Società

di la redazione

Nuoto, trans in lutto: “Stop a maschi biologici nelle categorie femminili”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Tempi duri per i nuotatori trans che speravano di far man bassa di premi gareggiando contro le donne, nonostante il loro Dna e corpo maschile: in un sussulto di lucidità mentale la Federazione internazionale di nuoto (Fina) ha infatti votato contro la possibilità alle atlete transgender di gareggiare nelle competizioni d’élite femminili. Impedendo così ai maschi biologici affetti da disforia di genere di distruggere i sogni, le speranze e gli anni di sacrifici delle donne o ragazze in gara. Da ora in poi, quindi, a nuotatori come Lia Thomas non sarà più permesso di competere ad armi clamorosamente impari contro le atlete biologicamente femmine.

Stando alle nuove direttive emanate, un nuotatore trans potrà accedere alle gare femminili unicamente se ha completato la transizione di genere entro i 12 anni di età. Eventualità che risulta attualmente non solo remota, ma anche orripilante, perché significherebbe consentire l’inizio del percorso di transizione a bambini di nemmeno dieci anni. La decisione è stata votata con il 71,5 per cento dei favorevoli da 152 membri della Fina. Prima della votazione la Fina si era consultata, in un incontro preliminare avvenuto o scorso novembre, con un gruppo scientifico composto da medici — con una netta prevalenza di endocrinologi — e da esperti di legge e di discriminazioni, producendo infine una nuova «politica di inclusione di genere» che entrerà in vigore oggi 20 giugno. «Il sesso biologico è un determinante chiave delle prestazioni atletiche», si legge nel documento, e «il divario che si crea in esse è dovuto anche alle differenze di sesso che emergono all’inizio della pubertà».

Ma le novità non finiscono qui: “il prossimo obiettivo della Fina sarà quello di istituire una nuova categoria per i nuotatori trans, e a tale scopo è in fase di creazione un gruppo di lavoro che nei prossimi 6 mesi sarà in grado di definirne le modalità. «Dobbiamo proteggere i diritti dei nostri atleti a competere, ma dobbiamo anche proteggere l’equità competitiva nei nostri eventi, in particolare la categoria femminile alle competizioni Fina», ha dichiarato il presidente della Fina Husain Al-Musallam. «Non voglio che a un atleta venga detto che non può competere ai massimi livelli», ha proseguito. «La creazione di una categoria aperta significherà che tutti avranno l’opportunità di competere a livello d’élite. Questo non è mai stato fatto prima, quindi la Fina dovrà aprire la strada».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/06/2022
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il gender imposto per sentenza

La Corte europea vuole dettarci le norme sul diritto di famiglia, ma anche Corte Suprema americana e Corte di Cassazione italiana violano la democrazia e sentenziano ideologicamente

Leggi tutto

Storie

San Paolo ed il gender

Durante un convegno di Gianfranco Amato e Silvana De Mari a Bagheria il professor Luciano Sesta, docente cattolico di antropologia filosofica e
bioetica all’Università di Palermo, ha voluto prendere la parola, dichiarando a sorpresa che a suo avviso il primo manifesto “gender” si troverebbe
nella lettera ai Galati di san Paolo. Si trattò di una provocazione, che però merita di essere sviscerata adeguatamente e in modo esaustivo

Leggi tutto

Società

Brian May contro il politicamente corretto ai Brit Awards

I Brit Awards 2022 saranno gender neutral, e Brian May non ci sta. “Anche Freddie sarebbe stato contrario”

Leggi tutto

Storie

Vercelli, calciatrice rifiuta di togliersi il velo

Calciatrice si è rifiutata di togliere il velo e l’arbitro ha fischiato la fine della partita. Le nuove polemiche giungono da Vercelli

Leggi tutto

Storie

Vaticano da medaglia anche nello sport

Per Athletica Vaticana un risultato inaspettato che riguarda Sara Carnicelli nei 5000 metri

Leggi tutto

Media

Vogliono dividerci, non caschiamoci

Si apre una stagione difficilissima, vorranno approvare il matrimonio gay e far trionfare l’ideologia gender nelle scuole e ovunque. I cattolici (e le testate cattoliche) non alimentino il germe della divisione interna. Noi de La Croce dichiariamo disarmo unilaterale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano