Storie

di Tommaso Ciccotti

La lettera di Wojtyla sull’amico Szczęsny

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Oggi, quando Nostro Signore mi ha permesso di giungere alla pienezza del sacerdozio qui sulla terra, non posso non ricordare il mio fratello più caro, la cui strada verso il sacerdozio venne interrotta proprio all’inizio”. Sono le parole scritte da Karol Wojtyla in una lettera alla famiglia del suo amico e compagno di studi nel seminario clandestino di Cracovia, Szczęsny Zachuta, ucciso dai nazisti nel 1944. La lettera autografa, che risponde agli auguri ricevuti da Wojtyła, in occasione della sua nomina a vescovo ausiliare di Cracovia nel 1958, è stata consegnata ieri sera alle ore 19.45, dai nipoti di Szczęsny Zachuta alla Basilica di San Bartolomeo all’Isola, Santuario dei Nuovi Martiri del XX e XXI secolo, a Roma.

“Sono sinceramente commosso dalla lettera della madre e del fratello del compianto Szczęsny, il mio amico più caro durante gli studi teologici clandestini”, scrive Wojtyla, ricordando gli incontri con il giovane in chiesa, con la guida spirituale di entrambi, Jan Tyranowski, e ricordando le visite alla famiglia Zachuta, all’epoca in cui era ancora operaio alla Solvay. “In quegli anni - afferma il futuro Papa - la terribile crudeltà dell’occupante ha portato via Szczęsny a tutti noi”. Il caro amico di Wojtyla fu arrestato dai tedeschi il 13 aprile 1944, incarcerato a Cracovia e, probabilmente, fucilato. Il suo nome infatti si trova nell’elenco dei condannati a morte del 6 giugno 1944.

Non conoscendo il luogo di sepoltura del giovane polacco, i nipoti hanno chiesto che la lettera venga custodita a San Bartolomeo, che “diverrebbe la sua tomba simbolica in un luogo speciale, dedicato alla memoria dei martiri del XX secolo dal suo amico Giovanni Paolo II”.

La Basilica di San Bartolomeo, affidata alla Comunità di Sant’Egidio, ha oltre mille anni e sorge sull’Isola Tiberina, a Roma. Venne edificata nel 998 dall’imperatore tedesco Ottone III per accogliere i resti di due martiri: San Bartolomeo apostolo, il cui corpo è custodito nell’altare maggiore, e Sant’Adalberto, vescovo di Praga, ucciso nel 997 mentre evangelizzava le popolazioni all’estremo confine settentrionale dell’Europa cristiana. Dopo il Giubileo del 2000, San Giovanni Paolo II ha voluto che la Basilica divenisse Memoriale dei Nuovi Martiri. La proclamazione è avvenuta il 12 ottobre 2002, alla presenza dei cardinali Ruini, Kasper e George, e del Patriarca ortodosso di Romania Teoctist. Sull’altare maggiore è stata collocata la grande icona dedicata ai Testimoni della fede del XX secolo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/06/2022
2901/2023
San Valerio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Senza bambini non si cresce

Il vescovo Negri dice che sei milioni di aborti hanno contribuito alla crisi del Paese e ha ragione

Leggi tutto

Chiesa

Eutanasia, in Vaticano la Nuova Carta: giro di vite

Hanno scritto che “Francesco apre al fine-vita”, mentre tutta la notizia consiste nell’annuncio (!) di una revisione della Carta degli Operatori Sanitari, la quale sarà resa pubblica nella giornata mondiale del malato (11 febbraio, a Lourdes). Si tratta di un aggiornamento che chiarisce punti controversi

Leggi tutto

Società

Utero in affitto? No grazie!

Il bambino, che durante la propria gestazione viene cullato dal ventre materno e che impara a riconoscere i rumori che lo circondano (la voce della mamma sicuramente, ma anche la voce del papà e dei fratelli), i sapori che lo nutriranno (e che vengono filtrati grazie al liquido amniotico che ingerisce) e le emozioni che vive chi lo sta ospitando (il ruolo dei neurormoni è ritenuto fondamentale per lo sviluppo fetale), si lega moltissimo alla madre. Grazie agli studi che sono stati compiuti e che oramai danno per scontato tutto un mondo fatto di relazione tra madre e nascituro, è stata messa a punto tutta una serie di accorgimenti clinici che si basano sul “dialogo” e sulle interazioni fisiche che sono vitali per il nascituro.

Leggi tutto

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

Storie

Papa Francesco: da Gesù arriva la chiamata a cercare l’unità

All’udienza generale in Aula Paolo VI il Papa richiama i cristiani all’unità, a non creare separazioni e differenze sociali. Catechesi sulla Lettera ai Galati - 8. Siamo figli di Dio

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: chi lavora nei media reimpari ad ascoltare

In occasione della Giornata mondiale delle comunicazioni sociali 2022, Papa Francesco lancia un invito ai professionisti del settore: la ricerca della verità comincia dall’ascolto

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano