Politica

di Giuseppe Udinov

Voto in Francia, Mélenchon: “La sconfitta di Macron è totale”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dalle elezioni legislative francesi emerge il successo netto della destra di Marine Le Pen. Il Rassemblement National è riuscito a decuplicare il numero di deputati: erano 8, mentre ora saranno fra 75 a 95. Un risultato che lancia la formazione come terza forza del Paese. “Siamo riusciti a eleggere un gruppo molto forte di deputati all’Assemblea, che d’ora in poi sarà ancora più nazionale. Sarà di gran lunga il più numeroso della storia della nostra famiglia politica”, ha commentato la Le Pen.

Mélenchon, arrivato terzo alle presidenziali, riesce a far diventare primo gruppo d’opposizione la coalizione delle sinistre Nupes (che include La France Insoumise, gli ecologisti, i comunisti e i socialisti), che ottiene fra 170 e 190 seggi. “La sconfitta” di Macron “è totale”, ha tuonato il leader della sinistra radicale, che non smette di sperare di poter governare.

Marine Le Pen con il suo Rassemblement National (RN) passa a ottenere un record di deputati. Secondo le proiezioni verrebbero eletti fra 75 e 95 deputati della sua formazione, numero che se venisse confermato supererebbe i 35 deputati dell’allora Front National eletti nel 1986 (e allora con il proporzionale). “Questo gruppo sarà di gran lunga il più numeroso nella storia della nostra famiglia politica”, ha commentato Le Pen, promettendo che incarnerà “un’opposizione ferma” ma “responsabile”.

I macronisti sono sotto shock e dovranno fare uno “sforzo di immaginazione” - parole del ministro Bruno Le Maire - per provare a mantenere il potere. La destra dei Républicains (64 deputati) al momento rifiuta un’alleanza strutturata. “Resteremo all’opposizione” ha promesso il segretario Christian Jacob. È anche un modo di alzare il prezzo: saranno giorni di negoziati e trattative serrate. La premier Elisabeth Borne ha commentato ieri il risultato parlando di “rischio per il Paese”, ma ha annunciato che con la “forza centrale” che la coalizione “Ensemble” il governo lavorerà su una “maggioranza per l’azione”, cercando “compromessi” che coinvolgano le “molteplici sensibilità” del nuovo emiciclo.

Nelle prossime ore Macron dovrà confermare la fiducia alla premier Elisabeth Borne, fare un rimpasto visto che alcuni ministri sono stati bocciati nelle urne e devono quindi dimettersi come previsto dalle regole interne. Il primo scoglio immediato sarà il discorso della premier davanti al nuovo parlamento il 5 luglio. La premier potrebbe non chiedere il voto dei deputati per evitare la bocciatura, ma sono alte le probabilità che l’opposizione presenti una mozione di sfiducia: a quel punto si va alla conta. Macron dovrà imparare la cultura del compromesso e a costruire maggioranze a geometrie variabili. Uno degli effetti di questa situazione è la parlamentarizzazione del sistema d’Oltralpe. I francesi, dicono a Parigi, stanno diventati un po’ italiani. In realtà, la Francia aveva già avuto un sistema parlamentare, era quello della Quarta Repubblica, giudicato troppo instabile per governare dal generale De Gaulle che lo aveva archiviato per passare al semi-presidenzialismo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/06/2022
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Lambert, e la sentenza dei medici

Si è pronunciato il team di medici indipendenti convocati dal tribunale amministrativo di Chalons-en-Champagne: Vincent Lambert non è migliorato, negli ultimi quattro anni, e anzi è lievemente peggiorato; tuttavia ciò di cui ha bisogno non configura accanimento terapeutico. Un pronunciamento salomonico che rimanda la palla al giudice. L’udienza è aggiornata per il 19 dicembre.

Leggi tutto

Storie

Francia: nuova episodio di violenza contro un sacerdote

L’aggressore è un individuo di nazionalità francese nato nel 1991 nella città di Frejus, vicino alla ‘capitale’ della Costa Azzurra. Il sacerdote è grave ma non in pericolo di vita, ha riferito il sindaco di Nizza, Christian Estrosi, parlando ai media all’esterno della chiesa di Saint Pierre d’Arene.

Leggi tutto

Storie

Anna mamma coraggio

Generalmente l’assistenza viene fornita nelle sedi dei CAMSP, strutture multidisciplinari dove diversi professionisti (neurologi, psicologi, psicomotricisti, logopedisti, fisioterapisti, ecc.) possono seguire direttamente i bambini. Solo nel caso in cui la famiglia del bambino disabile risieda troppo lontano da una sede del centro il CAMSP ricorre a professionisti esterni. Fino ad ora queste spese venivano rimborsate dalla Sécurité sociale. Ma ora in alcuni dipartimenti i rimborsi sono stati sospesi. «Questa evoluzione normativa, frutto di una interpretazione restrittiva dei testi legislativi, è legale dal punto sul piano formale. Ma ci sembra scandalosa se pensiamo che non si tratta di creare nuove voci di spesa», attacca Hartmann.

Leggi tutto

Politica

Fondi italiani per la Francia?

Che cosa ha deciso il Comint (Comitato interministeriale per le politiche relative allo spazio) sui fondi del Pnrr?. L’Agenzia spaziale europea (Esa) gestirà 1,3 miliardi di euro di fondi del Pnrr per lo spazio destinati all’Italia.

Leggi tutto

Politica

Crisi Italia-Francia

Alta tensione Italia-Francia sul tema migranti. L’Eliseo ha deciso di sospendere l’accoglienza prevista di 3.500 rifugiati attualmente nel nostro Paese. Lo ha annunciato il ministro dell’Interno francese Ge’rald Darmanin, chiedendo a tutti gli altri Paesi partecipanti al Meccanismo europeo, in particolare alla Germania, di fare altrettanto. Una decisione che arriva dopo il caso Ocean Viking: la nave con a bordo 231 migranti, “respinta” da Roma, approderà venerdì mattina al porto di Tolone.

Leggi tutto

Politica

I casi Englaro e Schiavo francesi fanno riflettere la politica

Anche i cugini d’Oltralpe hanno i loro problemi sul fine-vita, sebbene la legislazione vigente permetta il prodursi di casi-limite alla Terry Schiavo, cioè il noto caso di Vincent Lambert e il più recente della piccola Marwa Bouchenafa. Martedì prossimo si sentirà un’associazione per il “diritto alla vita”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano