Politica

di Mario Adinolfi

ALL’AMICO ABORTISTA E NON CREDENTE

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La questione religiosa non c’entra nulla con i 62 milioni di bambini statunitensi abortiti per via di una sentenza finalmente dichiarata incostituzionale. Mi rivolgo direttamente ad un mio amico abortista, uno dei tanti che in queste ore si è mostrato scandalizzato dalla decisione della Corte Suprema americana e pensa che gli sia stata imposta una visione religiosa della vita, a lui non credente. Caro amico abortista e non credente, non è così. La religione non c’entra nulla: il no all’aborto è figlio della ragione. Per una porzione sempre più ampia di popolazione è chiaro che la vita umana inizia il giorno del concepimento. Ogni storia, la mia e la tua e quella di ogni altro essere umano, è iniziata in quel preciso istante. Nessuno, neanche una donna, meno che mai mia madre, può decidere per me e può cancellare la mia storia ab origine. Non pretendo di convincere nessuno. Ma pretendo che la questione sia decisa democraticamente. E se il popolo del Texas e di altri 27 Stati degli USA democraticamente deciderà secondo ragione, impedendo la soppressione di un essere umano dal momento in cui il suo cuore batte, voi dovrete accettare il verdetto della democrazia. Senza adottare quell’aria di superiorità che non avete, che non meritate, se non sapete accettare che il popolo democraticamente decida diversamente dalle vostre convinzioni. Noi abbiamo accettato le decisioni del popolo sovrano quando sono state imposte ai nostri convincimenti. Adesso tocca a voi. Viva il diritto universale di ogni bambino a nascere, un vero diritto di civiltà. Basta soppressione di bambini innocenti, soppressioni che in tutti gli Stati Uniti venivano garantite nelle cliniche Planned Parenthood fino alla 24esima settimana, ottenendo per questo fondi federali per miliardi di dollari. Ora la mattanza degli innocenti è finita, sarà fortemente limitata negli Stati dove il popolo così vorrà. Dovremmo far festa tutti e inchinarci alle decisioni della democrazia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/06/2022
1708/2022
San Giacinto confessore

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Asta di taglie sulle teste dei feti di Planned Parenthood

Il nono video del Center for Medical Progress svela i retroscena delle lotte tra Advanced Bioscience Resources, l’azienda con cui i magnati dell’aborto lavorano dal 1989, e Stem Express, nata dal suo fianco per farle concorrenza. Tra loro è un’asta di taglie per piccoli ricercati: vivi o morti (ma meglio vivi, pare che i pezzi se ne vendano meglio)

Leggi tutto

Società

Al Campus bio-medico di Roma non si insegna l’#aborto, e l’AMICA insorge

Chiedono la sospensione dell’istituto come “ente formativo” i membri dell’Associazione degli abortisti: la colpa sarebbe la fedeltà al giuramento di Ippocrate. Il sistema bio-politico che appiattisce le differenze (ovvero l’uniformità che diviene controllo), sono un modo per dettare legge sul pensiero delle masse: per il gender riguarda le differenze fisiche che non devono essere valorizzate, nel caso dell’economia si tratta dell’eliminazione del merito… non è però l’uguaglianza, quella della quale la cultura ha bisogno, perché il rispetto non nasce dall’equiparare le differenze. Si tratta solo di una forma di controllo: eliminare la libertà educativa, che in questo caso riguarda il presupposto col quale effettuare interventi chirurgici ginecologici ma in altri può significare molto di più (si pensi ai corsi scolastici su bullismo o erotismo) è una forma di controllo.

Leggi tutto

Politica

Curiosità sul G20

Vaccini, clima e salute al centro dell’agenda del capi di Stato. In programma oggi il meeting congiunto dei ministri delle Finanze e della Salute per fare il punto sui vaccini e sulla situazione pandemica.

Leggi tutto

Storie

USA: detenuti maschi trans trasferiti segretamente in una prigione femminile

Secondo un sondaggio alcune agenti carcerarie hanno riferito di essere a disagio per il fatto di dover perquisire i prigionieri transgender con genitali maschili che sono ospitati nelle carceri femminili.

Leggi tutto

Politica

USA: le scuole private per l’ideologia gender

E’ in corso una vera e propria tentazione ideologica di creare, sin dall’infanzia, un “uomo” nuovo, sradicato dal proprio cuore e dal proprio corpo

Leggi tutto

Società

Malta barriera contro l’aborto

Prima delle elezioni, il gruppo pro-vita ‘Life Network Foundation Malta’ aveva condotto un’importante campagna di sensibilizzazione sul tema, chiedendo ai partiti di rendere chiare all’elettorato le loro posizioni sull’aborto e l’eutanasia, ponendo una serie di domande pubbliche a tutti i partiti e ai loro leader.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2022 La Croce Quotidiano