{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Papa al sinodo greco-melkita: non dimenticare il ‘dramma’ della Siria

Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa al sinodo greco-melkita: non dimenticare il ‘dramma’ della Siria

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I “drammi” che da mesi insanguinano l’Europa dell’est, con l’invasione russa dell’Ucraina, non devono far “dimenticare” quanto da 12 anni si consuma “nella vostra terra”. È quanto ha sottolineato oggi il papa, ricevendo in udienza in Vaticano i membri del sinodo della Chiesa patriarcale di Antiochia dei greco-melkiti che oggi celebrano la giornata di inizio dei lavori. Ringraziando il primate Youssef Absi, Francesco ha ricordato il pesante bombardamento occorso durante il primo anno di pontificato, in seguito al quale “abbiamo convocato una notte di preghiera” in san Pietro, con una “piazza piena” e in cui “c’erano anche dei musulmani”. E in quell’occasione è nata “l’espressione ‘Amata e martoriata Siria”. Migliaia di morti e feriti, milioni di rifugiati interni e all’estero, l’impossibilità - ha aggiunto - di avviare la necessaria ricostruzione”.

Tornando, come fatto più volte nel recente passato, su un conflitto dimenticato e scomparso dalle agende internazionali, il papa ha esortato a mantenere viva “l’ultima scintilla di speranza” che resta nel cuore e negli occhi di giovani e famiglie. “E rinnovo quindi l’appello - ha proseguito - a tutti coloro che hanno responsabilità, dentro il Paese e nella Comunità internazionale, perché si possa giungere ad una equa e giusta soluzione al dramma della Siria”.

I vertici della Chiesa greco-melkita sono a riuniti a Roma per il sinodo annuale sulle tombe dei santi Pietro e Paolo, la cui intercessione è necessaria perché in società “che si definiscono ‘liquide’, con legami leggeri che moltiplicano le solitudini e l’abbandono dei più fragili, la comunità cristiana abbia il coraggio di testimoniare il nome di Cristo” ha spiegato Francesco. Voi vescovi, prosegue, “siete chiamati a interrogarvi sul modo in cui, come Chiesa, portate la vostra testimonianza: eroica sì, generosa, ma sempre bisognosa di essere posta alla luce di Dio perché sia purificata e rinnovata” secondo il principio Ecclesia semper reformanda.

Il papa ricorda poi l’importanza di “vivere la comunione di preghiera e di intenti tra voi e con il Patriarca, tra i Vescovi e i presbiteri e i diaconi, con i religiosi e le religiose, e con i fedeli laici” che costituiscono il popolo di Dio. Il pontefice ha ricordato le giuste preoccupazioni “della sopravvivenza dei cristiani nel Medio Oriente” che egli stesso condivide “pienamente”. Al contempo guarda alla dimensione attuale della Chiesa Melkita che “ha una dimensione mondiale” dall’Australia e Oceania agli Stati Uniti, il Canada, il Sud America e la stessa Europa. “Questo aspetto - afferma il papa - rappresenta senza dubbio una sfida, ecclesiale ma anche culturale e sociale, non senza difficoltà e ostacoli. Al contempo è anche una grande occasione: quella di rimanere radicati nelle proprie tradizioni e origini, aprendovi però all’ascolto dei tempi e dei luoghi in cui siete disseminati, per rispondere a quello che il Signore chiede oggi alla vostra Chiesa”.

Sulla scelta dei vescovi, il pontefice invita a superare “ogni logica di partigianeria e di equilibri fra Ordini Religiosi di provenienza”, perché il solo criterio nella scelta sia quello di “far risplendere il volto della Chiesa tenendo lontane divisioni e mormorazioni“ che sono fonte di scandalo. “Su questo mi fermo: state attenti al chiacchiericcio. Se uno ha una cosa da dire all’altro, la dica in faccia, con carità, ma in faccia. Ma mai sparlare dell’altro con un altro [perché] è un tarlo che distrugge la Chiesa. Siamo coraggiosi. Guardiamo come Paolo ha detto in faccia a Giacomo tante cose. Anche a Pietro” Solo in questo modo, conclude il pontefice, “si fa l’unità, la vera unità”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/06/2022
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il Papa delle parole chiare

Il merito principale di Papa Francesco è quello di adottare un linguaggio privo di ambiguità

Leggi tutto

Chiesa

Ecologia integrale, non ambientalismo

La solenne apertura dell’Anno Santo della Misericordia è stata oscurata da una improvvida polemica sullo spettacolo illuminotecnico “Fiat lux”, proiettato sulla facciata della basilica vaticana. Al netto dell’amarezza per l’occasione sfumata nella solita chiacchiera da salotto, alcune considerazioni vanno però fatte

Leggi tutto

Chiesa

A 25 anni dal primo duro anatema alla mafia

Oggi la Chiesa agrigentina fa memoria del giubileo dalla visita di San Giovanni Paolo II. Arrivò e rimase nella Valle dei Templi l’8 e il 9 maggio 1993. Tutti ricordano monsignor Marini che tradisce una tensione stellare, alle spalle del roccioso pontefice slavo: oggi tutti i vescovi siciliani si ritroveranno alle 18:00 per una celebrazione eucaristica al Tempio della Concordia.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “No all’ideologia nella Chiesa”

Durante la Messa celebrata a Santa Marta, il Papa ha esortato a non concepire la fede con condizione. Le due figure della Chiesa, oggi: la Chiesa di quegli ideologi che si accovacciano nelle proprie ideologie, lì, e la Chiesa che fa vedere il Signore che si avvicina a tutte le realtà, che non ha schifo

Leggi tutto

Storie

ODE A DIEGO ARMANDO MARADONA

Ho letto che da qualche giorno, il 23 ottobre, Pelè ha compiuto ottant’anni e che tra qualche giorno, il 30 ottobre, Diego Armando Maradona ne compirà sessanta. Non so se avremo un’altra occasione con la cifra tonda per celebrarli entrambi in vita e non so neanche dire se sia più facile che Pelè non arrivi ai novanta che piuttosto Maradona non arrivi ai settanta. So per certo però che ora possiamo congratularci e sorridere con lor

Leggi tutto

Media

Padre Andrea Mandonico e il Premio Letterario su Charles de Foucauld

L’onorificenza al vice postulatore della causa di canonizzazione del religioso francese è per il volume edito dalla LEV “Mio Dio, come sei buono. La vita e il messaggio di Charles de Foucauld”. Mandonico sottolinea che “visse l’amicizia con i popoli del Sahara non a parole ma con la prossimità, stando anche in silenzio quando necessario, offrendo la propria vita nella piena carità evangelica”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano