Chiesa

di la redazione

Votate chi promuove la famiglia di Dio e non alterata dall’ideologia gender

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Si è aperto un vero e proprio caso politico intorno al vescovo di Verona, monsignor Giuseppe Zenti. Pietra dello scandalo il suo invito, alla vigilia del ballottaggio fra Tommasi e Sboarina, a non votare chi promuove l’ideologia gender, l’aborto e l’eutanasia.

La lettera, datata 18 giugno, era inizialmente indirizzata ai soli presbiteri e diaconi della Diocesi di San Zeno. Ricordando come il «compito degli ordinati non è mai quello di schierarsi per un partito o per una persona», quindi partendo da un principio di non intromissione nelle bagarre elettorali da parte della Chisa, il vescovo Zenti ha poi parlato della necessita di «segnalare eventuali presenze o carenza di valori civili con radici cristiane».


Ad essere incriminati sono proprio alcuni di questi valori che, secondo monsignor Zenti, andrebbero riconosciuti e premiati elettoralmente: «È nostro dovere far coscienza a noi stessi e ai fedeli di individuare quali sensibilità e attenzioni sono riservate alla famiglia voluta di Dio e non alternata dall’ideologia del gender; al tema dell’aborto e dell’eutanasia». Un modo di vedere i temi etici e la famiglia naturale che evidentemente non piace alla sinistra.
Non si sono fatte attendere le reazioni piccate alle dichiarazioni di monsignor Zenti. C’è chi parla di «vescovo scadente e scaduto» o di «gravissima ingerenza». Attacchi scomposti che non arrivano solo da sinistra, ma anche dal forzista e grande escluso del ballottaggio, Flavio Tosi, che ha interpretato la vicenda nei termini di un tentativo di «radicalizzare lo scontro» e «fondarlo sull’ideologia più retriva». Che Forza Italia sia allo sbando lo sappiamo da tempo!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/06/2022
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Adesso pure la “locura” dell’eutanasia

Un gruppo di volti televisivi dai nomi altisonanti, sono stati utilizzati dai radicali dell’Associazione Luca Coscioni per un video che chiede l’approvazione della legge di iniziativa popolare che legalizzerebbe l’eutanasia depenalizzando la soppressione di malati che, a sentire Veronesi, avviene sistematicamente e silenziosamente negli ospedali italiani.

Leggi tutto

Storie

Santità, ma che Casina combinano al Pio IV?

È di questi giorni la notizia – rilanciata sia da Corrispondenza Romana che da La Nuova Bussola quotidiana – della partecipazione di Paul R. Ehrlich in un workshop che si terrà alla Casina Pio IV, dal titolo “Come salvare il mondo naturale da cui dipendiamo”, dal 27 Febbraio al 1 Marzo. Giustamente i sostenitori della vita nascente si sono subito messi in allarme. Ehrlich – per chi non lo sapesse – è autore, tra le altre pubblicazioni, di quel best seller intitolato The Population Bomb che, pur non essendosi rivelato un testo esattamente profetico, lo ha accreditato come esperto di fama mondiale su clima, ambiente, etc. Da allora il prof. non ha perso il vizio di essere profeta (?) di sventure perché – come si può leggere in un’intervista che ha concesso nell’Aprile dell’anno scorso allo svizzero Neue Zürcher Zeitung – prevede per la nostra civiltà il collasso in tempi brevissimi, massimo alcuni decenni. Come? La fantasia non gli manca: potrebbe avvenire a causa di una siccità, un’epidemia, una guerra atomica o, persino, un diluvio (?).

Leggi tutto

Società

Come in Inghilterra si finisce in carcere curando i propri malati

Qualcosa c’è nel sistema giuridico inglese di profondamente corrotto, dal punto di vista morale, dalla radice, tanto che i casi eclatanti che emergono sono solo i frutti di anni di avvelenamento e non possono essere dunque affrontati nella loro specificità, bensì inglobati in un giudizio più ampio, che dovrebbe spaventarci assai.

Leggi tutto

Politica

Sul tema del voto dei cattolici

La questione che io pongo, però, è: se tutti si trovano concordi sulla necessità di questa benedetta “spinta dal basso”, perché nessuno si adopera per organizzarla sul serio? Guardate, sarei curioso persino di vedere all’opera i nuovi comitati civici “escludenti” di Fontana, sono convinto che sarebbero però più efficaci le “sardine bianche” in qualche modo evocate dalla Morresi, ma ormai mi sta bene tutto, purché io veda i cattolici fare qualcosa di politicamente decente e non solo lamentarsi fino alla prossima sconfitta, quando si lamenteranno di nuovo e ancora di più.

Leggi tutto

Politica

Usa, il Ministero della Giustizia scende in campo contro la legge del Texas sull’aborto

Il Dipartimento di Giustizia americano presenta una mozione di emergenza per bloccare temporaneamente la legge sull’aborto del Texas, che vieta l’interruzione di gravidanza dopo sei settimane. Il ministro della Giustizia Merrick Garland aveva annunciato che il Dipartimento avrebbe presentato un’azione legale contro una legge definita “chiaramente incostituzionale”.

Leggi tutto

Politica

Austria:suicidio assistito e codice penale

Il presidente del Consiglio dei laici cattolici (KlrÖ), Wolfgang Mazal, e il presidente del Gruppo di lavoro delle associazioni cattoliche (Akv), Matthias Tschirf, criticano come inadeguata e criminale la protezione a chi partecipa al suicidio, secondo il disegno di legge del governo sulla regolamentazione legale del suicidio assistito.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano