Politica

di la redazione

Mario Adinolfi: “Di Maio indegno”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“In qualsiasi Paese del mondo il ministro si sarebbe dimesso”. Così Mario Adinolfi, presidente nazionale del Popolo della Famiglia, ha contestato oggi il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, all’indomani della scissione dal Movimento 5 Stelle: partito – fortunatamente – ormai sul viale del tramonto.

“La polverizzazione del M5S – ricorda Adinolfi – è l’esito più clamoroso di questa indegna legislatura, aperta con Di Maio che chiede l’impeachment per Mattarella, chiusa con Di Maio che va da Mattarella per farsi blindare la poltrona. In nessun Paese al mondo un ministro degli Esteri organizzerebbe la scissione del principale partito e gruppo parlamentare in un tempo di guerra come questo. Se lo facesse – prosegue – darebbe inevitabilmente le dimissioni perché alla Farnesina è
stato indicato in quanto leader di quel partito. Alle dimissioni per motivi siffatti del ministro degli Esteri seguirebbero crisi di governo e libere elezioni, come in Francia o Israele dove siamo alla quinta tornata di elezioni politiche in tre anni e mezzo”.
Un giudizio che prosegue nel segno della stigmatizzazione verso la mancanza di alcuna coerenza politica: “Da noi la
volontà popolare viene stuprata dal 2011, i partiti e i loro leader si comportano in modo indegno. E questa è la ragione della scissione di Di Maio. Uno schifo. Di Maio è indegno, i parlamentari violano la Costituzione ogni giorno comportandosi senza ‘disciplina e onore’, in un continuo mercato delle vacche. Si ponga termine a questo insopportabile e triste spettacolo prima che i cittadini si stanchino del tutto della politica. Si vada al voto anticipato”, conclude Adinolfi.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/06/2022
2811/2022
San Giacomo della Marca

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Lo scrittore, la politica ed i quattrini

Questo progetto si chiama “Rapsodia – scrittori nelle scuole” e per il 2016/2017 prevede l’incontro con Giacomo Mazzariol, giovanissimo autore di Castelfranco Veneto, che ha scritto un libro commovente sul fratello down. Il progetto, come accordo tra la scuola e le case editrici, prevede che gli autori vengano a titolo gratuito, ma in cambio almeno l’80% degli studenti presenti deve aver acquistato il libro.

Leggi tutto

Politica

In politica pazienti come i contadini: il seme del PDF è germogliato

Il Segretario nazionale del Popolo della Famiglia racconta la propria riflessione mentre si consolidava il positivo risultato elettorale di Ostia: «Mi è capitato tra le mani uno scritto di don Giussani che spiega che il fare non deve avere limiti di tempo preventivati e qualsiasi gesto impegna tutta la persona come tale. Occorre una pazienza di sviluppo lunga come la pazienza del Signore»

Leggi tutto

Politica

DEF: provare a leggere i numeri

Nel 2050 l’Italia avrà perduto il 17% della popolazione. In un trentennio accadrà quanto non è accaduto nel trentennio che andò dal 1915 al 1945, quando l’Italia fu squassata da due violentissime guerre mondiali e perse meno del 10% della sua popolazione. L’emergenza demografica, che si annuncia sicurissima all’orizzonte, non è un tema di nicchia: è la questione centrale italiana oggi.

Leggi tutto

Politica

Senza manco capir perchè

Ecco perchè la sinistra continua a perdere consensi in Italia e nel mondo…...

Leggi tutto

Chiesa

EL SALVADOR - “La democrazia è in terapia intensiva” ; parla il cardinale Rosa Chávez

“La democrazia ad El Salvador si trova in terapia intensiva”: sono le preoccupanti parole utilizzate dal cardinale Gregorio Rosa Chávez, Ausiliare di San Salvador, per fare il paragone con una malattia mortale che porta il malato nella “fase finale”.

Leggi tutto

Politica

Respinto il ricorso degli operatori sanitari contro l’obbligo del vaccino

Sentenza Consiglio di Stato del 20 ottobre 2021: “In fase emergenziale, il decisore pubblico può imporre l’utilizzo di terapie, pur sulla base di dati non completi”. Respinto il ricorso degli operatori sanitari contro l’obbligo del vaccino Covid

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano