Storie

di Nathan Algren

India - Cristiani in piazza per difendere la chiesa di Tawang

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Forum cristiano dell’Arunachal Pradesh (ACF) ha organizzato una marcia di protesta e manifestazioni in tutto lo Stato per chiedere che venga risolta la questione della chiesa di Tawang, in un distretto dominato dalla comunità buddhista Monpa. Nell’ottobre 2020 le autorità locali di questo Stato nord-orientale dell’India dove vive una folta comunità cristiana (circa il 30% della popolazione dell’Arunachal Pradesh) hanno infatti bloccato la costruzione definendola “illegale”.

A sollevare la questione erano stati due gruppi locali: l’Indigenous Faith and Cultural Society of Arunachal Pradesh e la Monpa Mimang Tsogpa. Le autorità locali avrebbero constatato l’assenza dei permessi in forza della quale hanno arrestato il pastore locale, poi rilasciato su cauzione. Ma i cristiani di Tawang rispondono che una chiesa si trova su quel terreno dal 1999 e che avevano iniziato a ricostruirla nel 2015 dopo che il dipartimento interessato “ha ignorato la nostra richiesta di assegnazione avviata nel 2003”.

Il 23 maggio un comitato locale aveva espresso il suo verdetto chiedendo l’applicazione rigorosa della politica sulle strutture religiose non autorizzate, che prevede la rimozione e il trasferimento. “Abbiamo chiesto una soluzione adeguata della questione – ribatte il presidente del Forum cristiano dell’Arunachal Pradesh, Toko Teki - ma le raccomandazioni della commissione istituita dal governo statale non sono accettabili. Come può la nostra comunità cristiana trasferire la chiesa entro sei mesi se a Tawang non esiste nemmeno un terreno designato?”.

“La mancanza di risposte a livello statale – conclude Toko Teki - ci ha portato a organizzare un movimento di massa, deciso all’unanimità dai rappresentanti di tutte le confessioni cristiane”. I manifestanti si sono detti pronti a portare la questione in tribunale se il governo non risponderà alle loro richieste.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/06/2022
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

L’Argentina e l’aborto

Sembra provvidenziale questa retiterata volontà del Presidente argentino Macri di impedire la legalizzazione dell’aborto nel Paese sudamericano. Infatti, negli stessi giorni in cui il Capo di Gabinetto del Presidente della Repubblica Marcos Peña dichiara ufficialmente che, la depenalizzazione dell’omicidio del concepito nel grembo materno, «non è nei programmi» del Governo (cfr. Marcos Peña: “No está en agenda avanzar” con la legalización del aborto, “La Nación”, 22 de noviembre de 2016), il Nobel per la Letteratura Daniel Mantovani (“El ciudadano ilustre”), descrive un Paese alla ricerca delle proprie «radici europee» e «di una forte e coesiva identità nazionale» (cit. in L’Argentina, un Nobel in ritardo e la ricerca dell’identità nazionale, “Il Corriere della Sera”, 23 novembre 2016, p. 41). E quali possono essere queste “radici europee” se non quelle dell’umanesimo cristiano? Nella vigente Costituzione argentina del resto il Parlamento è chiamato fra l’altro a «dettare un regime di sicurezza sociale speciale» per il bambino anche «durante la gravidanza» (art. 75, co. 23). Per l’ordinamento nazionale appunto l’aborto è ammesso solo in caso di pericolo di vita, stupro o grave pregiudizio per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

Chiesa

Summorum pontificum: dieci anni dopo

È stato uno dei provvedimenti più discussi e avversati del pontificato ratzingeriano: dal punto di vista canonico, dal punto di vista teologico e liturgico, diverse obiezioni si erano levate vibranti. Poi è seguita l’applicazione, e ora il tempo per una prima ricognizione sembra maturo: il cardinal Sarah ha impreziosito un dossier per comprendere questa “opportuna restaurazione”

Leggi tutto

Chiesa

Il profilo del politico che vuole il Vaticano

Due interventi ravvicinati, nei giorni immediatamente successivi al varo del “Biotestamento” danno un sensibile segnale dalla Chiesa

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco prepara l’incontro con il sultano

Svariati commentatori – anche alcuni amici – hanno voluto vedere nel logo che annuncia i preparativi per il prossimo viaggio di Papa Francesco in Marocco un cedimento sostanziale della pretesa cristiana di fronte a quella musulmana.

Leggi tutto

Chiesa

Monsignor Paolo Giulietti e la Fede ai tempi del Coronavirus

La tutela della salute, infatti, è senza dubbio un bene primario, per il quale è giusto fare delle rinunce. Mi domando però se una società possa considerare irrilevante o marginale ciò che alimenta il “capitale morale” della nazione (e i riti religiosi sono certamente un elemento importante da questo punto di vista). Il senso del dovere e del sacrificio non sono innati, ma sono il frutto di esperienze educative e spirituali alle quali debbono continuare ad alimentarsi, pena il dilagare di quegli atteggiamenti di irresponsabilità ed egoismo che hanno sicuramente aggravato la crisi.

Leggi tutto

Chiesa

Il Sinodo in ascolto dei fedeli

La Segreteria generale vaticana diffonde il Documento preparatorio e il Vademecum per orientare il cammino del Sinodo sulla sinodalità, che sarà aperto il 9-10 ottobre

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano