Politica

di la redazione

Comune di Roma. Marea di soldi a Lgbt

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

A soli quattro giorni di distanza dal Gay Pride, il Comune di Roma raddoppia la posta. Il Campidoglio ha indetto infatti un bando «per la selezione ed il finanziamento di progetti finalizzati alla realizzazione di campagne di comunicazione volte a sensibilizzare e informare la cittadinanza sui diritti delle persone LGBTIQ»

Il tempo per la presentazione delle domande è scaduto lunedì 20 giugno, alle 12. Una tempistica straordinariamente breve, di fatto una lotteria di fondi, che, in realtà, non provengono dal Comune ma da un bando nazionale dell’Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni razziali (Unar) gestito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, il cui raggio d’azione va dai Rom e Sinti, fino alla giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia.

Essendo il tetto massimo complessivo dei fondi stabilito in 900mila euro, ed essendo ogni associazione beneficiaria di una somma non superiore a 30mila euro ciascuna, il numero delle associazioni che potranno ricevere i fondi non supererà il numero di trenta. Inevitabile, dunque, che riusciranno a fare domanda soltanto i soggetti più strutturati, in grado di presentare un progetto in soli cinque giorni. Le associazioni di minori dimensioni e con minori risorse rimarranno prevedibilmente fuori.

Le modalità irrituali con cui è stato presentato il bando hanno suscitato molte perplessità. Senza dubbio quei soldi dovrebbero andare alle famiglie naturali, che in questo momento hanno difficoltà a pagare un mutuo, perché uno dei due genitori ha perso il lavoro o per altre difficoltà economiche attuali, legate ad esempio alle bollette che sono raddoppiate nel giro di pochi mesi. Difficoltà che avrebbero dovuto stimolare misure per queste famiglie, cosa che non è avvenuta.

L’impegno del Comune a favore dell’associazionismo LGBT+, oltretutto, è parecchio cresciuto nelle ultime tre consiliature e non solo al Comune ma anche alla Regione, dove Zingaretti e la sinistra governano da nove anni. La giunta regionale ha finanziato progetti LGBT+ per decine di milioni di euro, sperperando inutilmente soldi anche per le comunità rom e sinti, visto che queste comunità non si sono mai integrate. Ovviamente, senza nessuna attenzione per le famiglie disagiate, per i disabili, per le problematiche minorili e per le scuole. Dall’opposizione, ci impegneremo a cambiare le cose e a trasmettere la nostra diversa visione..

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

22/06/2022
0407/2022
Santa Elisabetta di Portogallo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il vento cambia anche in Romania

L’“Unione per la salvezza della Romania”, guidata dal 46enne Nicosur Dan, debutta alle urne raccogliendo una sonante percentuale di voti del 9,3%. Il messaggio del nuovo movimento, fondato solo 6 mesi fa, è “onestà e competenza”. Quindi cambiamento sì, ma anti-politica no. Un insegnamento anche per le prossime politiche italiane

Leggi tutto

Media

Vogliono tornare all’EIAR

Ho lavorato per molti anni in Rai e ne conosco bene il terribile sport che accomuna l’ipertrofica pianta organica dei dipendenti e dirigenti dell’azienda: fiutare il vento e piazzare la vela in conformità. Per chi ama la libertà delle idee è qualcosa che ti fa mancare l’aria, io mi dimisi addirittura da un contratto a termine, comprendo perfettamente la decisione di Milena Gabanelli di autosospendersi davanti all’umiliazione, come quella di Giletti e Floris (altro sgradito, molto sgradito a Renzi) di andarsene a La7.

Leggi tutto

Politica

Un ultimo sforzo

L’ultimo sforzo che dobbiamo produrre in vista delle elezioni amministrative del 10 giugno serve proprio a questo: dimostrare una ulteriore capacità di raccolta del consenso, che dia un segnale di crescita rispetto allo 0.7% ottenuto alle politiche del 4 marzo. Se tre mesi dopo dovessimo farci trovare in buona salute elettorale, aumentando significativamente la nostra percentuale di voti, sarebbe la conferma che tutto questo colossale lavoro compiuto a mani nude sta pagando e con ulteriore costanza otterremo in futuro risultati ancora migliori, soprattutto quando spunterà la inevitabile disillusione verso l’azione del governo a trazione grillina.

Leggi tutto

Politica

Lo spazio politico al centro

I flussi elettorali hanno provocato un’intensa polarizzazione tra centrodestra verso destra e centrosinistra verso sinistra, ma evidenziano l’esistenza e la resistenza del bacino centrista, riversatosi nel voto alla Lega e nell’astensione. Il centro vale ancora 7 milioni e mezzo di voti, un buon 15%.

Leggi tutto

Società

Non è un paese per bambini. Né per madri.

Alle madri è chiaramente impedito portare la propria visione della vita nei luoghi pubblici: di fatto la figura della madre è resa invisibile da mode (quella ecologista che vede l’avere figli come una violenza contro il pianeta, ad esempio), opinioni sbagliate (se hai più di due figli sei una povera idiota costretta al focolare, sei una che non conosce l’azione degli anticoncezionali, sei un’egoista) e proposte economiche imbarazzanti (i figli che dopo i 14 anni non valgono nulla, per il Ministero della Famiglia del paese).

Leggi tutto

Media

Arte: 12 fotografi raccontano San Francesco

Al via a Roma al MAXXI, il Museo nazionale delle arti del XXI secolo, la mostra fotografica “Francesco ieri e oggi, 100 anni di comunicazione e cultura francescana”: 12 fotografi, tra i più importanti del nostro Paese, raccontano con i loro scatti il Santo di Assisi.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano