Storie

di Nathan Algren

INDONESIA - La vita consacrata promuove autenticità e integrità

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le religiose, e tutti i membri degli istituti religiosi in Indonesia, sono pronti a mettersi in gioco e a combattere nella quotidianità e a livello culturale, la lotta contro la piaga sociale della corruzione: è quanto affermano le suore che hanno preso parte al recente seminario tenutosi a Semarang, nella provincia di Giava centrale. La vita consacrata in Indonesia - è emerso dal seminario - intende offrire un contributo per dare una testimonianza, formare le coscienze e scoraggiare la corruzione nei prossimi anni, promuovendo, nella missione quotidiana, valori e pratiche di integrità e di trasparenza a ogni livello.

Tra le religiose partecipanti, le Suore francescane della Penitenza e della Carità cristiana (Osf), suor Rosali Prime Hatmani, OSF, responsabile della congregazione, ha rimarcato che l’iniziativa di tale seminario per giovani suore è un passo formativo cruciale per motivarle, ​​sin dalla loro formazione iniziale, a comprendere e vivere questi valori fondamentali nella vita religiosa: affidabilità, autenticità, integrità personale. “Tale spirito fa parte dei valori fondamentali francescani” dichiara suor Rosali.

Suor Lea, del Nord di Sumatra, appena entrata nella congregazione dopo aver vissuto in Malesia tre anni come lavoratrice migrante, racconta: “Per ottenere tutti i documenti di viaggio di cui avevo bisogno per completare la mia domanda di lavoro all’estero, mi è stato chiesto di pagare molto denaro extra in cambio di passaporti e altri documenti di viaggio”. Tale estorsione potrebbe essere evitata se l’autodisciplina fosse vissuta a livello personale, osserva.

La Direttrice spirituale, suor Vincentine OSF, ha riconosciuto che tale formazione sulla consapevolezza personale per adottare i valori fondamentali dell’integrità è cruciale nella intera società indonesiana.
“Ringraziamo anche la Fondazione Bhumiksara di Jakarta, che ha contribuito a far sì che questa formazione all’integrità personale avvenga nella nostra congregazione religiosa a Semarang”, ha affermato suor Vincentine.
La Fondazione ha inviato cinque volontari: un sacerdote gesuita, un medico, un motivatore professionista e formatore, uno psicologo e il suo direttore, tutti professionisti con esperienza pratica che, oltre a presentare la teoria e la pratica di quei valori, hanno anche condiviso le loro esperienze personali, ha spiegato il direttore di Bhumiksara, Royani Lim.

Nelle Chiesa cattolica indonesiana, nel percorso di formazione dei religiosi per la vita consacrata si sono gradualmente introdotte iniziative che toccano il tema della corruzione, che è molto sentito in Indonesia. Nella nazione, che si ritrova a martoriata da tale dilagante piaga, sia nel settore pubblico he nel privato, figure di alto profilo siano state arrestate con l’accusa di corruzione.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/06/2022
0407/2022
Santa Elisabetta di Portogallo

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Omosessuale e sentinella, non eroe

Giorgio Ponte è il primo omosessuale, che ha partecipato anche all’esperienza delle Sentinelle in Piedi, a esporsi a sostegno di un’idea chiara: la Chiesa non è contro i gay. Dice: “Non siamo contro le persone, ma per la loro salvezza. E non chiamatemi eroe”

Leggi tutto

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

Storie

Monsignor Delpini entra a Milano e siede sulla cattedra di Ambrogio

Avvenuto l’ingresso solenne di monsignor Mario Delpini come nuovo arcivescovo di Milano. Il racconto di una giornata speciale per i milanesi.

Leggi tutto

Politica

Una strada per liberi e forti

Nei giorni in cui c’è stato e c’è chi insistentemente afferma che il Popolo della Famiglia non serve più a niente non avendolo condotto immediatamente al seggio parlamentare, dunque meglio acconciarsi a sostenere i nuovi potenti e il governo del Trentennio, io resto sempre più convinto del progetto pidieffino e provo a delinearlo per quello che è, per quello per cui l’abbiamo fondato nel marzo 2016, per quello per cui credo che abbia ancora lo stesso inalterato senso ventotto mesi dopo e nel futuro a venire.

Leggi tutto

Società

LA FRANCIA MANIFESTA CONTRO IL DDL BIOETICO

600mila persone sono inopinatamente tornate a manifestare, per le strade d’Oltralpe, malgrado il tiepido sostegno dei Vescovi.

Leggi tutto

Società

Manco al cinema posso andare

29 milioni di italiani continuano a vivere regolarmente sposati, allevano 15 milioni di figli minorenni o maggiorenni non autosufficienti, si fanno carico di 3,8 milioni di disabili, degli anziani che non possono più vivere da soli. Questa è l’Italia, nella sua stragrande ottimizzato. Raccontarla, mai?

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano