Storie

di Nathan Algren

Cina, l’app di tracciamento Covid silenzia una protesta

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

I timori di un utilizzo politico e per fini di controllo sociale degli strumenti digitali di contrasto al coronavirus da tempo agitano il dibattito, frettolosamente rubricato come «narrazione complottista» da intellettuali e politici; ma in realtà green pass, sistemi di scansione di documenti e app di tracciamento stanno dimostrando, specie in Cina, tutta la loro pericolosità.

Una vicenda agghiacciante ci arriva da Zhengzhou, capoluogo della Regione di Henan, dove da giorni infuria un virulento scandalo bancario. La banca commerciale Xuchangm, sotto inchiesta per corruzione che ha riguardato i propri manager, è divenuta oggetto di forti proteste da parte dei correntisti e dei loro parenti. E’ stata anche organizzata una manifestazione di protesta ed è qui che scattano i problemi connessi ai sistemi digitali di lotta al virus. Infatti i manifestanti, radunatisi per protestare contro il blocco dei loro conti, hanno visto i loro codici sanitari della app cinese di tracciamento Alipay Health Code, divenire rossi, un autentico incubo come ben sa qualunque cinese. Infatti il «rosso», che segnala un contatto con un soggetto positivo, prelude all’inferno dell’isolamento totale e del lockdown duro.

Tutti i manifestanti sono stati quindi portati via e posti in isolamento per 14 giorni. E’ forte il sospetto che le autorità abbiano utilizzato in chiave politica l’app di tracciamento per tacitare uno scandalo enorme: le persone coinvolte sono centinaia di migliaia, il valore dei conti congelati è pari a 39 miliardi di yuan, equivalenti a sei miliardi di dollari.

Il sospetto dell’uso strumentale è emerso dopo il fermo e le dichiarazioni del signor Tom Zhang, un manifestante proprietario di una azienda tessile che è stato bloccato dalla polizia e isolato in una biblioteca per ben dodici ore. Il codice della sua app è diventato rosso mentre era su un treno proveniente da una città dove non si registrano casi di positività al covid. «Il codice rosso è stato sicuramente utilizzato per limitare noi correntisti», afferma Zhang in un’intervista. Lui e molte altre centinaia di manifestanti volevano proporre reclamo all’autorità bancaria di regolazione per lo scandalo di cui sono stati vittime. Dopo essere stato rilasciato e fatto tornare all’aeroporto, il codice della sua app ha fatto registrare il colore verde.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/06/2022
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Nazisti eccome

Sarà il caso di portare a conoscenza di lorsignori il caso su cui di discute in queste ore in Gran Bretagna. Connie Yates e Chris Gard sono due giovani genitori poco più che trentenni, il 4 agosto 2016 è nato il loro primo figlio, Charlie. Un bambino in buona salute che però dopo otto settimane di vita ha cominciato a perdere peso e si è scoperto affetto da una rara sindrome mitocondriale, che lo condanna alla disabilità. L’ospedale che lo ha in cura si è rivolto alla magistratura britannica per chiedere l’uccisione del bambino, ovviamente i genitori si sono ribellati e hanno avuto la forza di parlare davanti alle telecamere della BBC, di spiegare che Charlie interagisce con loro e apre gli occhi e la bocca e “non sembra affatto soffrire”. Si ribellano alla decisione dell’ospedale e pretendono che i giudici non emettano una condanna a morte per Charlie. La BBC ha esposto la vicenda in modo chiaro ed è stata inondata di messaggi di solidarietà per i genitori, contro le posizioni dei medici che hanno però ribadito l’intenzione di andare davanti ai giudici per chiedere la soppressione di Charlie.

Leggi tutto

Politica

Cop26:a Glasgow regna l’incertezza

La 26 a conferenza delle Nazione Unite sul clima, la Cop26 si sta svolgendo dal 31 ottobre scorso al 12 novembre a Glasgow. I paesi presenti alla Cop 26 hanno certo ribadito la loro intenzione di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi. Tuttavia c’è una spaccatura innegabile tra, da una parte i paesi favorevoli all’eliminazione progressiva delle fonti fossili e dall’altra parte chi vorrebbe limitare il taglio dei gas serra.

Leggi tutto

Politica

Vaccini tra obbligo e raccomandazione

La Legge 25 febbraio 1992 n. 210 prevede un meccanismo indennitario per l’ipotesi di danni a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni o somministrazioni di emoderivati; in particolare prevede un indennizzo da parte dello Stato a fronte di ogni menomazione permanente dell’integrità psico fisica conseguente ad una vaccinazione obbligatoria.

Leggi tutto

Storie

Suor Deirdre ottiene l’esenzione dal vaccino per motivazione ineccepibile

Ecco dunque dagli Stati Uniti arrivano ulteriori notizie incoraggianti che danno ragione a una suora molto speciale.

Leggi tutto

Politica

Perchè non servono le piazze piene

Lo andiamo dicendo da settimane senza essere purtroppo ascoltati: se non saremo capaci di evitare lo scontro violento su come potremo uscire dalla pandemia saremo complici di una deriva inarrestabile che porterà il paese a lacerarsi inesorabilmente. La vera questione in gioco non è il green pass e nemmeno i vaccini: in ballo c’è il modello di società e stato che siamo disposti a ricostruire dalle macerie umane ed economiche prodotte dalla pandemia

Leggi tutto

Società

I disabili dicono “no” al Super Green Pass:

Il Movimento Genitori Lombardia, che riunisce oltre 400 nuclei familiari nella Regione con figli disabili – per la prevalenza autistici, con gravi intolleranze alimentari e malattie croniche rare, dice NO agli obblighi previsti per il personale ATA e docenti, che comprende gli insegnanti di sostegno, in quanto le restrizioni del super green pass per l’accesso alle strutture scolastiche rischierebbero di lasciare senza assistenza nel loro percorso scolastico i bambini e i giovani con grosse difficoltà di apprendimento a seguito di sospensioni e/o abbandono degli incarichi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano