Storie

di Nathan Algren

INDONESIA - “No” a un biglietto di ingresso per i luoghi di culto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

C’è forte disappunto e dissenso della società civile e delle diverse comunità religiose, buddiste, musulmane e cristiane, verso il piano del governo di far pagare un costoso biglietto di ingresso per visitare il tempio di Borobudur, il più grande luogo di culto buddista del mondo, situato nella reggenza di Magelang, a Giava centrale. La “Società buddista indonesiana” (Walubi), attraverso il portavoce Ruslin Tan, ha espresso seria preoccupazione da parte di fedeli buddisti e della popolazione locale, per la potenziale diminuzione dei turisti e dei pellegrini che visitano il noto tempio buddista, notando che ogni luogo di culto, di qualsiasi religione, deve essere per sua natura aperto a tutti. Il tempio di Borobudur è un antico luogo di culto che, per la sua storica singolare conformazione, è divenuto anche un luogo turistico tra i più frequentati dell’Indonesia, ma continua a ospitare raduni religiosi buddisti e imponenti pellegrinaggi.

Mentre finora lo si poteva visitare con un minimo contributo (tra 25mila e 50mila rupie indonesiane), accessibile a tutti, il governo ha reso noto di voler cambiare drasticamente la tariffa del biglietto d’ingresso. La nuova tariffa del biglietto di ingresso sarà di 750mila rupie indonesiane (circa 50 dollari USA) a persona. Questo importo risulta molto alto per la maggior parte degli indonesiani, se si considera che il salario di un operaio di basso reddito è di circa 2 milioni di rupie (138 dollari USA).
Il monaco buddista indonesiano Sri Pannyavaro Mahathera ha notato: “Tante persone povere non potranno più visitare il tempio, sarebbe una grave perdita”.
L’annuncio del governo ha suscitato un’ampia protesta nell’opinione pubblica, anche se Luhut Binsar Pandjaitan, ministro per gli investimenti marittimi e esteri, ha giustificato la mossa con l’obiettivo di “mantenere la sicurezza ambientale del più grande tempio buddista del mondo”. Le autorità vorrebbero ridurre i visitatori giornalieri a 1.200 persone, ha affermato, imponendo anche la presenza di una apposita guida turistica.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/06/2022
2909/2022
Ss. Michele, Gabriele e Raffaele arcangeli

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Nigeria - Confiscate i beni dei trafficanti di esseri umani

Secondo l’ex rappresentante permanente della Nigeria presso le Nazioni Unite Martin Uhomoibhi nel solo 2016, 602.000 nigeriani hanno tentato di migrare in Europa attraverso il deserto del Sahara. Secondo Uhomoibhi, 27.000 di questi migranti sono morti durante il viaggio, tra i morti durante il viaggio, il 68% erano laureati nigeriani.

Leggi tutto

Storie

Siria: allarme colera

L’allerta in atto da tre settimane rischia di trasformarsi in una “minaccia” per tutta la regione. Epicentro le province di Aleppo e Deir al-Zour. Fra le cause vi sarebbe l’uso di acqua contaminata del fiume Eufrate. Il conflitto e i cambiamenti climatici altri fattori a rischio

Leggi tutto

Chiesa

Spagna - Giornata dell’Infanzia Missionaria

Il Direttore nazionale POM ricorda che grazie ai fondi raccolti dall’Infanzia Missionaria - per lo più grazie alle donazioni dei bambini - si possono sostenere progetti di evangelizzazione, educazione e salute per i piccoli e le loro mamme, perché possano nascere e crescere con dignità, mangiare, studiare ... Dalla Spagna, l’Infanzia Missionaria ha inviato nel 2021 € 1.933.313,21, raggiungendo più di 300.000 bambini in 34 paesi. “Per molti bambini, l’unico posto dove trovano casa è la Chiesa”

Leggi tutto

Politica

Guardie Svizzere, il 6 maggio giurano 36

Le guardie della Guardia Svizzera Pontificia prestano il giuramento nell’anniversario del Sacco di Roma. Il 6 maggio 1527, 189 guardie svizzere difesero Papa Clemente VII contro un esercito schiacciante di lanzichenecchi tedeschi e mercenari spagnoli. 147 caddero in battaglia, compreso l’allora comandante Kaspar Röist di Zurigo. 42 guardie riuscirono a fuggire attraverso il “Passetto di Borgo” verso Castel Sant’Angelo. Papa Clemente VII fu costretto ad arrendersi poco dopo, ma la sua vita e quella delle 42 guardie furono risparmiate dalla furia sanguinaria.

Leggi tutto

Media

Le rare voci fuori dal coro

Oggi sono pochissimi i media che non ripetono i ritornelli del potere. La Croce, in ambito cristiano, lascia spazio ad interventi molto diversificati. Anche consentendo una partecipazione meno ingabbiata da formalismi variamente istituzionali. Il quotidiano contribuisce così profondamente ad una più autentica ricerca del vero. Byoblu ha una linea più predeterminata, ma almeno anche geopoliticamente alternativa ai media mainstream. Per cui pur personalmente condividendo poco di tale testata ne considero l’importanza in quanto voce diversa. Munera è una rivista che perlomeno, come Byoblu, consente commenti liberi anche con aggiunta di link.

Leggi tutto

Media

Libro - “Zi’ Tore. Il “parroco” di Padre Pio”

Una immensa folla, il 16 giugno di venti anni fa, riempiva Piazza San Pietro e tutta via della Conciliazione, fino al lungotevere sotto Castel Sant’Angelo, per la canonizzazione di Padre Pio da Pietrelcina.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano