Società

di la redazione

Nuoto, trans in lutto: “Stop a maschi biologici nelle categorie femminili”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Tempi duri per i nuotatori trans che speravano di far man bassa di premi gareggiando contro le donne, nonostante il loro Dna e corpo maschile: in un sussulto di lucidità mentale la Federazione internazionale di nuoto (Fina) ha infatti votato contro la possibilità alle atlete transgender di gareggiare nelle competizioni d’élite femminili. Impedendo così ai maschi biologici affetti da disforia di genere di distruggere i sogni, le speranze e gli anni di sacrifici delle donne o ragazze in gara. Da ora in poi, quindi, a nuotatori come Lia Thomas non sarà più permesso di competere ad armi clamorosamente impari contro le atlete biologicamente femmine.

Stando alle nuove direttive emanate, un nuotatore trans potrà accedere alle gare femminili unicamente se ha completato la transizione di genere entro i 12 anni di età. Eventualità che risulta attualmente non solo remota, ma anche orripilante, perché significherebbe consentire l’inizio del percorso di transizione a bambini di nemmeno dieci anni. La decisione è stata votata con il 71,5 per cento dei favorevoli da 152 membri della Fina. Prima della votazione la Fina si era consultata, in un incontro preliminare avvenuto o scorso novembre, con un gruppo scientifico composto da medici — con una netta prevalenza di endocrinologi — e da esperti di legge e di discriminazioni, producendo infine una nuova «politica di inclusione di genere» che entrerà in vigore oggi 20 giugno. «Il sesso biologico è un determinante chiave delle prestazioni atletiche», si legge nel documento, e «il divario che si crea in esse è dovuto anche alle differenze di sesso che emergono all’inizio della pubertà».

Ma le novità non finiscono qui: “il prossimo obiettivo della Fina sarà quello di istituire una nuova categoria per i nuotatori trans, e a tale scopo è in fase di creazione un gruppo di lavoro che nei prossimi 6 mesi sarà in grado di definirne le modalità. «Dobbiamo proteggere i diritti dei nostri atleti a competere, ma dobbiamo anche proteggere l’equità competitiva nei nostri eventi, in particolare la categoria femminile alle competizioni Fina», ha dichiarato il presidente della Fina Husain Al-Musallam. «Non voglio che a un atleta venga detto che non può competere ai massimi livelli», ha proseguito. «La creazione di una categoria aperta significherà che tutti avranno l’opportunità di competere a livello d’élite. Questo non è mai stato fatto prima, quindi la Fina dovrà aprire la strada».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/06/2022
0812/2022
Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Da Sanremo in lode di Mauro Coruzzi

Cantando al festival una canzone (brutta) pro ideologia gender, l’inventore di Platinette si è messo a nudo. Con risultati sorprendenti, forse pure per lui stesso.

Leggi tutto

Società

Fa ‘afafine, la favola gender fluid

Sta facendo scalpore lo spettacolo teatrale Fa’afafine – Mi chiamo Alex e sono un dinosauro di Giuliano Scarpinato

Leggi tutto

Società

I bambini sono grumi di cellule

.....questo discredito complessivo nei confronti di chi, con dolcezza e infinito tempo, porge orecchio e cuore a chi soffre o a chi si trova a dover scegliere che strada intraprendere, è assurdo e del tutto scorretto dal punto di vista dell’onestà intellettuale che ognuno di noi dovrebbe utilizzare quando si tratta di argomenti così delicati. E cosa significa, poi, affermare che coloro che soffrono sono state assistite male e sicuramente giudicate da chi possiede tabù socio-religiosi? Significa che tutte le donne che non soffrono hanno trovato chi ha detto loro che fanno bene a non soffrire, il che non è assistenza a un soggetto, ma è meramente un avvalorare un concetto aberrante: «Tu non sei capace di affrontare questo problema (la gravidanza), per cui ti aiutiamo noi che siamo molto più bravi», è un’accondiscendenza paternalistica, oserei dire patriarcale. Sì, uso questo termine chiave perché sono molte le donne femministe che oggi lo affermano chiaramente: aiutare la donna ad abortire, quand’ella lo farebbe solo per paura, è patriarcale. Assumersi l’onore di essere le salvatrici della donna, garantendo che solo grazie al loro intervento la donna risolverà tutti i problemi, è patriarcale. Regalare la pillola del giorno dopo a una minorenne di nascosto ai genitori, è patriarcale. Proprio ciò che la dottoressa XXX e le sue seguaci affermano di contrastare.

Leggi tutto

Media

La suora eroica del Myanmar tra le 100 donne del 2021

L’immagine di suor Ann Rose Nu Tawng che affrontava i militari per chiedere loro di non uccidere i manifestanti ha fatto il giro del mondo

Leggi tutto

Storie

Ciclisti trans nelle gare femminili dei Commonwealth Games

Un portavoce ha affermato che il nuovo regolamento “sarà in linea con i principi stabiliti nel quadro del CIO sull’equità, l’inclusione e la non discriminazione sulla base dell’identità di genere e dell’orientamento sessuale”.

Leggi tutto

Storie

Maltrattate per il peso

È finito sul tavolo del sostituto procuratore di Brescia Alessio Bernardi l’esposto di due giovani atlete bresciane di ginnastica ritmica che denunciano anni di presunti maltrattamenti psicologici.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano