Politica

di Nathan Algren

HONDURAS - Vescovi: “Nonostante le difficoltà, si intravede un nuovo orizzonte”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Nonostante le difficoltà, si intravede un nuovo orizzonte” è l’esortazione che i Vescovi della Conferenza Episcopale dell’Honduras (CEH) rivolgono a tutto il Popolo di Dio in un messaggio reso pubblico al termine della loro Assemblea plenaria, che ha eletto la nuova dirigenza per il triennio 2022-2025. Monsignor Roberto Camilleri Azzopardi, Vescovo di Comayagua, è il nuovo Presidente della CEH. Vice-presidente è stato eletto Mons. Darwin Andino, Vescovo di Santa Rosa de Copàn. Padre Emigdio Duarte Figueros è il Segretario generale della CEH.

“Vi salutiamo con gioia e annunciamo con speranza che abbiamo un nuovo Direttivo, vi invitiamo a rendere grazie a Dio perché continua a guidare e a prendersi cura della sua Chiesa” scrivono i Vescovi, che ricordano: “come persone di fede, siamo chiamate a vivere profondamente radicati nel nostro rapporto con Dio e, allo stesso tempo, impegnati per la costruzione del presente e del futuro dell’Honduras”.
I Vescovi esortano a guardare con fiducia al futuro, nonostante le difficoltà attuali, e desiderano contribuire con le loro riflessioni, indicando alcune linee principali, “affinché questa nuova tappa che il Paese sta vivendo non sia bloccata da alcuni problemi che tradizionalmente hanno impedito un migliore cammino di giustizia e sviluppo. Questi problemi cronici stanno producendo una perdita di speranza nella popolazione honduregna e sono la radice della migrazione, soprattutto tra i giovani”.
Nel loro messaggio i Vescovi sottolineano: “i nostri problemi nazionali non sono semplicemente congiunturali, ma strutturali. Le strutture rimangono le stesse. La corruzione e l’impunità stanno ancora lasciando ombre, che potrebbero frustrare le legittime aspettative dell’elettorato, che ha votato per un cambiamento necessario”.
Dopo aver ribadito che “il paese è di tutti, e non di un determinato gruppo”, denunciano il revanchismo politico, la polarizzazione e la ricerca di interessi personali, che “danneggiano seriamente l’autentica democrazia”. Solo il dialogo sociale sincero e la ricerca del bene comune possono aprire la strada ad un’autentica rifondazione dell’Honduras e alla riconciliazione. Per fare questo “sono necessarie chiare linee di governo e la partecipazione di persone competenti e con valori morali”, “nuove forme di fare una buona politica, professionalizzandola e occupandosi del bene comune e dei beni comuni”. I Vescovi si soffermano ancora sulla costruzione della democrazia e sulla necessità di persone capaci di leadership, che siano professionali, rispettose e capaci.
Tra i problemi lasciati dalla pandemia che occorre superare, i Vescovi indicano l’individualismo e la diffidenza. E’ necessario continuare la vaccinazione e la prevenzione, allo stesso tempo “occorre promuovere un migliore sistema sanitario, in grado di offrire ai poveri copertura e qualità sanitaria”. Un altro problema storico è la scarsa qualità dell’educazione, per il quale occorrono soluzioni realiste, ed un “rinnovamento del sistema educativo coinvolgendo tutti i settori interessati”. Infine i Vescovi ritengono necessario che l’Honduras “si mantenga aperto a tutto il mondo, all’interscambio culturale e alla cooperazione internazionale”. Chiudersi in una trincea ideologica priverebbe gli honduregni dei benefici che l’apertura comporterebbe in tutti i settori della vita nazionale.
I Vescovi concludono il loro messaggio invocando il Signore e sua Madre, la Vergine Maria, affinché ispirino nella società honduregna la volontà di “lasciare da parte tutto ciò che divide, per camminare insieme verso un orizzonte di verità, giustizia, amore e pace”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/06/2022
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Una risposta a Melloni, inquisitore dei laicisti

In un disinvolto corsivo comparso ieri sulle colonne di Repubblica, lo storico bolognese del cristianesimo ha raccolto sotto i suoi consueti strali l’ormai crivellato padre Cavalcoli, Antonio Socci, Radio Maria e noi del Family Day. A questo punto è opportuno mettere in chiaro alcuni concetti

Leggi tutto

Politica

La nuova #roadmap per il Popolo della Famiglia

La percentuale dello 0.7% ha creato in alcuni – devo dire in realtà pochi – una certa delusione. Ora, è ovvio che sarebbe stato meglio ottenere un risultato maggiore, ma la domanda che dobbiamo porci è un’altra: «Noi abbiamo fatto davvero tutto il possibile?». Io credo di sì. Io credo che nelle circostanze date, abbiamo fatto davvero tutto quello che era nel novero delle nostre possibilità. Ora occorre cambiare le condizioni, cominciando proprio dall’allargamento della percentuale di italiani che conoscono il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco in Slovacchia: incontro ecumenico

Papa ha iniziato a Bratislava la seconda tappa del suo viaggio apostolico che durerà fino al prossimo 15 settembre. Ad accoglierlo, all’aeroporto della capitale slovacca la presidente della Repubblica Zuzana Čaputová

Leggi tutto

Chiesa

Con il messaggio del Papa si è aperto la settimana sociale a Taranto

Nel messaggio indirizzato ai partecipanti della 49.ma edizione della Settimana Sociale dei cattolici italiani, in programma nella città dei due mari dal 21 al 24 ottobre 2021, Papa Francesco esorta a “camminare con audacia sulla strada della speranza”. Una via, spiega, che “possiamo immaginare contrassegnata da tre cartelli”.

Leggi tutto

Chiesa

Francesco all’Angelus: “Che cosa dobbiamo fare?”

Ciascuno può fare la sua parte secondo la “situazione reale” della propria vita e questo è ancora il Vangelo a insegnarlo. Sono infatti diverse le risposte che il Battista dà alle folle, ai pubblicani e ai soldati che chiedono “Che cosa dobbiamo fare?”, e questo ci insegna – fa notare Francesco - che “la fede si incarna nella vita concreta”. “Non è una teoria astratta e generalizzata, tocca la carne e trasforma la vita di ciascuno”.  Come fare allora ciascuno la propria parte

Leggi tutto

Chiesa

Ecuador, i vescovi criticano il disegno di legge sull’aborto

L’interruzione di gravidanza non è un diritto ma un crimine. Così la presidenza della Conferenza episcopale ecuadoriana che invita la Commissione Giustizia dell’Assemblea Nazionale a rivedere il disegno di legge che consente l’aborto in caso di stupro, o a minori o donne con disabilità, perché si tuteli la vita e venga garantita l’obiezione di coscienza dei medici

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano