Politica

di Raffaele Dicembrino

La Francia di Macron frena

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il primo turno delle elezioni legislative in Francia segna un importante ridimensionamento per la coalizione di centro del presidente francese Emmanuel Macron, rieletto lo scorso aprile per il secondo mandato all’Eliseo. L’affluenza ha raggiunto solo il 47,51%, secondo il ministero dell’Interno, un minimo storico.

In questa prima tornata delle politiche – il secondo turno si terrà domenica prossima – la maggioranza presidenziale ha raccolto il 25,75% delle preferenze, solo leggermente avanti rispetto alla coalizione di sinistra (25,66%) riunita attorno Jean-Luc Mélenchon. Le prime proiezioni danno alla coalizione di Macron la possibilità di mantenere la maggioranza assoluta di 289 parlamentari ma senza alcuna certezza, assegnando alla coalizione Ensemble! fra 270 e 310 seggi. La maggioranza di Macron è presente al ballottaggio in 417 circoscrizioni su 577, circa un centinaio in meno rispetto al 2017. Alla sinistra di Nupes (Jean-Luc Mélenchon) andrebbero 170-220 seggi. Terza forza il Rassemblement National di Marine Le Pen, che ha ottenuto fra il 18,5 e il 19,8% dei voti che potrebbero valere tra i 15 e i 30 seggi.

Secondo alcuni analisti, se Macron non riuscisse ad ottenere la maggioranza assoluta ( il primo presidente dopo oltre due decenni) potrebbe chiedere il sostegno dei repubblicani di centro-destra che con l’11,3% dei voti possono sperare di avere tra i 40 ei 60 deputati. La sinistra riunita nella Nuova unione popolare ecologica e sociale ha ottenuto voto soprattutto nelle grandi città, la maggioranza di centro nella Francia Occidentale e il Rassemblement national al nord e nelle aree rurali.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/06/2022
0210/2022
Ss. Angeli Custodi

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Castelfidardo ci ripensa: buono pasto a tutti

Il Popolo della Famiglia ferma l’atto discriminatorio del sindaco!

Leggi tutto

Media

Lancet: “La Lombardia fu travolta dal virus per l’impreparazione delle autorità

L’analisi della rivista afferma che, di fronte a quella che l’Istituto Nazionale di Statistica definì “terza guerra mondiale”, “la società civile di Bergamo si organizzò in un movimento per avere giustizia, verità, risarcimento, dignità e per offrire un supporto emotivo in risposta al dolore, alla confusione e alla rabbia delle famiglie”.

Leggi tutto

Società

Virus: ora la minaccia è la Febbre di Lassa

I primi casi di Febbre di Lassa, virus “parente” dell’Ebola, sono stati segnalati nel Regno Unito. La conferma viene dalla Uk Health Security Agency, che fa sapere che una delle due persone infettate (viaggiatori rientrati dall’Africa Occidentale) è fortunatamente guarita e sta bene, mentre l’altra è ricoverata.

Leggi tutto

Politica

MARCHE: PESCATORI FERMI

Sebastianelli (PDF): “Mentre il Governo spende centinaia di milioni di euro per comprare armi i pescatori si fermano per il rincaro del carburante”

Leggi tutto

Politica

Regno Unito: piano per trasferire i migranti in Ruanda

L’annuncio è stato fatto dallo stesso premier conservatore dalla costa inglese del Kent, il quale ha poi spiegato che “l’opzione Ruanda” fungerà da deterrente, ovvero i migranti, che da ora in poi arriveranno e chiederanno asilo politico, saranno trasferiti nel Paese africano, dove si svolgerà tutto il loro iter burocratico, il quale, in caso di successo, permetterà loro di avere assistenza in Ruanda, mentre in caso contrario saranno fatti tornare nel Paese di provenienza.

Leggi tutto

Politica

COLOMBIA - Approvata la depenalizzazione del suicidio assistito

La Corte costituzionale della Colombia ha deciso di depenalizzare il suicidio medicalmente assistito (SMA).

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano