Società

di Giuseppe Udinov

Nigeria sull’orlo del precipizio

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Lo Stato nigeriano sembra essere sull’orlo del collasso” afferma una dichiarazione sulle elezioni presidenziali e parlamentari che si terranno nel 2023 firmata dal Segretario Generale del Segretariato cattolico di Abuja, padre Zaccaria Samjumi; dal Direttore degli Affari pastorali, padre Michael Banjo; e dal Direttore della sezione Chiesa e Società, padre Uchechukwu Obodoechina.

La dichiarazione ricorda l’esistenza dappertutto “di conflitti di diversa ampiezza e importanza: dagli assalti di uomini armati sconosciuti ovunque nel sud-est, all’insurrezione nel nord-est con l’uccisione di civili innocenti che continua senza sosta”. Il massacro nella chiesa di San Francesco di Owo, nello Stato di Ondo, commesso domenica 5 giugno “ha portato una nuova dimensione al massacro che avviene nel nostro Paese” si sottolinea.

Ai massacri si aggiungono i rapimenti a scopo di estorsione, dei quali sono vittime pure diversi sacerdoti e religiosi/e, l’instabilità nella “Middle Belt”, “la scarsità di cibo e il rialzo dell’inflazione” che determina “fame e miseria, presenti dappertutto”, e gli scioperi nelle università che lasciano i giovani “privi di senso di direzione e di scopo”. “C’è da stupirsi se tra i giovani ci sono così tanti casi di criminalità, di violenza e di attività malsane?” si chiedono i firmatari.

Di fronte a questo stato di cose, la politica appare distratta dalla compagna elettorale: “La classe politica è totalmente impegnata nell’allinearsi su nuove posizioni politiche in vista delle elezioni”. Gli estensori della dichiarazione invitano però i fedeli a non disperare e a non astenersi dal partecipare al processo politico, iniziando col registrarsi nelle liste elettorali e richiedendo la tessera elettorale (Permanent Voter’s Card PVC). A questo proposito il Segretariato cattolico elogia i sacerdoti che esortano i fedeli a richiedere la PVC ma mette in guardia quei preti, troppo zelanti, che impediscono ai fedeli privi della tessera elettorale di partecipare alla messa.

“Tuttavia, nel tentativo di incoraggiare tutti a ottenere il PVC, occorre prestare la massima attenzione a non privare le persone di quei mezzi che Cristo, attraverso la Chiesa, ha messo a disposizione per il nutrimento e la salvezza delle loro anime” afferma la dichiarazione. “La Chiesa, quindi, non approva la prassi secondo la quale i pastori d’anime vietano ai fedeli di Cristo il culto pubblico perché non hanno la loro PVC. Ai fedeli non deve essere negata la Santa Comunione o alcuno dei sacramenti della Chiesa per lo stesso motivo. I sacerdoti che agiscono in questo modo violano le leggi della Chiesa, che definiscono chiaramente le circostanze in cui i fedeli possono essere legittimamente privati di tali beni spirituali”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/06/2022
0712/2022
Sant'Ambrogio vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

L’uomo vitruviano non andrà in Francia?

Il prestito, già annunciato la primavera scorsa, aveva suscitato alcune rimostranze tra gli “addetti ai lavori” (in particolare l’associazione Italia Nostra) per i possibili problemi di conservazione; l’opera è infatti un disegno a china su carta, particolarmente fragile e sensibile all’esposizione alla luce e per tale motivo esposto al pubblico solo raramente.

Leggi tutto

Politica

Adinolfi a Mattarella: “Basta emergenza”

Leggi tutto

Società

Nigeria: no dei vescovi ai mercenari

- Le confessioni cristiane di Kaduna: “No all’ipotesi di assoldare mercenari stranieri per combattere i terroristi”

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: “Veramente importante il servizio che l’università può dare”

Papa Francesco riceve questa mattina in Udienza i Rettori delle Università del Lazio. Sono i Rettori dei tredici Atenei pubblici, statali e non statali, di Roma e del Lazio,

Leggi tutto

Politica

Analisi del governo Draghi e del dopo

Se un Centro è Centro deve, almeno in partenza, avere il coraggio di non guardare né a Destra né a Sinistra, “luoghi” ormai quasi privi di senso concreto per la gente. Credo che un Centro deve difendere e diffondere i valori per cui nasce e affrontare in quell’ottica i problemi concreti della gente. Spero tu condivida questa impostazione. Mi farebbe piacere un tuo concreto riscontro a riguardo

Leggi tutto

Storie

MOZAMBICO - L’assalto alla missione di Chipene è terrorismo

L’assalto alla missione di Chipene nel corso del quale è stata uccisa suor Maria De Coppi non è un evento isolato, ma è parte di una progressione di assalti condotti dagli insorti (probabilmente legati all’autoproclamata Provincia dello Stato Islamico in Mozambico) avviata a fine agosto, nelle due province settentrionali del Mozambico

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano