Storie

di Costanza Miriano

“Alcuni” sacerdoti ed i gay

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Tra sacerdoti che fanno gli auguri ad amici omosessuali nel giorno del loro “matrimonio” (salvo poi correggere in unione civile, ma insomma la sostanza rimane) e benedizioni in Chiesa di coppie civilunite, seguite da spiegazioni verbose e poco nette - di solito servono tante parole quando non si ha il coraggio di dire la Verità - e altri sacerdoti ancora che ammirano l’allegria del gay pride, volevo ricordare, anche se io invece non sono un sacerdote, che ovviamente la Chiesa fa gli auguri, benedice e prova simpatia per tutti gli esseri umani, a prescindere. Ma proprio per questo, perché li ama, non può smettere di dire la verità. L’uomo e la donna trovano la loro identità - e dunque la verità, la pienezza e la felicità - nella relazione con Dio, che solo ci dice chi siamo, e che ci ha creati maschio e femmina, a sua immagine, per entrare in relazione l’uno con l’altra. La relazione con l’altro sesso implica un cammino e una fatica, occorre uscire da sé e prendersi la responsabilità dell’amore. Chi non riesce o decide di non fare questo cammino - per una ferita che può avere origine in tanti modi diversi - va amato, non giudicato, perché nessuno si può permettere di entrare nel sancta sanctorum del suo cuore, solo Dio. Detto questo, è importantissimo che almeno la Chiesa, rimasta l’unica a farlo, continui a dire la verità alle persone che provano attrazione verso lo stesso sesso, perché chi vive una relazione omosessuale è, secondo il catechismo della Chiesa Cattolica, in un profondo disordine e quindi in una infelicità, che la parola “gay”, allegro, tenta goffamente di dissimulare. Nessun indice puntato, nessuna accusa, nessuna invadenza, però la Chiesa mantiene chiaro l’annuncio della Verità: quando siamo in relazione con l’altro sesso realizziamo l’immagine di Dio. Non è una robetta da niente, su cui possa tollerarsi confusione o incertezza. E’ al centro dell’antropologia cristiana, e se uno non crede che il Catechismo è esperto di umanità, se non crede che la via che indica è quella per la felicità, può tranquillamente cambiare mestiere.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/06/2022
0612/2022
San Nicola vescovo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ecco chi c’era al “sinodo-ombra” di maggio

Esce un libro in cui i “docenti di teologia” del conciliabolo in Gregoriana vengono allo scoperto, con nomi (sconosciuti),
numeri (risibili) e tesi (le solite). E le minacciose ombre proiettate sul cinematografo di Repubblica svaniscono d’incanto

Leggi tutto

Politica

A Torino si lava il cervello alla P.A.

L’unica cosa sulla quale concordo con l’assessore ArciGay Giusta è il fatto che il tema del linguaggio non sia una questione di puntiglio. Per i motivi esattamente opposti ai suoi. Il linguaggio esprime sempre una struttura di valori e costumi che si porta dietro e più in generale potremmo dire davvero che veicola una visione antropologia precisa. Ogni lingua ha una storia, ogni lingua è espressione della cultura di un popolo. Ed è per questo motivo che oggi più che mai è necessario puntigliosamente tornare a ridare alla parole il loro originario e reale significato. Altrimenti si rischia solo di violentare non solo un linguaggio, ma evidentemente l’insieme dei valori e storie che esso (il linguaggio) si porta con sé e veicola. Un linguaggio che forzosamente livella le differenze non solo violenta l’uso delle parole, ma soprattutto appiattisce a ribasso la bellezza variegata della realtà.

Leggi tutto

Politica

La nuova #roadmap per il Popolo della Famiglia

La percentuale dello 0.7% ha creato in alcuni – devo dire in realtà pochi – una certa delusione. Ora, è ovvio che sarebbe stato meglio ottenere un risultato maggiore, ma la domanda che dobbiamo porci è un’altra: «Noi abbiamo fatto davvero tutto il possibile?». Io credo di sì. Io credo che nelle circostanze date, abbiamo fatto davvero tutto quello che era nel novero delle nostre possibilità. Ora occorre cambiare le condizioni, cominciando proprio dall’allargamento della percentuale di italiani che conoscono il Popolo della Famiglia

Leggi tutto

Società

Assolto Giancarlo Ricci: psicologo, ex giudice onorario del Tribunale per i Minorenni di Milano

Un’interessante intervista con lo psicologo Giancarlo Ricci, saggista, conferenziere assolto per insufficienza di prove, dopo tre anni di udienze. Si trattava di un procedimento disciplinare in cui l’Ordine degli Psicologi contestava alcune sue affermazioni, lungo una trasmissione televisiva in cui tra l’altro affermava che “la funzione di padre e di madre è essenziale e costitutiva del percorso di crescita del figlio”.

Leggi tutto

Chiesa

Messaggio di Papa Francesco ai partecipanti al 25.mo Congresso mariologico mariano internazionale

La Madre di Gesù fa nascere il mondo della fraternità dove c’è posto per ogni scartato,Maria “è la Madre di tutti, indipendentemente dall’etnia o dalla nazionalità. Con queste parole Papa Francesco si rivolge ai partecipanti del 25.mo Congresso mariologico mariano internazionale che fino all’11 settembre vedrà confrontarsi circa 300 rappresentanti delle società mariologiche e studiosi provenienti da tutto il mondo sul tema “Maria tra teologie e culture oggi. Modelli, comunicazioni, prospettive”. Organizzato dalla Pontificia Academia Mariana Internationalis e presieduto a nome del Papa dal cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio consiglio della Cultura

Leggi tutto

Chiesa

Il chirografo di Francesco

Papa Francesco istituisce una Fondazione per gli ospedali cattolici. Sarà guidata dal presidente dell’APSA Nunzio Galantino.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano