Società

di Nathan Algren

PAKISTAN - Diritti delle minoranze

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Il governo federale e quelli provinciali hanno attuato ben poche raccomandazioni del noto pronunciamento della Corte Suprema del 19 giugno 2014 sui diritti delle minoranze religiose. Questo accade a causa della mancanza di buon governo, dell’indifferenza nei confronti dei diritti umani e della situazione delle minoranze. E’ urgente che i governi si adoperino per mettere in pratica la storica sentenza”: è quanto dice all’Agenzia Fides il leader cattolico Peter Jacob, direttore del “Center for Social Justice” (CSJ), organizzazione della società civile pakistana impegnata sul fronte della promozione dei diritti.

In una conferenza organizzata il 18 giugno a Lahore, Jacob ha notato: “Secondo quanto accertato dal CSJ, un collegio della Corte Suprema ha condotto 28 udienze di follow-up che hanno inviato ai governi federale e provinciali 80 ordinanze supplementari al fine di attuare gli ordini originari emessi nel 2014”.

I relatori della conferenza, organizzata dal CSJ nell’8° anniversario del pronunciamento della Corte sui diritti delle minoranze, si sono rammaricati per il fatto che l’attuazione sia stata in gran parte mancata. E hanno esortato il governo a rispettare le direttive emesse il 19 giugno 2014 dall’allora Presidente della Corte Suprema del Pakistan, Tassaduq Hussain Jillani. I relatori hanno inoltre sottolineato che la apposita Commissione creata dalla Corte suprema ha svolto un’opera lodevole e ha presentato 11 rapporti alla Corte, relazionando sulle attività e le sfide relative all’osservanza del verdetto.

Nasira Iqbal, giudice in pensione, ha dichiarato: “Sono passati otto anni dall’emanazione di quel pronunciamento e stiamo ancora aspettando la sua attuazione. È responsabilità del governo attuare gli ordini dei tribunali e affrontare gravi problemi che le minoranze incontrano in Pakistan. La sentenza sottolinea l’uguaglianza dei diritti per tutti i cittadini, indipendentemente dalla fede, pertanto il governo deve sviluppare programmi di studio inclusivi e tolleranti per tutti, come disposto dal tribunale”.

Saroop Ijaz, leader laico e attivista, ha affermato: “Le direttive della sentenza storica avevano il potenziale di compiere una riforma di ampia portata, per contribuire al progresso della libertà religiosa e alla costruzione di una società armoniosa. Ma i governi federale e provinciali non hanno colto l’opportunità per realizzare l’uguaglianza dei diritti e il rispetto della diversità etica e religiosa in Pakistan”. E ha osservato: “Questo può essere dovuto a una mancanza di capacità politica o alla mancanza di volontà istituzionale del governo”.
Come ha ricordato l’avvocato Saqib Jillani, la Costituzione del Pakistan garantisce a tutti i cittadini, senza alcuna discriminazione, le libertà fondamentali come la libertà di professare la religione e di gestire le istituzioni religiose, e il diritto di uguaglianza per tutti i cittadini. Jillani ha sottolineato: “I governi federale e provinciale dovrebbero adempiere alle loro responsabilità costituzionali, affrontando le lacune nella governance e attuando le misure per promuovere e proteggere efficacemente i diritti delle minoranze”.

Intervenendo alla conferenza, la cattolica Michelle Chaudhry, Presidente della “Cecil e Iris Chaudhry Foundation”, ha notato: “La Commissione nazionale per le minoranze e la task force sulle minoranze, costituite attraverso notifiche e risoluzioni nel maggio 2020 e nel giugno 2022, sono state utili a rappresentare la piena osservanza dovuta alle disposizioni del tribunale, ma finora si è registrato un totale disinteresse verso i contenuti del verdetto emesso dalla Corte”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/06/2022
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Spiegare a Vauro ciò che non gli è chiaro

Il guaio grosso è che i genitori sostengono che l’ospedale menta sulle reali condizioni del bambino, quindi dalle cartelle cliniche non c’è da aspettarsi grandi novità: non ci vuole molto a ritoccare la misura della circonferenza cranica, ad esempio, per dimostrare che Charlie non è cresciuto negli ultimi mesi. *Marwa** *Bouchenafa tre mesi fa si è trovata in una situazione del tutto analoga a quella di Charlie: i dottori francesi volevano sospenderle la ventilazione e i genitori invece volevano mantenerla e, per il momento, è ancora viva grazie ad una decisione (sempre in bilico) dei giudici francesi. La sua famiglia, quando ha visto che aria tirava in ospedale, ha cominciato a presidiare la stanza e a filmare ogni giorno la piccola, a misurarla per conto proprio, cioè a radunare evidenze scientifiche sul suo stato di salute indipendenti dall’ospedale. E grazie a questo lavoro meticoloso sono riusciti a strappare ai giudici la sentenza favorevole.

Leggi tutto

Chiesa

PERCHÉ TUTTO IL MONDO VA DIETRO A CHIARA CORBELLA

La diocesi di Roma ha pubblicato l’Editto in cui si annuncia l’apertura della causa della giovane morta nel 2012 dopo aver rimandato le cure di un tumore per portare avanti una gravidanza.

Leggi tutto

Società

PAKISTAN - Il governo riconosce i servizi delle scuole cattoliche

Rafiah Mallah, vicedirettore del ministero per l’ufficio che sovrintende delle scuole private nel Sindh, ha dichiarato: “Rendiamo omaggio alle scuole missionarie per aver impartito un’istruzione di eccellenza, contribuendo al futuro della nostra nazione con la massima sincerità e dedizione e per aver fornito pari opportunità opportunità di apprendimento per bambini di diversa estrazione etnica e religiosa con grande amore e cura”.

Leggi tutto

Società

Alla commissione etica delle Marche

La piaga della denatalità rende infatti insostenibili i costi del welfare: sanità, cura degli inguaribili, assistenza ai disabili gravi diventano attività troppo costose e dunque si procede a inoculare nel Paese una cultura di morte, l’idea che sia utile per tutti che il sofferente decida di eliminarsi in una logica hitleriana per nulla coperta da una falsa autodeterminazione. Il tutto senza una legge che consenta tutto ciò, imponendo dunque questa cultura saltando a piè pari il passaggio parlamentare.

Leggi tutto

Società

Gran Bretagna: due sentenze pro cristiani discriminati

L’infermiera di un ospedale pubblico è libera di portare il crocifisso al collo. I pasticcieri hanno diritto di non scrivere frasi inneggianti alle nozze gay. Due sentenze, una del tribunale del lavoro di Londra e l’altra della Corte Europea dei Diritti Umani

Leggi tutto

Media

Netflix Italia celebra l’utero in affitto

La pellicola, di Marco Puccioni e Luca De Bei, ha come protagonisti una coppia di uomini che hanno avuto un bambino grazie al ricorso all’utero in affitto e, come viene dichiaratamente espresso anche nello stesso trailer, il film fa passare un messaggio “positivo” nel far uso di questa abominevole pratica.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano