Storie

di Roberto Signori

Nigeria - Nuovo attacco in una chiesa cattolica

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Almeno tre morti e una quarantina di persone rapite. È il bilancio dell’assalto contro i fedeli della chiesa cattolica di St. Moses, Robuh, nello Stato di Kaduna, avvenuto nella giornata di domenica 19 giugno. Il commando terroristico, riferisce l’agenzia Fides, ha assalito i fedeli durante la Messa del mattino. Nel corso della sparatoria, tre persone sono rimaste uccise mentre altre hanno riportato ferite di diversa gravità. Sono state tutte portate d’urgenza in ospedale. Una quarantina di persone mancano all’appello. Si ritiene che siano state rapite dai banditi.

Secondo fonti ufficiali il commando, composto da diversi uomini armati, è giunto in moto ed ha preso d’assalto diversi villaggi, a partire da Ungwan Fada. Nel villaggio di Robuh, sono stati compiuti drammatici attacchi contro i fedeli nella chiesa battista di Maranatha e nella chiesa cattolica di San Mosè. Il villaggio di Robuh, ricorda l’agenzia Fides, era già stato assalito il 5 gennaio di quest’anno e il 27 aprile del 2020. Per questo motivo sia i fedeli della chiesa cattolica sia quelli di quella metodista avevano deciso di tenere le funzioni religiose domenicali alle 7 del mattino, in modo da permettere ai partecipanti di ritornare al più presto a casa. Nella domenica del 19 giugno gli assalitori hanno sferrato l’attacco poco dopo le 7 del mattino. Il Paese africano è scosso, da diversi mesi, da tragici attacchi. Domenica 5 giugno una quarantina di fedeli hanno perso la vita nell’assalto alla chiesa di San Francesco Saverio di Owo, nello Stato di Ondo, nel sud-ovest della Nigeria.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/06/2022
2806/2022
Sant'Ireneo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Aborto, Chiesa e misericordia

Si è scatenato un polverone mediatico che riduce la Lettera apostolica di Papa Francesco alla
(presunta) abolizione del peccato di aborto. Nella scia di questa declinazione disonesta si sono
inseriti gli opportunismi politici e culturali di Monica Cirinnà e Roberto Saviano. La Lettera rischia
di essere vanificata dalle consuete dinamiche propagandistiche. Attacco all’obiezione di coscienza

Leggi tutto

Storie

Prete coraggio

Mercoledì notte a Reggio Calabria: un gruppo di 7 giovani ha aggredito un anziano sacerdote cardiopatico, Don Giorgio Costantino, che ora è in coma all’ospedale e rischia la vita. L’autodemolizione
dell’Occidente continua nel tradimento delle nuove generazioni, cui si nega Dio, patria e famiglia. E questi sono i risultati, coerenti con il disprezzo della vita umana e con l’immoralità

Leggi tutto

Chiesa

Obbedienza e virtù

La nostra civiltà complessa è fatta di corpi intermedi che si reggono sul principio di autorità. E ciò esige che le decisioni siano centralizzate, e che la struttura organizzativa abbia una funzione esecutiva. Ma per eseguire non occorre pensare. Per fabbricare bombe al fosforo non occorre pensare. Basta eseguire i compiti assegnati. Sicché, se Eichmann fu colpevole, furono colpevoli allo stesso modo tutti coloro che resero possibili, con la loro obbedienza acritica, quelli e/o altri crimini.

Leggi tutto

Media

IMMORTALE ODIUM, IL LATO OSCURO DEL RISORGIMENTO

Nuova edizione del romanzo storico di Rino Cammilleri dedicato all’impresa nefasta dei massoni ottocenteschi di buttare nel Tevere la salma di Pio IX. Il libro torna in questi giorni nelle librerie con una nuova edizione e con un sottotitolo che è tutto un programma: “Una catena di delitti una setta misteriosa un complotto infernale”

Leggi tutto

Chiesa

Tre martiri e 7 venerabili verso gli Altari

Pilar Gullón Yturriaga e le sue due compagne, Octavia e Olga, furono socie di Azione Cattolica, Figlie di Maria e membri delle Conferenze di san Vincenzo. Uccise in odium fidei nel 1936

Leggi tutto

Politica

IL PDF TRA NUOVI ELETTI E NUOVE GRANDI SFIDE

La nostra sfida per un progetto politico autonomo di ispirazione cristiana che cresce e va al governo delle comunità si sposta da qui a otto mesi alle elezioni nelle grandi città  del maggio 2021. Siamo un popolo, non ci faremo trovare impreparati. Dovremo affrontare due settimane dei ballottaggi importanti in cui saremo protagonisti grazie ai risultati ottenuti a Chieti (0,6%) ma soprattutto a Matera (3,5%) e Castrovillari (11,1%). Non solo, tra due settimane il Popolo della Famiglia torna in campo anche per il primo turno delle amministrative siciliane ad Agrigento, a Tremestieri ed a Mislimeri

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano