Politica

di la redazione

La lezione di Cacciari a Conte e Letta

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Alla fine l’Italia continuerà a inviare armi all’Ucraina e non si è aperta nessuna crisi di governo, ma secondo Massimo Cacciari non c’è nulla di cui stupirsi. Per quanto il governo Draghi ne esca malconcio, con anche la fuoriuscita di Luigi Di Maio dal Movimento 5Stelle, era chiaro che nessun partito avrebbe staccato la spina all’esecutivo.

Intervistato da La Stampa, l’ex sindaco di Venezia non le manda a dire ai leader politici del centrosinistra, come Giuseppe Conte ed Enrico Letta. Le polemiche degli ultimi giorni? “Tutta manfrina”, secondo il filosofo. “Una polemica fasulla. Il tentativo di darsi un’identità nell’attesa di prossime prove”.

Restando in campo grillino, secondo Cacciari la fine politica del Movimento è ormai stata decretata. “Era ora”, ammette, senza mezzi termini. La polemica sulle armi era, del resto, fine a se stessa perché “l’Europa ha deciso di sostenere l’Ucraina anche con l’invio delle armi, dunque c’è poco da fare. L’Italia non può togliersi di dosso questa corresponsabilità, ci mancherebbe altro”.

Intanto il Movimento si frattura. “Viene mal di pancia a parlare di valori. Niente più che una guerra intestina”, è il commento di Cacciari. A suo dire, Di Maio ha fatto la scissione proprio per restare all’interno dell’esecutivo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/06/2022
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Il Reddito di maternità è contro l’aborto

È stato pubblicato il report ufficiale Istat sull’applicazione della legge 194, rilanciato in un documento a firma del ministro Grillo. Dell’aborto è ormai politicamente impossibile parlare, ma la proposta legislativa d’iniziativa popolare del Popolo della Famiglia – l’istituzione del Reddito di maternità – potrebbe avere un effetto realmente disincentivamente rispetto al ricorso all’aborto.

Leggi tutto

Società

Manco al cinema posso andare

29 milioni di italiani continuano a vivere regolarmente sposati, allevano 15 milioni di figli minorenni o maggiorenni non autosufficienti, si fanno carico di 3,8 milioni di disabili, degli anziani che non possono più vivere da soli. Questa è l’Italia, nella sua stragrande ottimizzato. Raccontarla, mai?

Leggi tutto

Politica

Benzina: ondata di rincari

Mentre il gas scarseggia e i prezzi del petrolio salgono al massimo pluriennale, e sembrano non volersi arrestare, i servizi pubblici e le aziende industriali di tutto il mondo potrebbero sostituire il gas naturale e il Gnl ad alto prezzo con il petrolio.

Leggi tutto

Società

PAKISTAN - La gente chiede al governo di proteggere le minoranze religiose

Leggi tutto

Politica

I temi etici non sono politici?

Cosa ha provato a spiegare il Popolo della Famiglia? Che spendere decine di milioni di euro delle casse pubbliche per avviare una pratica generalizzata di selezione eugenetica finalizzata alla soppressione dei nascituri down era una scelta di stampo nazista. Il Nipt senza ombra di dubbio ha quella finalità: è stato reso gratuito in Islanda e in Danimarca a seguito del programma governativo “Down Syndrome free” ottenendo nell’ultimo quinquennio la soppressione del 100% in Islanda e del 98% in Danimarca dei nascituri down individuati dal test. Non sto a dire che per un cattolico tale comportamento e anche tale scelte politica di impiego delle risorse pubbliche dovrebbe implicare una immediata presa di distanza. Ma anche per chiunque abbia un minimo a cuore la sorte dei bambini down, al di là di qualsiasi orientamento religioso, un governatore che avvia questo tipo di “sperimentazioni” dovrebbe risultare immediatamente invotabile.

Leggi tutto

Politica

Via libera alla proroga del Superbonus ma non basta…..

Oltre alla proroga al 2023 del Superbonus, nel testo della Nota trova spazio anche il rinnovo della cassa integrazione d’emergenza e la proroga dei termini delle domande per l’assegno unico fino al 31 ottobre («Si sarà inoltre in grado di attuare la riforma degli ammortizzatori sociali e un primo stadio della riforma fiscale - si legge nell’introduzione -. L’assegno unico universale per i figli verrà messo a regime».. Ma è sempre poco per le famiglie!

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano