dirigenti di partito davvero ineguagliabili per senso di appartenenza, passione, dedizione politica e radicamento territoriale.

Inizia così un percorso che deve costruire una vasta coalizione di opposizione al governo Draghi da presentare alle elezioni politiche del 2023. Un’armonia, quella che deve costruire il PdF e che deve perseguire con pazienza e determinazione, che deve crearsi dalle dirigenze territoriali e deve arrivare nel corso dell’anno ai vertici di partiti e associazioni con la massima trasparenza di obiettivi programmatici a sostegno del rilancio economico, culturale, etico del Paese Italia, sostenuto dal forte collante che può essere il partito di idee del Popolo della Famiglia.

Sono dati significativi quelli pervenuti dai vari comuni al voto: Alessandria (0.49%), Asti (0.32%), Averara (20.43%), Ciampino (0.17%), Cuneo (0.30%), Desenzano (0.86%), Jesi (0.94%), Mira (2.67%), Mirano (6.70%), Mombello (0.93%), Monza (0.58%), Omegna (0.90%), Palermo (1.06%), Padova (0.34%), Parma (2.63%), Riolo Terme (5.72%)i, Verona (0.2%), Viterbo (0.4%), Avola (4.3%), Monfalcone (23.27%), Oristano (1.8%). Abbiamo spinto la macchina organizzativa al massimo, raggiungendo così una media dell’1,3% in queste amministrative, che proiettata sulla base nazionale di riferimento degli aventi diritto al voto alle politiche, rappresenta potenzialmente oltre 600mila voti. Molto più delle nostre più rosee aspettative!

Ora via, come dicevo prima, è urgente innescare una macchina elettorale e anche dirigenziale che ci consenta di amalgamare nello scenario politico le vere esigenze di tanti italiani. Quelle esigenze tradite da governi tecnici e dallo stesso governo Draghi.

Quelle esigenze ignorate dal Pd e dagli altri partiti, che in 10 anni di governi tecnici sono riusciti a distruggere le partite Iva, la piccola e media impresa, e a ghigliottinare le famiglie con continui rincari del costo della vita, tra bollette sempre più salate e prezzi in crescita dei generi alimentari.

Il 2023 deve essere l’anno della “riscossa nazionale”, che consenta al PdF di andare al governo del Paese per dare un progetto politico basato sugli ideali cristiani della difesa della vita e della famiglia. All’Italia serve un governo capace e stabile fino al 2040, sia in termini legislativi e di proiezione politica, sia in termini di sfide già sancite da un’Europa che - al nostro tempo - opprime e decreta la fine di intere economie reali.

(di Nicola di Matteo, vicepresidente e coordinatore nazionale PdF)

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/06/2022
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Un giudizio sulla legislatura

UN GIUDIZIO SULLA LEGISLATURA

Leggi tutto

Politica

I traguardi e gli obiettivi

Conclusa questa fase e la necessaria pausa estiva, a settembre una nuova assemblea nazionale di tutti gli iscritti al Popolo della Famiglia determinerà le decisioni che riguarderanno il traguardo elettorale del marzo 2018, quando superando lo sbarramento del 3% grazie al fatto che si potrà votare Pdf non in 35 comuni ma in tutti gli oltre ottomila comuni d’Italia, i “quattro gatti” (come sprezzantemente alcuni ci definivano) già trasformatisi in centomila gatti nei citati 35 comuni, diventeranno almeno un milione di gatti in tutta Italia. Chi ha paura del fatto che il Popolo della Famiglia raggiunga il suo obiettivo e possa con decine di parlamentari bloccare davvero ogni ulteriore legge contro la vita e contro la famiglia naturale, proponendo invece la straordinaria rivoluzione del reddito di maternità, del quoziente familiare, del diritto universale a nascere e ad essere curati, contrapposto al terribile nichilismo mortifero dei falsi diritti all’aborto e all’eutanasia? Perché considerare un male il Pdf, battersi con tutte le forze contro di esso, se si dice di condividerne le stesse ragioni ideali? Mistero misterioso. O forse neanche tanto, le miserie umane di chi si era promesso a questo o a quel partito con addosso la maglietta del Family Day appartengono all’inevitabile. Rafforzano la nostra determinazione, sappiamo di dover combattere censure e danni procurati di ogni tipo, così chi si mette in battaglia al nostro fianco arriva preparato e ben presto si corazza. E rivolge ai cecchini del fuoco amico la domanda fatidica: ci sparate addosso per conto di chi, l’alternativa al Popolo della Famiglia qual è, una legislatura come quella appena passata? La proposta unitaria rimane per noi sul tavolo: ritroviamoci tutti nel Popolo della Famiglia, che ha porte aperte e finestre spalancate, ha memoria utilmente corta se serve e non serba rancore. Uniti potremmo davvero strappare l’Italia alla cultura di morte che la ghermisce. Tutti iscritti al Pdf, facciamo la storia, come è scritto sulla nostra tessera 2017. Facciamola insieme, si può sul serio.
Noi comunque proseguiamo per la nostra strada, pregando e agendo. Che lo sguardo benevolo di Maria Vergine protegga tutti noi, che Dio benedica l’Italia, che Dio benedica il Popolo della Famiglia.

Leggi tutto

Politica

PERCHE’ IL PDF RIPARTE DA CAMALDOLI

Tre quarti di secolo fa, in un tempo davvero davvero difficile e se leggete le date seriamente coraggioso, cioè dal 18 al 24 luglio 1943, un gruppo di intellettuali (laici e religiosi) cattolici si riunì, presso il monastero benedettino di Camaldoli, sotto la guida di mons. Adriano Bernareggi, assistente ecclesiastico dei laureati dell’Azione Cattolica, con l’intento di confrontarsi e riflettere sulla dottrina sociale della Chiesa e sui problemi della società, sui rapporti tra individuo e stato, tra bene comune e libertà individuale.

Leggi tutto

Società

Parla Hadjadj: «La società del comfort totale è suicidaria»

Il problema sta nel clima spirituale della nostra epoca, intessuto di un superbo efficientismo.

Leggi tutto

Società

LA VESTE DEI FANTASMI DEL PASSATO CADENDO HA LASCIATO IL QUADRO IMMACOLATO?

Dobbiamo essere il sale del mondo, che sulle ferite brucia, non lo zucchero filato, non dei pappamolli per paura di ritorsioni. Mi spaventa terribilmente vedere che la raccolta firme di Cappato viaggi verso il milione di aderenti e quella sul reddito di maternità abbia superato di poco le 50.000 unità. Inutile negare che ci hanno stracciato alla grande. Morte batte vita venti a zero per ora, palla al centro.

Leggi tutto

Società

Forse la vera laicità potrebbe ancora salvare l’Italia

«La laicità non è indifferenza dello Stato rispetto al fenomeno religioso, la laicità è tutela del pluralismo e delle diversità culturali». (Mario Draghi citando una sentenza della Corte costituzionale nel discorso del 26/06/’21).

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano