Politica

di la redazione

Le forzature tipiche dei prepotenti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Mario Adinolfi interviene contro chi fa carta straccia delle promesse politiche prima del voto. A proposito del sostegno della Regione Umbria al Pride, parla di Tesei, come una di quei politici che tratta «gli impegni assunti come la carta del water». Fa riferimento alla firma del documento «solenne», durante la sua campagna elettorale, con il quale sottoscrisse valori e finalità delle associazioni che si richiamano alla famiglia tradizionale. Compresa quella di Mario Adinolfi, il Popolo della famiglia.

Ecco le parole di Mario Adinofi: “Provo un grande fastidio per il governatore leghista della Lombardia Attilio Fontana che illumina il Pirellone con i colori della lobby Lgbt, come per il governatore leghista dell’Umbria Donatella Tesei che in campagna elettorale per lucrare il consenso cattolico ha firmato sotto le telecamere un documento in cui si impegnava a “non sostenere l’ideologia gender” e ora alla prima occasione regala soldi delle famiglie umbre con il patrocinio della Regione al Gay Pride di Perugia che si tiene ancora una volta insieme a tante altre sfilate arcobaleno in giro per l’Italia nel sabato del silenzio elettorale. La capacità intimidatoria della lobby Lgbt ha piegato subito la fragile coerenza di Donatella Tesei, il che dimostra due semplici concetti: il primo è che quei documenti che alcune frange cattoliche si ostinano a far firmare ai candidati (lo dicemmo allora, lo ripetiamo oggi) sono carta da cesso, di cui i candidati fanno il conseguente uso una volta incassati i voti cattolici; il secondo è che votare il partito di Salvini che sventola i rosari e poi fa il governo con il M5S, addirittura col Pd, vota per i green pass rafforzati e le armi all’Ucraina, addirittura ora si mette a finanziare con soldi pubblici i Gay Pride, mi sembra davvero un modo poco utile di impiegare il voto cattolico.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/06/2022
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Le ragioni del voto di Domenica

PERCHE’ UN “RENZIANO DELLA PRIMA ORA” DEVE VOTARE NO

Leggi tutto

Politica

Sylviane Agacinsky sfida Emmanuel Macron sull’utero in affitto

La Francia si appresta al primo turno di voto alle presidenziali. Certa l’uscita dell’attuale presidente socialista Francois Hollande che lascia con il minimo storico dei consensi, ai suoi eredi il compito di risanare l’economia francese e soprattutto di annientare il terrorismo islamico

Leggi tutto

Politica

La 5 ragioni per votate PDF a Roma X (e non solo)

Ci sono cinque ragioni fondamentali per votare domenica per il Popolo della Famiglia, facendo una croce sul nostro bellissimo simbolo e vado ad elencarle. Mutatis mutandis, sono ragioni valide non solo al municipio Roma X, ma credo valide per motivare il voto al Pdf in ogni contrada d’Italia anche alle prossime politiche.

Leggi tutto

Politica

Cattolici: quantità e qualità

I due studi più recenti (Ipsos e Eurispes) concordano su un dato: si definiscono “cattolici” oltre il 70% degli italiani, per Ipsos sono il 74.4%, per Eurispes il 71.1%. Stiamo parlando di circa 45 milioni di persone, una enormità. E infatti se andiamo a cercare i dati sulla pratica religiosa, i cattolici praticanti, quelli che vanno alla messa domenicale sono molti di meno: circa un quarto degli italiani. Ipsos fa una interessante distinzione: l’11.2% lo definisce “cattolico impegnato”, cioè va a messa ed è attivo in parrocchia o nell’associazionismo; poi c’è un 15.8% di “assidui scarsamente impegnati” che dunque vanno a messa una o due volte al mese o anche tutte le settimane ma comunque non avvertono un coinvolgimento né nella dimensione ecclesiale né nell’associazionismo. Il rapporto Ipsos è del novembre 2017, dunque i dati sono recentissimi e sembrano fotografare una condizione di realtà. Volendo fare riferimento ai soli cattolici impegnati, stiamo parlando comunque di un popolo di poco inferiore ai sette milioni di italiani.

Leggi tutto

Politica

Dite addio al centrodestra

In Abruzzo la Lega ha vinto con Marsilio, candidato FdI, ma la trazione della coalizione è stata completamente leghista (per più di due terzi dei voti totali): si rivela vincente, per il momento, la strategia salviniana di emanciparsi dall’egida berlusconiana. Forza Italia si sta prosciugando voto dopo voto e si apre al centro uno spazio per l’elettorato di centro, specie quello cattolico.

Leggi tutto

Politica

Nel segno della resistenza alla deriva eutanasica la IV festa de La Croce da domani a Pomezia

SUICIDIO ASSISTITO: PDF, “PER I CRISTIANI E’ L’ORA DELLA RESISTENZA”. LA 4a FESTA NAZIONALE DE LA CROCE DA DOMANI 27/9 A POMEZIA (RM)

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano