Storie

di Nathan Algren

Vietnam - Nuove persecuzioni contro i cristiani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nuovo caso di violazione alla libertà religiosa in Vietnam che vede protagonista una famiglia Hmong, minoranza oggetto di persecuzioni del governo comunista di Hanoi. Fonti locali, rilanciate da Radio Free Asia (Rfa), riferiscono che una famiglia di 13 persone della provincia di Nghe An (nel nord) è oggetto di attacchi delle autorità locali per motivi di fede. Di fronte al rifiuto dei genitori di abbandonare il cristianesimo (protestante), gli amministratori locali hanno rifiutato di redigere il certificato di nascita di uno dei figli minacciandoli di espulsione.

Il 15 giugno scorso il 26enne Xong Ba Thong, del comune di Na Ngoi, nel distretto di Ky Son, ha inviato un rapporto alla Chiesa evangelica del Vietnam, in cui denuncia persecuzioni e violenze cui è oggetto la famiglia nel villaggio di Ka Bottom. Da generazioni essi vivono nell’area, seguendo a lungo la tradizione animista locale. Nel 2017 la decisione di convertirsi - in modo libero e volontario - al protestantesimo, dopo aver ascoltato alcuni programmi religiosi radiofonici.

Gli attacchi sono iniziati nel 2019, con la richiesta di abbandonare il cristianesimo e tornare al culto tradizionale. Tuttavia, i familiari hanno deciso di continuare il cammino di fede e nell’aprile scorso è arrivata la richiesta di ingresso ufficiale all’interno della comunità evangelica, innescando una ulteriore stretta con visite e pressioni continue da parte di funzionari locali. Le autorità comunali hanno disposto inoltre misure punitive come la confisca di alcuni attrezzi agricoli, fra i quali un aratro, e parte del legname che sarebbe servito per costruire una casa. E la famiglia, pur avendo oltre un ettaro di risaie, non ha mai voluto avviare la coltivazione nel timore di ritorsioni e minacce, lasciandolo incolto e abbandonato. Di recente il governo locale ha anche tagliato l’elettricità alla casa per più di una settimana.

Un pastore protestante nella provincia di Lao Cai, al momento rifugiato in Thailandia, definisce “comune” la pratica di espellere protestanti Hmong dal Paese a causa della loro fede. “Casi come questo accadono di frequente - sottolinea - e succedono da molti anni”. Il pastore aggiunge che le famiglie che non abbandonano l’area dopo il decreto di espulsione faticano a sopravvivere, per mancanza di sussidi e ostacoli diffusi. Sono molti i casi di bambini a cui non viene concesso il certificato di nascita, privandoli di fatto di assistenza medico-sanitaria in caso di bisogno. Anche questo è uno dei motivi che spinge diversi Hmong vietnamiti a emigrare oltreconfine in Thailandia, in cerca di asilo e riparo. Per Vu Quoc Dung, direttore esecutivo di Veto!, ong che monitora la libertà religiosa in Vietnam, questo “è un caso di palese violazione dei diritti umani”.

I Hmong vivono in numero significativo in Cina (circa 9 milioni), Laos (quasi 600mila), Thailandia (circa 250mila) e Stati Uniti (più di 260mila). Secondo i dati ufficiali, nel 2009 in Vietnam vi erano oltre un milione di tribali appartenenti al gruppo etnico. I membri della comunità sono spesso vittime di persecuzione e discriminazioni da parte del governo comunista perché ai tempi della guerra hanno combattuto al fianco degli Stati Uniti. Secondo recenti stime di organizzazioni internazionali operative sul territorio, almeno 300mila tra i Hmong vietnamiti sono cristiani.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/06/2022
0610/2022
S. Bruno

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Yangon, guerra civile: 100 edifici religiosi distrutti

A essere colpiti chiese e monasteri buddisti. L’esercito non riesce a prevalere negli Stati Chin e Kayah a causa della resistenza della popolazione. Nei giorni scorsi bombardati anche obiettivi civili nel Kayin

Leggi tutto

Chiesa

Le significativamente poco conosciute classi sociali odierne

La storia ha ampiamente dimostrato che il risultato non è la liberazione del popolo condotto da questi illuminati. Si forma invece un vasto apparato che tende a controllare tutti i punti sensibili di vario potere. Dunque codici, parole d’ordine, che teleguidano automaticamente i soggetti del sistema. I quali ne ricavano lavoro, prestigio, disinteressandosi di una ricerca personale e comunitaria del vero.

Leggi tutto

Storie

Il buddhismo e la crisi in Thailandia

Le trasformazioni del Paese ma anche i comportamenti opinabili di diversi esponenti religiosi ha ridotto sensibilmente il numero dei giovani che entrano in monastero entro i 20 anni

Leggi tutto

Politica

Myanmar: appello per la libertà religiosa

ll Dr. Sasa, ministro dell’esecutivo di unità nazionale, chiede la fine delle atrocità dei militari golpisti contro i civili e i luoghi di culto

Leggi tutto

Storie

USA. Abortisti vandalizzano chiese e centri pro life

Non si placa la violenza dei gruppi pro-aborto negli Stati Uniti. Almeno 76 edifici, tra chiese e centri pro-vita, sono stati infatti oggetto di incendi dolosi e atti di vandalismo dal mese di maggio a oggi, ovvero da quando è trapelata la notizia che la Corte Suprema degli Stati Uniti avrebbe ribaltato la sentenza Roe vs. Wade.

Leggi tutto

Storie

ETIOPIA - Il paese nella morsa dei terroristi

L’atroce conflitto in corso in Tigray prosegue nelle modalità peggiori. Dopo una breve tregua, i combattimenti sono ripresi il 24 agosto, e si stanno espandendo rapidamente

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano