Politica

di Roberto Signori

Castelguidone - Un solo candidato sindaco, zero voti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le elezioni del piccolo comune di Castelguidone, in provincia di Chieti, non hanno prodotto un nuovo sindaco. Non solo c’era un unico candidato alla carica di primo cittadino, ma dei 278 aventi diritto soltanto uno ha ritirato la scheda per le amministrative. Sbagliando, però. L’aveva scambiata per una relativa ai referendum, quindi l’ha inserita nell’urna senza scriverci niente. Affluenza alle comunali di Castelguidone: 0,36%. Voti al candidato sindaco: zero. Lo spoglio non è durato molto e il risultato è stato il commissariamento del comune.

Se anche quel singolo elettore avesse votato l’unica lista presente sulla scheda, il candidato Guglielmo De Santis, residente a Gallipoli, in Puglia, non sarebbe diventato sindaco. Nei comuni con meno di 15mila abitanti in cui si presenta un unico candidato, la validità dell’elezione è subordinata al raggiungimento del quorum del 40% degli aventi diritto. Avrebbero dovuto votare 112 persone. E, di queste, almeno la metà avrebbe dovuto esprimere una preferenza per la sua lista.

De Santis era stato solo una volta nel paesino abruzzese che dista oltre 400 chilometri da casa sua, “in incognito” - come ha detto a Il Post -, per vedere com’era prima delle elezioni. L’obiettivo del suo partito, L’altra Italia, un movimento di destra che si è presentato con Destra Italiana, Movimento per l’Italia sociale e Mda, era sostanzialmente farsi conoscere. De Santis e gli otto candidati consiglieri della sua lista, tutti pugliesi, non si aspettavano di non avere competitor. Allo stesso tempo, non essendo parte della comunità locale e non essendo conosciuti, non hanno preso neanche un voto.

Il sindaco uscente, Donato Sabatino, aveva deciso di non candidarsi per un terzo mandato per via del suo lavoro da direttore di banca. Secondo i giornali locali, già alla fine dei suoi primi cinque anni non era dell’idea di ricandidarsi, ma poi lo fece per evitare al suo comune il commissariamento. Stavolta, invece, il commissariamento è arrivato: sarà un funzionario del prefetto a gestire l’ordinaria amministrazione fino a nuove elezioni.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/06/2022
0812/2022
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

ALTRIMENTI CI INCENERISCA

La linea politica dell’autonomia del Popolo della Famiglia, ribadita all’assemblea nazionale del 28 gennaio al teatro Eliseo, sta facendo crescere davvero un “bambino” libero che sta imparando a camminare con le proprie gambe. Non era facile, non era scontato, la tentazione del vendersi al migliore offerente in politica è sempre dietro l’angolo, ma tra noi (con l’eccezione di alcuni sporadici casi) quella tentazione non ha attecchito. Siamo legati alla nostra idea di autonomia perché sappiamo che solo questa autonomia ci consentirà di difendere davvero la vita, la famiglia naturale, i soggetti più deboli, i principi non negoziabili ribaltando le priorità di una politica che nel centrodestra come nel centrosinistra sembra aver dimenticato la cura del bene comune, puntando su uno sciocco principio di autodeterminazione che è solo libertà fuori dalla verità, dunque libertà zoppa e malsana.

Leggi tutto

Politica

PDF: la discontinuità del voto

Il 4 marzo novità e discontinuità vuol dire votare Popolo della Famiglia, ogni voto a questo progetto costituisce una risposta ai violenti di tutti i colori, un sostegno ai più deboli, un investimento sul futuro possibile di un movimento di ispirazione cristiana legato alla difesa dei principi non negoziabili, alla cultura della vita e alla tutela della famiglia naturale. Centinaia di migliaia di cattolici e persone di buona volontà che volessero attestarsi su questa posizione innovativa di discontinuità aprirebbero davvero una pagina entusiasmante

Leggi tutto

Politica

Perché bisogna votare Il Popolo della Famiglia

Questo appello non è evidentemente rivolto a chi ha già deciso il suo voto: se ha scelto di non sostenere il Popolo della Famiglia, auguri a lui e al partito prescelto.

Leggi tutto

Chiesa

Costa Rica - I vescovi: “cerchiamo il bene della nostra nazione”

Leggi tutto

Storie

Ucraina - Kiev, saccheggiato il seminario

Bombardato due volte dall’inizio della guerra, il seminario cattolico di Vorzel è stato oggetto di una razzia. Portato via di tutto: dalle pentole al calice con cui Giovanni Paolo II celebrò la Messa nel 2001 in Ucraina. Padre Ruslan Mykhalkiv: “Penso che siamo stati derubati anche da gente che vive in zona. Hanno fame ed è tutto chiuso, qui c’era cibo e si sono sfamati. Questo è giusto, il resto no”

Leggi tutto

Politica

Mario Adinolfi per Margherita Ruffino ad Asti

“Leggo che il Pd e il centrosinistra che sostiene Paolo Crivelli si prepara a ‘celebrare’ la giornata della omotransfobia. Sono proprio curioso e chiedo: ma un candidato sindaco come Crivelli il 17 maggio che fa? Io il 17 maggio con il nostro candidato sindaco Margherita Ruffino ricordo i 50 anni dall’omicidio di Luigi Calabresi, colpevolmente dimenticato dalle istituzioni.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano