Politica

di Roberto Signori

USA - Primo via libera del Senato alla stretta sulle armi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Con un primo voto procedurale la proposta di legge bipartisan per una stretta sull’uso delle armi da fuoco ha ricevuto l’ok del Senato. Già sabato potrebbe già arrivare il voto definitivo che consentirebbe il passaggio alla Camera.

Il testo, composto di 80 pagine, è frutto di una mediazione tra tra democratici e repubblicani e prevede un rafforzamento dei controlli sui precedenti penali per gli acquirenti under 21, 11 miliardi di dollari di finanziamenti per la salute mentale e 2 miliardi per i programmi di sicurezza nelle scuole. Il piano mette in campo anche finanziamenti per incentivare gli Stati a implementare le red flag laws, leggi che consentono di togliere le armi da fuoco alle persone considerate una minaccia per sé o per gli altri. Divieto all’uso di armi anche per i partner coinvolti in abusi domestici.

La National Rifle Association, organizzazione americana che agisce in favore dei detentori delle armi, annuncia battaglia a quella che si presenta come la più significativa riforma in materia degli ultimi trent’anni: “ci opporremo a questa legislazione sul controllo delle armi perchè non è all’altezza di tutti i livelli si legge in un comunicato.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/06/2022
0407/2022
Santa Elisabetta di Portogallo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Al Senato vogliono varare il matrimonio gay

Gianfranco Amato racconta la sua audizione in commissione Giustizia

Leggi tutto

Storie

TURCHI, CURDI E LA BONINO PRIMA DELL’APERICENA

Abbiamo una insopprimibile necessità di iscriverci a una curva, perché sui social così possiamo distillare perle di saggezza che ovviamente sono solo maldestre copiature dei riassunti del mainstream, ingaggiando feroci quanto inutili flames con gli appartenenti alla fazione opposta. Ne muore, così, la reale e profonda comprensione dei fenomeni che sono sempre complessi persino se parliamo di Temptations Island, figuriamoci se ci azzardiamo a discettare di una guerra.
Allora, proviamo a spiegarla questa guerra. Così ci risparmieremo scene oscene tipo il massacro sui social di Under e Demiral, due ragazzi turchi che giocano nella Roma e nella Juve che come tantissimi ragazzi turchi sono cresciuti considerando quella curda come una grave minaccia e ora si schierano con la loro patria salutando i loro coetanei connazionali in guerra.

Leggi tutto

Politica

Natale: foto di famiglia con le armi

Nuova polemica in Usa dopo che Thomas Massie, un deputato repubblicano che rappresenta il Kentucky alla Camera Usa, ha postato su Twitter una foto con sei suoi familiari sorridenti che imbracciano vari tipi di armi d’assalto davanti ad un albero di Natale ornato da ghirlande.

Leggi tutto

Politica

USA - Ecatombe di aborti

Nel 2020 le pillole hanno rappresentato il 54% di tutti gli aborti statunitensi, dal 44% circa del 2019, ma i dati del 2021 e di quest’anno vedranno una crescita ancor più marcata. I numeri di questo dramma sono stati presentanti dall’abortista Guttmacher Institute: l’uso delle pillole abortive è in aumento dal 2000, quando la Food and Drug Administration ha approvato il mifepristone, ovvero il principale farmaco usato negli aborti farmacologici.

Leggi tutto

Politica

L’UE a gamba tesa sull’aborto negli USA

L’Unione Europea da sempre “spalla£ degli USA si monta la testa ed entra a gamba tesa sulla qiestione anorto

Leggi tutto

Chiesa

La mattinata americana e l’udienza di Papa Francesco

Dopo l’incontro con la famiglia presidenziale Usa, il Santo Padre ha incontrato il popolo in Piazza.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano