Chiesa

di Nathan Algren

Ecuador, i vescovi: “Il dialogo è l’unico cammino”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Come Chiesa ecuadoriana vogliamo invitare il governo nazionale, la Conaie, i movimenti sociali e politici e tutti gli uomini e le donne di buona volontà a cercare insieme soluzioni adeguate attraverso il dialogo, pensando soprattutto al bene comune e al benessere dei più poveri del nostro Paese”. È questo l’appello lanciato il 15 giugno scorso dai vescovi ecuadoriani sui social network, preoccupati per la complessa situazione sociale, economica e politica che il Paese sta attraversando.

La Conaie, principale organizzazione indigena del Paese, ha proclamato uno sciopero generale a tempo indeterminato, nei giorni scorsi, per resistere alle misure economiche del governo neoliberista del presidente Guillermo Lasso. Nel corso dello sciopero, nella notte tra lunedì e martedì, gruppi speciali della polizia locale hanno arrestato arbitrariamente il leader indigeno e presidente della Conaie, Leonidas Iza, accusato di essere l’autore intellettuale di atti vandalici. Il rilascio di Iza, il giorno dopo, non ha fermato la mobilitazione indigena.

Tra le principali richieste avanzate dai manifestanti, quella di congelare il prezzo del carburante salito alle stelle, lo stop alla privatizzazione del patrimonio nazionale, il rispetto dei diritti dei popoli indigeni e l’introduzione di politiche di controllo dei prezzi dei prodotti di prima necessità. “Non siamo indifferenti al grido del nostro popolo che chiede giorni migliori per tutti, ma siamo anche consapevoli che questo è un percorso che dobbiamo costruire insieme”, ha affermato la Conferenza episcopale ecuadoriana nel suo messaggio.
Condannando qualsiasi tipo di violenza “da qualsiasi parte provenga”, nella convinzione “che non sia questa la strada da percorrere se vogliamo costruire un Ecuador migliore”, i vescovi hanno ricordato come Papa Francesco insista “sull’istituzione di una ‘cultura del dialogo” per risolvere i conflitti. “Egli - hanno spiegato - ci invita costantemente a saper ‘costruire ponti’ e ‘abbattere muri’ che ci dividono”. Pertanto, “abbracciamo queste parole, facciamole nostre e costruiamo insieme quei ponti che ci avvicinano come fratelli”. I presuli hanno concluso il comunicato sottolineando che “come pastori di questa Chiesa” continueranno a camminare accanto alla loro gente, “condividendo le loro difficoltà e le loro speranze, mossi solo dal Vangelo dell’amore e della verità, della giustizia e della solidarietà”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/06/2022
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Ma solo la Chiesa e il Papa pensano ai poveri?

Il guru di Slow Food Carlo Petrini se la prende con McDonald’s all’Expo perché fa pagare “solo” un euro il “panino con la carne”. La sinistra dalla terrazza del ristorante gourmet non vede più i poveri

Leggi tutto

Chiesa

Vescovo invita Papa,lui scherza:nel 2025 verrà Giovanni XXIV

“Ho invitato il Papa a visitare la città di Ragusa in occasione del settantacinquesimo anniversario della fondazione della Diocesi nel 2025. Il Santo Padre ha fatto un sorriso e un cenno di assenso e con una battuta mi ha risposto dicendo che nel 2025 sarà Giovanni XXIV a fare quella visita”.

Leggi tutto

Politica

Siria: dall’Ue 10 milioni di euro per le persone vulnerabili

L’obiettivo è fornire rapidamente cibo e alimenti e contribuire a una maggiore copertura da parte dei servizi medici essenziali

Leggi tutto

Storie

Vescovi: preghiere e solidarietà per il Brasile

In Brasile è salito a quasi 100 morti, di cui 8 bambini, e 34 dispersi il bilancio delle vittime delle piogge torrenziali che hanno colpito Petropolis, località turistica sulle colline a Nord di Rio de Janeiro. I vescovi si uniscono in preghiera ed esprimono vicinanza alle popolazioni colpite

Leggi tutto

Società

Nigeria: violenza senza fine

“Ma come si può predicare l’amore in un Paese dove la violenza è diventata una regola?” si chiede Monsignor Godfrey Igwebuike Onah, Vescovo di Nsukka, nello Stato di Enugu (Nigeria sud-orientale), dicendosi sconvolto per l’uccisione avvenuta il 12 maggio della giovane studentessa Deborah Samuel per mano di una folla inferocita che l’accusava di blasfemia nei confronti del Profeta Mohammed

Leggi tutto

Chiesa

Verso il Sinodo dei giovani

A Roma si preparano gruppi di lavoro e schemi, mentre in Svizzera sono i giovani stessi che si preparano in vista del sinodo, nel quale vorranno evidentemente dire la loro. Non manca (né mancherà) chi si prepara a chiedere le solite “aperture”, mentre all’ombra del Cupolone qualcuno auspica che gli stessi argomenti di discussione siano un po’ meno “calati dall’alto”…

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano